-
-
30 m
30 m
0
1,9
3,8
7,56 km

Visto 891 volte, scaricato 2 volte

vicino Toline, Lombardia (Italia)

Domenica 28 Aprile 2013
CORNA TRENTAPASSI - TRE TAPASC mt.1248
Zone – Lago D’Iseo – Prealpi Bresciane - BS
Villasanta – A4 MI/BS – uscita Rovato – Lago D’Iseo – Marone

Percorso : Marone - Cusato ,frazione di Zone 680mt.
Dislivello in salita : 568mt.
Difficoltà:E/Escursionistico
Tempo: 2 ore per la salita (qualcosa in più se consideriamo diversi saliscendi)
Per la discesa due possibilità :
1.Ritorno dalla stessa via di salita.
2.Percorso impegnativo e più lungo :
Direzione Monte Vignole (1095mt.) – Dosso Tondo (1079mt.) - Cusato (680mt.)

Piacevole,interessante,panoramico…questo è il luogo migliore per osservare
il Lago d’Iseo e le montagne circostanti,specialmente in una giornata dal cielo terso.“Corna Trentapassi”: “tre tapasc” ovvero “tre ceppi”a indicare le tre cime che caratterizzano questa montagna. Il versante occidentale è così ripido da sprofondare direttamente nelle acque del lago per 1000mt. Il secondo percorso proposto è l’itinerario classico prealpino,si tratta di percorrere il crinale che partendo dal Monte Corna Trentapassi arriva sino a Punta Cunicolo passando in tutto per 4 cime:crinale posto sulla sinistra orografica del lago e che lo divide dalla Valle di Zone.
Descrizione del percorso:Imbocchiamo la carrareccia lastricata che transita tra i prati e le ultime case di Cusato,guadagnando progressivamente quota tra la vegetazione. In prossimità di case Coloreto (mt. 895) lasciamo la strada sterrata per seguire l’indicazione che sale sul ripido sentierino a sinistra. Aggiriamo dall’alto il casolare sino ad un’apertura dove possiamo godere di una bella vista sulla valle di Zone. Dopo un ripido tratto in salita arriviamo alla Forcella Occidentale Trentapassi (mt.964) dalla quale si code di un primo panorama sul Lago d’Iseo.Siamo anche ad un importante crocevia di sentieri: noi proseguiamo deciso a sinistra risalendo ripidamente nel bosco (segnaletica),poco sopra usciamo dal bosco all’aperto in coincidenza di uno spettacolare punto panoramico dal quale possiamo osservare il lago e la parte inferiore della Val Camonica. Siamo sovrastati dalla ben visibile sommità del Monte Corna Trentapassi, per raggiungerne la cima manteniamo il sentiero tra i prati, dapprima in salita quindi con un tratto più lieve, a tratti quasi piano che traversa sul versante della Val di Zone sino a guadagnare il Forcellino di Zuf (mt. 1050) dove torniamo ad affacciarci sul Lago d’Iseo.Proseguiamo la salita in vetta lungo l’evidente sentiero che sale ripido a destra con la cima già visibile. Il sentiero sale erto ma semplice offrendo una visione sempre più spettacolare verso sud sulla grande isola lacustre (Montisola) posta nel lago. Nella salita tocchiamo un crinaletto, procediamo verso una selletta che divide la vetta vera e propria dall’anticima posta a destra che volendo può essere raggiunta con una brevissima deviazione. Un ultimo sforzo e siamo in cima a questo sensazionale punto panoramico (mt.1248) con splendida visione sulla sponda bergamasca e sulla valle di Endine. L’orizzonte nordovest offre nei giorni tersi una vista stupenda sulle Alpi Orobiche e la Presolana.A oriente la vista spazia invece sulle Prealpi Bresciane e in particolare sulla grande e tozza sagoma del Monte Guglielmo. Il proseguo dell’escursione prevede ora il rientro a ritroso sino al Forcellino di Zuf poi raggiunta la forcella ha ora inizio a destra il sentierino che segue fedelmente il filo della cresta con alcun passaggi su roccette che richiedono un minimo di agilità e di attenzione. Davanti a noi la seconda vetta dell’escursione: il Dosso Tondo che trae nome dalla sua forma regolare con pendii a prato fino alla sommità. Il tratto su roccette ha termine poco sotto la vetta: la raggiungiamo in ultimo seguendo la traccia nel prato fino alla cima(m 1079).Davanti a noi è ben chiara e visibile la continuazione del sentiero con la cima del Monte Vignole a breve distanza. Per raggiungerne la cima caliamo infatti alla selletta subito sotto il Dosso Tondo per poi mantenere il sentiero fin sotto la vetta che raggiungiamo salendo il facile pendio per lo più prativo. Dalla cima scendiamo a ritroso fino a tornare al segnavia del sentiero n°229 per Cusato. E’ un tracciato semplice, tra la vegetazione, che dopo aver perso quota nel sottostante valloncello incrocia la mulattiera che sale da Cusato verso Punta Cunicolo. La percorriamo verso valle fino a tornare al punto di partenza dove ci attende il pullman. Se il tempo ce lo permette faremo una sosta alle Piramidi di Zone, particolari conformazioni conoidali di calcare sormontate da massi di granito dalla particolare forma a fungo.

View more external

Commenti

    You can or this trail