-
-
15 m
2 m
0
2,5
4,9
9,86 km

Visto 497 volte, scaricato 2 volte

vicino Russi, Emilia-Romagna (Italia)

La prima edizione del percorso storico e naturalistico di Nordic Walking nell'ambito della Maratona del Lamone propone agli appassionati un itinerario fra le emergenze storiche, culturali e naturalistiche del territorio di Russi.La Pro Loco è lieta ed onorata di poter collaborare con l'associazione GS Lamone in questa prestigiosa iniziativa sportiva illustrando le mete che si incontrano lungo il percorso.
PARTENZA
LA ROCCA DEL CASTELLO E IL MUSEO CIVICO
Adiacente alla Piazza Domenico Antonio Farini, dove si affacciano il palazzo comunale, la Chiesa Arcipretale e l'ex Chiesina in Albis, si trova l'antica rocca del castello di Russi edificata da Guidone da Polenta nel 1371. Nella prima metà dell'800 fu trasformata in ospedale ed oggi ospita al suo interno il Museo Civico con l'antiquarium della Villa Romana, il fondo Alfredo Baccarini e le sale della Città.
PRIMA TAPPA
LA VILLA ROMANA E L'OASI NATURALISTICA
Dal centro storico, andando verso Ravenna, svoltando in via Fiumazzo, si raggiunge la Villa Romana di Russi, scoperta nel 1939: rappresenta uno degli esempi più completi e meglio conservati di Villa Rustica del I-II sec. d.C. di tutta l'Italia settentrionale. La Pro Loco di Russi con la Soprintendenza promuove iniziative, attività didattiche e visite guidate. All'intorno del sito archeologico, nel bacino dell'ex cava, è stata ricavata un'oasi naturalistica compresa nel sistema delle A:R:E: dell'E.R. L'Area di Riequilibrio ecologico rappresenta uno dei migliori esempi di recupero di ambienti degradati dalle attività antropiche, al suo interno sono stati ricostituiti gli ambienti naturali esistenti all'epoca dell'insediamento romano. Ideata e progettata dalle associazioni Legambiente e WWF, con il Comune di Russi, fu inaugurata nel 1996.
SECONDA TAPPA
IL PALAZZO SAN GIACOMO
Proseguendo su via Fiumazzo e imboccando il Vicolo Carrarone incorniciato dai pioppi cipressini si giunge al Palazzo San Giacomo. Fu costruito da Guido Carlo Rasponi alla fine del XVII secolo anche per onorare la nomina a Cardinale del fratello Cesare. I soffitti delle sale del piano nobile sono dipinti con temi mitologici ed allegorici; si tratta del più vasto ciclo pittorico del Sei/Settecento presente in Romagna. Nel 1774 si aggiunse la cappella esterna, dedicata a San giacomo. E' possibile visitare il palazzo durante gli appuntamenti organizzati dalla Pro Loco durante l'anno.
TERZA TAPPA
IL FIUME LAMONE E IL MURAGLIONE
Lasciato il palazzo si sale sulla riva destra del fiume Lamone, anticamente chiamato Raffanara, e la si percorre verso monte utilizzando un tratto del percorso ciclopedonale che congiunge i territori di Russi e Bagnacavallo a Ravenna sino alla foce in Adriatico. Dopo la linea ferroviaria si giunge al Muraglione: i resti della chiusa che alimentava il canale del Molino Rasponi che, passando davanti al Palazzo, alimentava il loro antico mulino di Traversara. Un sistema di paratie in legno consentiva di innalzare il livello dell'acqua e di convogliarla nel canale che percorreva svariati chilometri prima di azionare con forza le macine da farina.
QUARTA TAPPA
LA SPADINA E IL PASSATORE
Dopo il Muraglione dove il fiume svolge un'ampia ansa in mezzo ai campi coltivati resta il grande magazzino della Villa Spadina, già dei conti Severoli di Faenza, distrutta al termine della II guerra mondiale. Nel 1851, nel roccolo della villa, fu ucciso Stefano Pelloni il giovane e famigerato brigante detto il Passatore, dal mestiere (traghettatore) che svolgeva il padre nella vicinissima Boncellino. Dopo la sua morte il bandito fu mitizzato dal popolo e dalla letteratura complice anche il Pascoli che lo definì "Passator cortese, re della strada, re della foresta"
QUINTA TAPPA
CIMITERO MONUMENTALE E FAMEDIO DELLA CITTA'
Intersecando la via comunale Madrara si scende dalla riva del fiume e si ritorna verso Russi, prima del centro abitato si giunge al cimitero dove, nella parte vecchia, vi è il Pantheon o Famedio della Città in cui riposano i personaggi illustri: i principali sono: Luigi Carlo Farini (1812-1866) medico, politico risorgimentale e primo ministro del regno e Alfredo Baccarini (1826-1890) ingegnere, combattente per gli ideali risorgimentali e ministro del regno dal 1873 al 1878.
ARRIVO IN PIAZZA DOMENICO ANTONIO FARINI




Commenti

    You can or this trail