• Foto di Alpi Apuane - Resceto - cave Cruze - M. Tambura - P.sso Focolaccia - Resceto
  • Foto di Alpi Apuane - Resceto - cave Cruze - M. Tambura - P.sso Focolaccia - Resceto
  • Foto di Alpi Apuane - Resceto - cave Cruze - M. Tambura - P.sso Focolaccia - Resceto
  • Foto di Alpi Apuane - Resceto - cave Cruze - M. Tambura - P.sso Focolaccia - Resceto
  • Foto di Alpi Apuane - Resceto - cave Cruze - M. Tambura - P.sso Focolaccia - Resceto
  • Foto di Alpi Apuane - Resceto - cave Cruze - M. Tambura - P.sso Focolaccia - Resceto

Difficoltà tecnica   Impegnativo

Coordinate 1752

Uploaded 1 giugno 2015

Recorded giugno 2015

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
1.887 m
471 m
0
2,8
5,6
11,25 km

Visto 845 volte, scaricato 32 volte

vicino Resceto, Toscana (Italia)

Percorso impegantivo per lunghezza e dislivello, soprattutto nella seconda parte da passo Tambura in poi non ci sono punti approvvigionamento d'acqua se non il rifugio Nello Conti.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Si raggiunge il paese di Resceto (q. 482 m, ore 9:00) e all’inizio del paese a un bivio teniamo la sinistra sulla strada che sale molto ripida e stretta raggiungiamo il parcheggio principale. Zaini in spalla, riscendiamo la strada per circa 200 m e torniamo al bivio e svoltando a sinistra prendiamo la strada che ci porta alla fine delle case sul sentiero CAI 165. Il sentiero sale subito abbastanza ripido lungo il canale dei Vernacchi e superati alcuni ovili arriviamo a un casottino in cemento dal quale esce anche un tubo per l’acqua (q. 585 m). A questo questo punto il sentiero CAI 165 svolta a destra dietro il casottino dell’acqua. Il sentiero sale ripido e dopo circa 30 minuti dalla partenza arriviamo al Ponte del Pisciarotto (q. 696 m) questo ponte ancora integro, è sormontato da delle travi in acciaio, dette verghe e fa parte della via di lizza che scende dalle Cave Cruze. Proseguiamo il percorso scendendo leggermente a sinistra per aggirare il ponte ed attraversiamo il corso d’acqua per poi ricominciare subito la salita che ci porterà presso una fonte d’acqua e punto di snodo di sentieri (q. 980 m). Da qui si diramano il sentiero CAI 164 che porta verso i Campaniletti e il Rifugio Nello Conti e i sentieri CAI 160 – 165 che si diramano poco sopra (occhio alle indicazioni!). Il CAI 160 porta verso il monte Sella, mentre il CAI 165 che stiamo seguendo ci porta verso il monte Alto di Sella, facendoci aggirare la via di lizza sulla destra ed attraversare la località Selvarella (boschetto di faggi) fino ad arrivare ad una vecchia casa diroccata che era all’epoca utilizzata dai cavatori. In questo punto è possibile prendere un sentiero di collegamento al sentiero CAI 164. Superiamo la casa diroccata e iniziamo la bellissima e faticosa via di lizza molto aerea, che ci porterà presso le cave Cruze, superando lungo il percorso un’enorme cisterna per l’acqua. Arrivati il cima troviamo un’ulteriore casa diroccata al servizio dei cavatori dalla quale a sinistra inizia il sentero CAI 164 per un primo tratto attrezzato con un cavo e a destra proseguiamo per raggiungere la Focetta dell’Acqua Fredda. Da questo punto si apre un panorama mozzafiato: Roccandagia, Tambura, Alto di Sella, Sella, Sumbra… Dalla Focetta dell’acqua Fredda ci incamminiamo verso il Passo Tambura e poco prima del passo, decidiamo di scendere una 50 ina di metri alla fonte sottostante per rifornirci d’acqua. Risaliamo e raggiungiamo il Passo Tambura, da qui in poi il sentiero CAI da seguire è il 148 che ci porta in vetta al monte Tambura (q. 1890 m, ore 14:00 circa) dove sostiamo per il pranzo e per riposarci un po’. Si riparte che sono le ore 15:00 circa e ci incamminiamo scendendo verso il Passo della Focolaccia, dal quale poi percorriamo un tratto di strada di cava fino ad arrivare al bivio tra i sentieri CAI 166 e 166 bis / 36. Si decide di continuare in maniera tosta ed ardita il percorso di rientro percorrendo il sentiero 116 bis (Lizza Silvia) che ci porta infine sul sentiero CAI 35 (Via Vandelli) che ci farà concludere il nostro giro portandoci direttamente al parcheggio di Resceto.

1 comment

  • Foto di Lorenzo Verdiani

    Lorenzo Verdiani 2-mag-2017

    Percorso fatto il 29 Aprile 2017 che non conoscevo e devo dire molto impegnativo. Bellissimo e grazie veramente per averlo condiviso. L'unica variante che ho apportato é stata quella, una volta raggiunta la vetta del Tambura, di tornare al Passo della Tambura e scendere dalla Via Vandelli anziche dal Passo della Focolaccia.

You can or this trail