-
-
1.816 m
1.413 m
0
2,3
4,6
9,29 km

Visto 931 volte, scaricato 28 volte

vicino San Giacomo, Abruzzo (Italia)

Descrizione itinerario: parcheggiate le auto nei pressi della stazione a valle della funivia di M. Piselli (Località Tre Caciare), ci si dirige verso Est e si punta a due piccole aree boscate, ai bordi della pista da sci. Si guadagna quota fino ad entrare nella fitta faggeta, su una pista riservata ai mezzi di servizio delle piste, agli escursionisti con racchette da neve e agli scialpinisti. Il varco nella vegetazione si orienta prima a Sud Est, poi con un tornante va a Ovest: a sinistra subito dopo la curva, si apre una diramazione segnalata che va a Sud Sud Est. La si imbocca e si continua per pendenza moderata sempre nel bosco ceduo. All’altezza di M. Piselli, ma sul lato opposto dell’ampia dorsale del rilievo, si esce su terreno spoglio, che offre la possibilità di avere le prime belle vedute verso la costa. Il monte su cui ci si trova è infatti il primo che si incontra risalendo dal mare per la distesa di colli del Piceno, ai confini con l’Abruzzo. Si procede liberamente con le racchette da neve cavalcando le gobbe che si susseguono sul lato sinistro del crinale, sino a scendere su un primo avvallamento (loc. il Laghetto). Questa sella (q. 1.706) è un crocevia di sentieri che traversano il monte da Est a Ovest, e da Nord a Sud, e rappresenta il fulcro di molti degli itinerari che si sviluppano su questa montagna. Da qui si risale, sul tratto più ripido di tutto il percorso, spesso ghiacciato per l’esposizione a Nord. Raggiunto il vertice, a q. 1.792, si scende ancora ma di pochi metri: ci si trova infatti ai piedi della cima di M. Girella. Saliti in vetta (riconoscibile da un casottino con antenne ripetitrici alimentate da pannelli solari), ci si affaccia sulle profondissime gole che separano questo monte dal “gemello” (1), il Foltrone: sono denominate Gole del Salinello, e rappresentano uno straordinario ambiente scavato nel calcare dal torrente omonimo, luogo angusto ma di grande rilevanza storica e religiosa (2). Il panorama dalla vetta del M. Girella è veramente unico, proprio per la centralità di questo massiccio rispetto a rilievi tra i più importanti dell’Italia Centrale. E dunque tutt’intorno si ammirano per intero le catene del Gran Sasso d’Italia (e in lontananza della Majella), dei Monti della Laga, dei Sibillini; giganti così diversi tra loro ma tutti espressione della bellezza e della forza di una natura che non finisce mai di stupire. Una potenza che eleva la terra verso il cielo, e che trova il suo contrappunto nelle dolci colline che a oriente digradano verso l’estesa orizzontalità del mare. Dalla vetta del Girella un altro elemento di stupore è l’ardita sagoma del M. Foltrone, proprio dirimpetto. Una montagna severa e dalle linee verticali tormentate. Rappresenta l’estrema propaggine settentrionale della “gemella” Montagna di Campli. Dalla cima del Girella si può andare di poche decine di metri a Est e trovarsi presso la croce (3) che segnala il vertice del monte agli abitanti di Civitella (4). Tornando alla vetta, si continua verso Ovest e si sale la punta di q. 1.810: è un altro punto estremamente panoramico, che si affaccia su Macchia da Sole, Valle Castellana, e sui Monti della Laga. Da qui il percorso seguito è lungo la linea che collega a Ovest vari cocuzzoli, fino a M. Piselli. Siamo di fatto sul bordo occidentale della Montagna dei Fiori e, oltre al panorama, si offrono all’escursionista delle belle vedute sul sottostante Vallone. Questo rappresenta una sorta di lungo terrazzo erboso (oggi completamente coperto da un alto strato di neve), sostenuto da una grande bastionata rocciosa che cinge alla base tutto il fianco Sud Ovest della montagna. Sopra al Vallone ripidi pendii lo separano a sua volta dal largo, ondulato pianoro sommitale che si stende tra M. Piselli e M. Girella. Giunti a M. Piselli, l’escursione volge al termine: infatti da lì si scende a costeggiare per un breve tratto la pista da sci; poi si entra a destra nel bosco per il varco riservato ai mezzi di servizio delle piste (q. 1.550, cartello); e infine, incrociato il bivio dell’andata, si ripercorre il tratto iniziale fino a ritrovarsi agli impianti di risalita. Una possibilità per ampliare l’anello escursionistico è quella di collegarsi per i sentieri 1 e 1c alla loc. San Giacomo: ma l’innevamento odierno non consentiva di utilizzare le racchette fino a una quota così bassa (1.100 metri ca.). Altra possibilità è quella di scendere dal M. Girella per il Vallone; ma le condizioni di neve nella parte bassa, con fondo ghiacciato e in pendenza, mal si conciliavano con l’uso di racchette. La Montagna dei Fiori offre dunque grandi opportunità e soddisfazioni all’escursionismo invernale: ma la magia del luogo nulla può sottrarre al dovere della prudenza.
(1) Il massiccio, costituito fondamentalmente dalla Montagna dei Fiori (che culmina con il M. Girella) e dalla Montagna di Campli (M. Foltrone), è definito Monti Gemelli per la somiglianza dei loro profili se visti dal versante teramano. Fa parte del Parco Nazionale del Gran Sasso e della Laga, ma è di fatto un’entità a sé, un’isola calcarea nel “mare” delle colline di arenarie e di argille che la circondano (vedi: Galliè-Vecchioni, I Monti Gemelli, SER, Folignano)
(2) “Le Gole del Salinello sono Riserva Naturale, oggi ricompresa nell'area protetta del Parco Gran Sasso e Monti della Laga. La Riserva, istituita nel 1990, si estende tra i comuni di Civitella del Tronto e Valle Castellana. Le Gole del Salinello sono un enorme canyon scavato dall’acqua del fiume omonimo, distendendosi lungo una stretta gola dove scorre il fiume Salinello. È un territorio ricco di sorgenti, anche sulfuree e ferruginose, cascate, ruscelli, laghi e grotte (come la Grotta di S. Michele Arcangelo) ed Eremi. Importante è anche il patrimonio naturalistico con le sue foreste di faggi, querce e castagni, alberi di roverella, nocciolo, leccio e ornello, verdi prati fioriti, le famosissime orchidee e stelle alpine. Notevole anche la varietà e la rarità della fauna costituita da tassi, scoiattoli, ghiri, donnole, faine, volpi, cinghiali, camosci, aquile reali, sparvieri, falchi pellegrini, gheppi e coturnici e tanti altri … Nella riserva, infine, vive il raro geotritone italico, piccolo e timido anfibio amante delle grotte e degli anfratti (…..) da non da perdere nelle vicinanze il Rudere di Castel Manfrino, vero e proprio gioiello dell’architettura militare medievale prima chiamato Castello di Macchia, costruito a partire dal 1263 dal generale Percivalle d'Oria per ordine di Manfredi in previsione della discesa delle truppe di Carlo d'Angiò; da ciò la sua denominazione di Castel Manfrino o Castel Manfrì (fonte:http://www.hotelvillaelena.it/Punti-d-interesse/Le-Gole-del-Salinello/36-12-1.html). Qui passava infatti il confine tra lo Stato Pontificio e il regno svevo-normanno dell’Italia meridionale. Era uno dei percorsi commerciali che in zona erano denominati come Vie del Sale, o Salarie.
(3) “La croce metallica, messa in sostituzione di quella degli anni ’30 del Novecento, piegata dal vento nel 2001. Questa aveva rimpiazzato la croce, sistemata nel giugno 1900 con grande concorso di popolo, anch’essa atterrata dal vento; il luogo è conosciuto come Monte di Civitella, per la posizione frontale rispetto al paese abruzzese” (fonte: Galliè-Vecchioni, I Monti Gemelli, SER, Folignano, pag. 99)
(4) Civitella del Tronto fa parte del Club dei borghi più belli d’Italia. E’ situata a 589 m s.l.m. su di una rupe rocciosa di travertino ed è sovrastata dalla fortezza, ultimo disperato baluardo dei Borbone di Napoli e del Regno delle Due Sicilie che resistette strenuamente al comando piemontese, arrendendosi addirittura tre giorni dopo che fu proclamata l'Unità d'Italia (fonte: wikipedia.org)

