Scarica

Distanza

15,1 km

Dislivello positivo

898 m

Difficoltà tecnica

Medio

Dislivello negativo

898 m

Altitudine massima

2.121 m

Trailrank

99 5

Altitudine minima

1.275 m

Tipo di percorso

Anello

Tempo

3 ore 28 minuti

Coordinate

314

Caricato

25 gennaio 2022

Registrato

gennaio 2022
  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     

Crea la tua lista di percorsi

Organizza i percorsi che ti piacciono in liste e condividile con i tuoi amici.

Passa a Wikiloc Premium Passa a Premium per rimuovere gli annunci
Crea la tua lista di percorsi Crea la tua lista di percorsi
Condividi
-
-
2.121 m
1.275 m
15,1 km

Visualizzato 1248 volte, scaricato 51 volte

vicino a Aielli, Abruzzo (Italia)

Sito: http://www.borntotrek.it/
Pagina Instagram: https://www.instagram.com/borntotrek_official/
Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/29827788471/
Note: traccia fatta a mano dell'escursione del 08-03-2009 alla quale si riferiscono le foto
- - - lasciate un feedback per migliorare la descrizione - - -

Lunghezza: 15Km
Dislivello complessivo: 850mt
Durata: 5h30m
Grado di difficoltà: trekking E, ciaspolata WT2+, scialpinistica BS
Data ultima modifica: Marzo 2009
Punto di partenza e arrivo: Ponte della Lama al Km 25,8 SS80 (1.290mt)
Gruppo montuoso: Gran Sasso d’Italia
Tipo di percorso: Anello
Percorribile in senso inverso: si

Considerazioni sulla giornata: una bella avventura con mio cugino e il mitico Gaetano, un percorso ideale come prima escursione su neve con le ciaspole, la conformazione della zona permette di raggiungere un over 2.000 del Gran Sasso anche con questo mezzo di locomozione tramutando il trekking estivo in passeggiata invernale. La cosa che più di tutti ricordo è la presenza di scialpinisti che salivano con maggiore fatica lungo il nostro percorso fino in vetta e la cosa che altrettanto bene ricordo è la consapevolizzazione che loro dopo 10m erano già scesi a valle divertiti mentre noi con le ciaspole abbiamo dovuto camminare ancora un bel po' :) Bellissimi i giochi di ghiaccio e vento sulla croce di vetta ed eccezionali i panorami!

Premessa: Il Monte San Franco è la vetta più occidentale del massiccio del Gran Sasso e si differenzia anche per l’assenza di particolari asperità rispetto le altre cime del gruppo, l’ascesa alla vetta è possibile attraverso diverse vie di accesso prive di pendenze eccessive o tratti particolarmente esposti, l’ideale per chi è alle prime armi sia nell’escursionismo estivo che in quello invernale. Da un punto di vista paesaggistico il monte San Franco è capace di regalare emozioni forti, eccezionali le vedute sul lago di Campotosto e i vicini monti della Laga ad occidente mentre sul lato opposto è possibile ammirare l'imponenza delle vicine vette del gruppo.
Sebbene sia una zona meno blasonata e leggermente più difficile da raggiungere rispetto le vette più alte è possibile incontrare molte persone sia d’estate che d’inverno, soprattutto in ambiente innevato il San Franco è una meta ambita per gli scialpinisti dediti a percorrerne il comodo versante occidentale per poi divertirsi a discenderne le coste nord o sud su neve immacolata.
Lungo il percorso di discesa si raggiunge il rifugio Panepucci Alessandri, luogo di ristoro e incontro di molti escursionisti situato vicino al Passo del Belvedere. La discesa lungo il versante settentrionale della montagna percorre una delle zone più appartate ed intatte dell'intero gruppo passando nel cuore di un'immensa faggeta nella quale si deve fare attenzione all'orientamento nel periodo invernale. Una volta raggiunta la strada con le sue fonti d’acqua sarà poi facile tornare al punto di partenza ammirando gli altipiani del Valico delle Capannelle.

