• Foto di Monte delle Fate
  • Foto di Monte delle Fate
  • Foto di Monte delle Fate
  • Foto di Monte delle Fate
  • Foto di Monte delle Fate
  • Foto di Monte delle Fate

Difficoltà tecnica   Medio

Tempo  6 ore 3 minuti

Coordinate 816

Uploaded 1 maggio 2013

Recorded novembre 2012

-
-
1.085 m
504 m
0
1,9
3,8
7,66 km

Visto 1971 volte, scaricato 56 volte

vicino Sonnino, Lazio (Italia)

Da Amaseno (FR), seguendo la strada per la valle Vettia, si raggiunge un piccolo abitato (Case Ravicelle), dove, poco prima di un tornante verso sinistra, si parcheggia.
A destra del tornante inizia il sentiero indicato con il n°35 sopra una grossa roccia. Dopo pochi metri, si scavalca il filo spinato (messo lì solo per non far transitare gli animali sulla strada) e si prosegue salendo lungo la stradina che si restringerà progressivamente fino a diventare un sentiero.
I segni bianco-rossi sono abbastanza evidenti e facili da seguire. A un certo punto il sentiero devia verso destra all’altezza di un’evidente indicazione su una roccia, per poi inoltrarsi poco dopo all’interno del bosco. Più avanti, dopo essere usciti dal bosco, si arriva ad una radura con dei curiosi massi che sembrano avere forme geometriche. Nella radura c’è anche una caratteristica cisterna per l’acqua.
Il sentiero prosegue a sinistra, addentrandosi nuovamente nel bosco, e, con una ripida salita, ne riesce di nuovo in corrispondenza del prato dove sorge il piccolo nuovo rifugio “Jo Caturo” (quota 860 s.l.m.), da dove il panorama si allarga verso Amaseno e i primi contrafforti dell’Appennino.
Si prosegue in salita sulla destra verso la cima, attraversando un altro tratto di bosco.
Quando la vegetazione inizia a farsi meno fitta, si esce definitivamente dal bosco e si prosegue, raggiungendo la cima del Monte delle Fate (1090 metri s.l.m.). Dalla vetta la visuale si allarga a 360°, oltre che verso il mare, il promontorio del Circeo e il lago di Fondi, anche verso i vicini monti Lepini ed Aurunci, e sulla sottostante valle. Per scendere, si percorre il sentiero fatto all’andata.

Commenti

    You can or this trail