Difficoltà tecnica   Impegnativo

Tempo  7 ore 2 minuti

Coordinate 720

Uploaded 26 dicembre 2016

Recorded dicembre 2016

-
-
2.147 m
935 m
0
3,7
7,5
14,98 km

Visto 71 volte, scaricato 0 volte

vicino Riccomassimo, Trentino - Alto Adige (Italia)

Alla fine ce l’ho fatta a salire sul M. Telegrafo, e ce l’ho fatta in un momento dove non sono fisicamente al top e questo per me è un motivo di soddisfazione ulteriore. Ci avevo provato una prima volta questa primavera, partendo dai Fienili Frei http://www.hikr.org/tour/post108270.html, ma allora desistetti nel portare a termine il mio proposito a causa di un improvviso peggioramento del tempo e un calo fisico inaspettato quanto anch’esso improvviso.

Stavolta “l’attacco” alla cima parte da un luogo diverso, all’apparenza più corto e fattibile, ma spesso come si sa, le varianti possono molte, non da ultimo quelle che ti da la cartina Kompass oppure una segnaletica quasi inesistente per gran parte del tragitto.

Dopo aver trovato finalmente il parcheggio, come da relazione trovata in rete imbocchiamo la strada sterrata/cementata che sale verso Ovest, passa diverse baite e fienili dai nomi sconosciuti, e una volta giunti ai Fienili Ermos troviamo l’unica indicazione degna di nota: a sinistra si prosegue per il M. Carena, a destra si va verso la Cappella dell’Arciprete con l’omonimo passo, punto di passaggio per salire al M. Telegrafo.

E allora via verso destra, sulla stradina irta e cementata che ci fa giungere alla Malga di Vallelusso Basso, qua, vedendo che la sterrata prosegue verso sinistra aggirando lungamente un costone erboso decidiamo il da farsi; visto che abbiamo idea di dove siamo posizionati, decidiamo che è venuto il momento di dare il via a ciò che più ci piace… l’escursionismo di ricerca.

E così dal Bivio/Direttissima, come da me waypuntato, risaliamo il vallone erboso che termina verso il crinale, ma poco prima di arrivarci la nostra direzione di marcia cambia improvvisa e vira verso Nord laddove si vede già in lontananza la nostra meta.
Ora siamo alla Malga Vallelusso Alto, una bellissima malga ormai ridotta a rudere, navigando sempre a vista aiutati da un cielo particolarmente limpido, da qua guadagniamo il crinale quasi all’altezza del Passo dell’Arciprete, sostiamo per qualche minuto alla Santella e poi al Bivacco, e senza incantarci troppo risaliamo il ripido pendio erboso sino a sbucare di nuovo su un aereo e cammellante crinale, oltrepassiamo la P. 2139 dove mi ero fermato nel tentativo precedente, e tempo una trentina di minuti ma anche meno, siamo finalmente sull’agognato M. Telegrafo dopo aver affrontato un breve tratto attrezzato e qualche semplice passaggio su roccette. 3h dal via senza correre.

Grazie ad una giornata a dir poco bellissima la vista è veramente eccezionale, senza farla troppo lunga sull’ampiezza della visuale, lascio parlare le foto. Qua ci fermiamo per consumare il nostro pasto con un clima quasi primaverile.

Dopo esserci abbuffati in maniera pesante col cibo, e dopo aver fatto una gara di rutti di stampo arcaico, è giunta l’ora di far ritorno all’auto, non avendo voglia di fare a ritroso il sentiero fatto all’andata dall’alto della cima ci guardiamo attorno per verificare un possibile tragitto alternativo. Eccolo…

Giù allora verso la dorsale Est passando per il Dossone Dolò, poi giù verso la Pozza Dolò e su verso una seconda dorsale che percorriamo in lungo sino ad intercettare una strada agro-silvo-pastorale, da qua, senza aver bisogno di essere un maestro di orienteering ci avviciniamo verso la Malga Vallelusso Basso.

Mentre stiamo percorrendo tranquillamente la nostra sterrata, noto sulla mia sinistra proprio in fondo ad un ripido pendio erboso una vecchia malga, discutiamo sul da farsi vista la mia curiosità di visitarla convinto anche di ritrovare la retta via anche da quella posizione, e tempo zero prendiamo una stretta dorsalina cosparsa di roccette che porta proprio alla malga (Malga Vallelusso), mentre con attenzione ne affrontiamo le semplici difficoltà, ci accorgiamo di una vecchia bollatura posta qua e la sulle rocce; a discesa avvenuta scopriamo che questo è il vecchio sentiero chiamato Variante 410, ma oramai sembra in stato di abbandono.
Da Malga Vallelusso a Malga Vallelusso Basso ci sono due minuti di mulattiera, da Vallelusso Basso in poi facile ritornare all’auto seguendo l’asciuga cocones cementata che stancamente ci riporta a Ponte Squadrone. E ciao, anzi ciaones a todos…



Nota 1): Il M Telegrafo gode di una posizione invidiabile perché è una cima isolata con bella visuale verso il Brenta, Il Cornone di Blumone e il Carè Alto, oltre che altre cime di tutto rispetto. Il mio personale consiglio è quello di far partire l’escursione da Bagolino, perché attraversa boschi e roccette e si può passare anche dal vicino M. Carena, il giro che ho fatto io per un lungo tratto si svolge su strada cementata ed è mal segnalato se non addirittura senza nessuna segnalazione. Giocoforza in questo caso inventarsi deviazioni un po wild che mettono a dura prova il fisico, ma danno però una soddisfazione maggiore all’escursione. 6h totali per un bel giro.
Nota 2): Cose a caso & chi se ne frega!



Furbetti schifosi: Scoperto un fisioterapista che “guariva“ le pazienti infilando loro un dito nell’ano. Se penso al Job's Act...

Spinoza: Anche Federico Moccia e Alba Parietti si sono schierati sul referendum. Poi vi lamentate se Red Ronnie parla di medicina.

Politica: Gentiloni è il nuovo Premier. E CHISSENEFREGA!!!





Nota 3): Eric e il Telegrafo…che batto.

BATTO.



Ci provo un'altra volta e certo non m’abbatto,

se cerco la mia cima non sono più distratto,

il cielo è sempre azzurro e fa da grande impatto.

Batto,

il sole è bello alto e abbasso lo scarlatto,

ma non divento nero se io propongo un patto,

per farmelo firmare... schiaccio un tasto e chatto.

Batto,

se il titolo è carino non mi sento sciatto,

assetto il mio cervello e poi io lo riformatto,

si fotta il gps se io divento gatto.

Fra tanti e tanti punti io ci metto un tratto, e in fondo mi domando: perché io adesso Batto?



A’ la prochaine! Menek e Rosa

Commenti

    You can or this trail