Descrizione: Dal ponte della Lama si segue l'evidente strada che risale inizialmente nel fondo della valle, dopo poco si devia verso sinistra seguendo due lunghi tornanti fino a superare due linee dell'alta tensione e si raggiunge la cava abbandonata. Qui la sterrata finisce e si comincia a salire sul filo di cresta il versante occidentale del monte (segnavia 12). La salita non presenta particolari difficoltà a parte qualche breve tratto abbastanza pendente e la possibile presenza di ghiaccio nei periodi invernali causato dall'esposizione della cresta ai venti. Senza particolari difficoltà si giunge in vetta al Monte San Franco (2.132mt).
Per la discesa si può percorrere a ritroso il tragitto percorso all'andata oppure per effettuare un percorso ad anello si prosegue verso est percorrendo la panoramica cresta di Rotigliano dove nei periodi invernali può crearsi qualche cornicione di neve dal quale è bene star lontani. Proseguendo lungo la comoda cresta...
Continua a leggere la descrizione dettagliata, scaricare mappe topografice e la traccia GPS al seguente Link:
https://www.borntotrek.it/index.php/percorsi-offcanvas/ciaspolate-offcanvas/268-ciasp-348-monte-san-franco

Mostra di più external

Parcheggio

Ponte della Lama

  • Foto di Ponte della Lama
  • Foto di Ponte della Lama
  • Foto di Ponte della Lama
  • Foto di Ponte della Lama
Dalla A24 si può raggiungere la SS80 sia uscendo a L'Aquila (per chi proviene da Roma) sia uscendo ad Assergi (per chi proviene da Teramo). Uscendo a L'Aquila Ovest si seguono le indicazioni per Teramo fino ad incrociare la Statale 80 che va presa verso sinistra (direzione Ovest). La si deve percorrere per più di 40km. Si prosegue seguendo le indicazioni per Arischia per proseguire nuovamente sulla SS80 che si immerge in salita per boschi. Seguendo le indicazioni per Teramo si raggiunge il Passo delle Capannelle e dopo pochi metri al Km 25,8 è presente uno spiazzo dove parte l'evidente sentiero. Per chi viene da Teramo si prende l'uscita San Gabriele – Colledara e si seguono le indicazioni per Montorio al Vomàno (SP491). Raggiunto e superato il paese si prosegue lungo la SS80 in direzione L'Aquila fino a raggiungere il Valico delle Capannelle dal lato opposto.
Intersezione

bivio - svolta a sx

  • Foto di bivio - svolta a sx
  • Foto di bivio - svolta a sx
Dal ponte della Lama si segue l'evidente strada che risale inizialmente nel fondo della valle, dopo poco si devia verso sinistra
Waypoint

cava di Pietra abbandonata

  • Foto di cava di Pietra abbandonata
  • Foto di cava di Pietra abbandonata
  • Foto di cava di Pietra abbandonata
  • Foto di cava di Pietra abbandonata
  • Foto di cava di Pietra abbandonata
  • Foto di cava di Pietra abbandonata
si seguono due lunghi tornanti fino a superare due linee dell'alta tensione e si raggiunge la cava abbandonata
Waypoint

inizio salita sulla cresta

  • Foto di inizio salita sulla cresta
  • Foto di inizio salita sulla cresta
  • Foto di inizio salita sulla cresta
  • Foto di inizio salita sulla cresta
  • Foto di inizio salita sulla cresta
  • Foto di inizio salita sulla cresta
la sterrata finisce e si comincia a salire sul filo di cresta il versante occidentale del monte (segnavia 12)
Waypoint

salita in cresta

  • Foto di salita in cresta
  • Foto di salita in cresta
  • Foto di salita in cresta
  • Foto di salita in cresta
  • Foto di salita in cresta
  • Foto di salita in cresta
La salita non presenta particolari difficoltà a parte qualche breve tratto abbastanza pendente e la possibile presenza di ghiaccio nei periodi invernali causato dall'esposizione della cresta ai venti
Vetta

vetta del Monte San Franco

  • Foto di vetta del Monte San Franco
  • Foto di vetta del Monte San Franco
  • Foto di vetta del Monte San Franco
  • Foto di vetta del Monte San Franco
  • Foto di vetta del Monte San Franco
  • Foto di vetta del Monte San Franco
Senza particolari difficoltà si giunge in vetta al Monte San Franco (2.132mt)
Waypoint

Cresta di Rotigliano

  • Foto di Cresta di Rotigliano
  • Foto di Cresta di Rotigliano
  • Foto di Cresta di Rotigliano
  • Foto di Cresta di Rotigliano
  • Foto di Cresta di Rotigliano
per effettuare un percorso ad anello si prosegue verso est percorrendo la panoramica cresta di Rotigliano dove nei periodi invernali può crearsi qualche cornicione di neve dal quale è bene star lontani.
Intersezione

passo del Belvedere

  • Foto di passo del Belvedere
  • Foto di passo del Belvedere
  • Foto di passo del Belvedere
  • Foto di passo del Belvedere
Proseguendo lungo la comoda cresta si scende fino al Passo del Belvedere (1.789mt). Si svolta a sinistra
Rifugio custodito