View more external

1 comment

  • Foto di Roberto Bobo Annibalini

    Roberto Bobo Annibalini 16-apr-2017

    Percorso: Località Tre Caciare (parcheggio impianti, 1.413 m) – sentiero di servizio piste – loc. il Laghetto (1.653 m) – sella di q. 1.706 – q. 1.792 - sella di q. 1.764 - M. Girella (1.814 m) – q. 1.810 – sella di q. 1.764 – q. 1.792 – sella di q. 1.706 - M. Piselli (1.676 m) – q. 1.550 (innesto sentiero di servizio piste) - Località Tre Caciare (parcheggio impianti, 1.413 m)
    Dislivello: in salita 570 m; in discesa 570 m Sviluppo: 9,3 chilometri
    Tempo di percorrenza: 3h 30’ + le soste. Partenza ore 10.30; arrivo ore 14.30
    Difficoltà: E (con racchette da neve) Complessità: bassa se con buona visibilità, alta per la difficoltà di orientamento in caso di nebbia in tutto il tratto fuori dal bosco
    Condizioni meteo: sereno, vento assente, temperatura bassa, visibilità buona, neve abbondante e compatta su tutto il percorso
    Fonti: nessuna -
    Partecipanti: 2 (Roberto Annibalini, Luigi Diotallevi)

You can or this trail