• Foto di Le cime dei Castelli

Difficoltà tecnica   Impegnativo

Tempo  6 ore 12 minuti

Coordinate 2235

Uploaded 28 dicembre 2015

Recorded dicembre 2015

-
-
939 m
170 m
0
15
30
59,25 km

Visto 314 volte, scaricato 9 volte

vicino Frattocchie, Lazio (Italia)

Giro lungo, impegnativo e abbastanza tostarello. Partendo da Frattocchie sviluppa circa 60 km per oltre 1.700 metri di dislivello positivo.
Dal parcheggio di Frattocchie si attraversa l'Appia e subito dopo si va a destra per via Costa Rotonda e poi per via Castagnole di sotto da dove si imbocca Via Giovanni Verga (da noi ormai soprannominata la salita della Verga per la sua durezza). Dopo questo strappetto si scende a destra verso la galleria che porta al Lago di Castel Gandolfo. Invece di imboccare la galleria saliamo sulla rampetta a sinistra (piccolo pezzo contromano, attenzione), arrivati a via Montecrescenzio la imbocchiamo a sinistra per poi prendere subito a destra un ripidissimo tratto di terrato (tratti vicini al 30%), questo strappetto di circa 100 metri è stato soprannominato cima Bummi (io in realtà l'avevo scoperta pensandola come discesa ma qualcuno più sadico di me ha pensato bene di crearci un settore Strava in salita...).
In cima si va a destra e in breve si arriva a Castel Gandolfo da dove si prosegue per le "Fratte ignoranti" dove un cancello permette di entrare su un bello sterrato inizialmente a mezzacosta nel bosco sul lago. Si percorre tutto il magnifico sterrato, con qualche tratto tecnico che obbliga a brevi tratti a piedi e poi a sinistra si arriva a un sottopasso un po' buio da percorrere con cautela sulla sinistra. DOpo il sottopasso si prosegue dritto per i magnifici sterrati paralleli alla via dei Laghi. A una biforcazione si scende a destra e dopo qualche km si arriva a Nemi.
Breve sosta con crostatina alle fragole e caffè per proseguire in discesa su un breve tratto di asfalto che conduce al cimitero da dove a sinistra si imbocca la sterrata che risale alla via dei laghi all'altezza del bivio per i Pratoni del Vivaro. Si imbocca brevemente la via dei Laghi in direzione Velletri per imboccare dopo poco la salita della Spina (ripida rampetta iniziale). Quando la salita spiana si prende a sinistra la ripida sterrata che conduce verso la cresta dell'Artemisio, qualche saliscendi e si arriva alla ripida e tecnica discesa della direttissima. Al termine della discesa si va a sinistra per arrivare ad un varco sulla destra che permette di attraversare la strada asfaltata che taglia in due i Pratoni del Vivaro. Adesso si prosegue verso via dei Corsi e successivamente si imbocca la salita Barbarossa in cima alla quale si imbocca a sinistra la sterrata che unisce Monte Cavo alla Madonnella.
Un classico tratto "mangia e bevi" porta alla strada asfaltata che sale a Monte Cavo che si percorre fino in cima alle antenne. Tornati brevemente indietro si va a destra in discesa sulla via Sacra che si abbandona ben presto per proseguire sempre in ripida discesa fino ai campi di Annibale dove ci si può rifornire di acqua prima di affrontare l'ultima asperità di giornata, il Maschio delle Faete, cima più elevata dei Castelli. Dai Campi di Annibale si imbocca la strada asfaltata che va verso Sud-Est fino ad incrociare sulla destra una sbarra con una vecchia e malmessa strada asfaltata che sale. La strada termina proprio in cima al Maschio delle Faete con le immancabili antenne a deturpare la cima.
Dalla cima si torna brevemente indietro a prendere il secondo sentiero che scende a sinistra, dopo poche centinaia di metri si va a destra per percorrere un bellissimo sentiero a mezzacosta che riporta alla strada di Monte Cavo da dove si scende brevemente su asfalto fino ad incrociare sulla sinistra la discesa TRE che conduce al ristorante la Foresta e da qui alle Fratte Ignoranti, a Castel Gandolfo e poi a Frattocchie per la via percorsa in salita.

Dati tecnici:
Totale Km: 60
Dislivello: 1.700
Difficoltà: MC

Commenti

    You can or this trail