• Foto di borntotrek.it monte Vettore da forca di Presta - monti Sibillini
  • Foto di borntotrek.it monte Vettore da forca di Presta - monti Sibillini
  • Foto di borntotrek.it monte Vettore da forca di Presta - monti Sibillini
  • Foto di borntotrek.it monte Vettore da forca di Presta - monti Sibillini
  • Foto di borntotrek.it monte Vettore da forca di Presta - monti Sibillini

Difficoltà tecnica   Medio

Tempo  4 ore 47 minuti

Coordinate 2203

Uploaded 28 gennaio 2017

Recorded luglio 2016

-
-
2.489 m
1.532 m
0
2,9
5,7
11,4 km

Visto 19 volte, scaricato 0 volte

vicino Camartina, Marche (Italia)

http://www.borntotrek.it
https://www.facebook.com/groups/29827788471/

ATTENZIONE: a seguito degli eventi sismici che hanno colpito il centro Italia e la valle del Tronto nell'estate/autunno 2016 il percorso è sottoposto a restrizioni dalle autorità locali, inoltre i famosi e meravigliosi paesi della zona sono stati distrutti o rovinati, non abbandoniamo la zona continuandola a frequentarla ma prima di partire meglio assicurarsi sulle condizioni del tracciato.

Percorso tra i più famosi e frequentati dei monti Sibillini, la via di accesso più immediata al monte Vettore ma non per questo da sottovalutare. La salita è ben marcata ma costante e a tratti anche ripida e può decisamente risultare faticosa ai meno esperti e allenati in considerazione dei quasi 1.000mt di dislivello, della costante esposizione al sole e all'assenza di sorgenti d'acqua.
Lungo la salita i panorami sulla valle del Tronto e le limitrofe località montane sono meravigliosi, una vista mozzafiato si ha sulla piana di Castelluccio famosissima per la sua fioritura che avviene tra la fine di maggio e inizio luglio, si consiglia di venire nel periodo della fioritura per godere dello spettacolo indimenticabile di colori di ogni tipo!
A 3/4 della salita si giunge al rifugio Zilioli da dove è possibile percorrere il sentiero in discesa sul versante opposto per raggiungere il famoso lago di Pilato, lago più alto degli Appennini, unico al mondo e protetto dalla guardia parco in quanto habitat di una specie unica al mondo, il Chirocefalo del Marchesoni, un piccolo crostaceo capace di colorare il lago di rosa in determinate ore del giorno.
La discesa al lago (a tratti molto pendente e sconnessa) e la risalita aggravano la difficoltà del percorso, se non si scende al lago è possibile comunque apprezzarne la visuale dalla vetta del Vettore.

Commenti

    You can or this trail