Rifugio Panepucci Alessandri

  • Foto di Rifugio Panepucci Alessandri
  • Foto di Rifugio Panepucci Alessandri
  • Foto di Rifugio Panepucci Alessandri
  • Foto di Rifugio Panepucci Alessandri
  • Foto di Rifugio Panepucci Alessandri
  • Foto di Rifugio Panepucci Alessandri
deviando verso ovest si giunge agevolmente al rifugio Panepucci Alessandri (1.700mt)
Waypoint

Nella faggeta

  • Foto di Nella faggeta
  • Foto di Nella faggeta
  • Foto di Nella faggeta
  • Foto di Nella faggeta
  • Foto di Nella faggeta
Dal rifugio si prosegue in direzione ovest addentrandosi nel pieno della faggeta. Nel periodo invernale bisogna fare attenzione alla segnaletica e all’orientamento per seguire il tracciato che spesso è battuto a causa dell'elevato numero di escursionisti e del passaggio del gestore del rifugio con la moto slitta.
Intersezione

bivio per il sentiero basso

Dopo ca. 1,5km dal rifugio, a quota ca. 1.475mt, il sentiero si biforca per due sentieri che paralleli conducono entrambe al punto di partenza, tuttavia è preferibile seguire il sentiero di destra verso nord
Intersezione

sulla sterrata

in discesa dopo 60mt di dislivello dal precedente bivio, a quota ca. 1.415mt, ci si ricongiunge alla strada sterrata con cartello del parco e una sbarra, si svolta a sinistra percorrendo la strada che comodamente rimane a mezza costa priva di pendenze
Fontana

Fonte Rio del Colle

  • Foto di Fonte Rio del Colle
  • Foto di Fonte Rio del Colle
lungo il percorso si raggiunge prima l’arrangiata Fonte Rio del Colle (1.325mt)
Fontana

Fonte

  • Foto di Fonte
  • Foto di Fonte
  • Foto di Fonte
successivamente dopo il Fosso dell’Orso una fonte più grande fonte in muratura
Intersezione

incrocio della SS80

  • Foto di incrocio della SS80
  • Foto di incrocio della SS80
incrocio_della_SS80

8 commenti

  • Foto di Barbara.Vit

    Barbara.Vit 25 gen 2022

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    l'ho fatto d'estate, percorso bellissimo e molto vario non difficile. Un bell'anello consigliato

  • Foto di A.Manzo

    A.Manzo 25 gen 2022

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    Forse uno dei percorsi più semplici del Gran Sasso sia in estiva che in invernale

  • Foto di 82paolo

    82paolo 25 gen 2022

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    Percorso perfetto per le prime esperienze con le ciaspole o con gli sci ai piedi per i quali però consiglio vivamente di avere buone capacità, vicino al sentiero ci sono comunque bei pendii anche con delle rocce

  • Foto di p.diabolik

    p.diabolik 25 gen 2022

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    Mi avete immortalato, quello che fuggiva in moto slitta non era il gestore del rifugio ma io mentre fuggivo dal temibile Ginko

  • Foto di Fanta.F

    Fanta.F 25 gen 2022

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    Traccia perfetta, importantissimi descrizione e waypoint dopo il rifugio, nelle mappe CAI è indicato solo il percorso che si mantiene più a monte mentre sul sito ho visto che hai messo la mappa aggiornata che segue fedelmente il giusto percorso, bravo!!!

  • Foto di Antonio.BTT

    Antonio.BTT 25 gen 2022

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    Ho seguito le tue indicazioni, percorso molto bello e descrizione impeccabile!

  • Foto di Fabri Pasca

    Fabri Pasca 25 gen 2022

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    fatto nell'ormai lontano 2015, zona davvero bella, non difficile e adatta a chi vuole approcciare al Gran Sasso

  • Foto di Er Biondo

    Er Biondo 25 gen 2022

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    Panorami impressionanti! nonostante il giro non presenti particolari asperità è capace di regalare magnifiche viste, il San Franco è un bel balcone su Campotosto e sulla zona occidentale del Gran Sasso. Bel giro davvero

Puoi o a questo percorso