Tempo in movimento  4 ore 34 minuti

Tempo  8 ore 34 minuti

Coordinate 3073

Uploaded 13 gennaio 2019

Recorded gennaio 2019

-
-
2.227 m
1.105 m
0
4,8
9,5
19,04 km

Visto 89 volte, scaricato 3 volte

vicino Fonte Cerreto-(Base Funivia), Abruzzo (Italia)

Partenza ore 8 dalla funivia di Fonte Cerreto in una splendida giornata di Gennaio, arrivati a Campo Imperatore ancora sgombro dagli sciatori domenicali, il nostro obbiettivo era quello di arrivare al Duca degli Abbruzzi e salire sul monte Aquila, ma dopo pochi metri le violente raffiche di vento che spazzavano la cresta del Duca ci hanno fatto cambiare programma ripiegando sulla cresta dello Scindarella.
Il percorso di base non è impegnativo, tra andata e ritorno da Campo Imperatore sino alla vetta di S.Gregorio sono circa 13km ma già dai primi metri la neve soffice scaricata nei giorni precedenti ci ha fatto rimpiangere di non aver portato le ciaspole con noi e tutto si è reso inevitabilmente impegnativo.
La prima vetta che si raggiunge è l'anticima nord ovest dello Scindarella, 2199mt, che corrisponde all'impianto della seggiovia dello Scindarella. Il cartello che indica la vetta è quasi totalmente ricoperto dalla neve e l'mpianto di risalita non esalta di certo questo punto. Il percorso seguito cercando di evitare i punti di massimo accumulo della neve si alterna tra sali e scendi sulla carta semplici e panoramici ma la neve alta sino alle ginocchia ci ha complicato non poco il cammino rallentando il nostro passo con conseguente dispendio di energie.
Il panorama meraviglioso sulla piana di Campo Imperatore e sulla catena del Gran Sasso ci ha accompagnato e galvanizzato, in più la mattinata tersa e non eccessivamente fredda ci ha supportato nello sforzo. Ci siamo tenuti non troppo sulla cresta in quanto numerose balconate di neve nascondevano insidie e abbiamo cercato in qualche modo di seguire la neve più dura ma senza risultato.
Dopo varie soste siamo arrivati sullo Scindarella 2233mt e abbiamo proseguito a tratti sul sentiero 220. Arrivare sul Monte S. Gregorio 2076mt è stato un pò più semplice in quanto la neve spazzata dal vento lasciava spazio al terreno ghiacciato anche se spallettoni di neve arrivavano sino alla vita.
Il mutare del tempo, un fronte nuvoloso proveniente da N/E e la volontà di non ripercorrere a ritroso il sentiero innevato sino a Campo Imperatore ci ha fatto virare per la discesa verso la Fossa di Paganica e la Valle fredda dalla quale avremmo raggiunto il parcheggio di Fonte Cerreto.
La discesa sino alla fossa di Paganica è stata agevole ma una volta raggiunta la valle tutto si è reso enormemente impegnativo, credevamo di trovare una neve di pochi cm mentre invece si affondava sin sotto il ginocchio. Raggiunte le rovine del campo Nevada abbiamo fatto una sosta per poi riprendere la via che si inerpica sulla sella che separa la Fossa di Paganica dalla Valle Fredda. La discesa per la Valle fredda ci ha visto ancora sprofondare su una neve soffice e alta sino a raggiungere un percorso battuto da sciatori fuori pista. Seguendo tutta la valle e facendo attenzione agli sciatori che ci sbucavano alle spalle abbiamo raggiunto la strada asfaltata che ci ha riportato ormai al buio alla Fonte Cerreto per le 17:30.
Ho notato che la traccia wikiloc sul finale presenta una strana uscita dal sentiero che ho fatto, deviando per circa 1km. Quello che è accaduto non mi è chiaro, rimane il fatto che devo rettificare il numero di km percorsi, da 19 a 18.

Commenti

    You can or this trail