Tempo  5 ore 5 minuti

Coordinate 1761

Uploaded 28 giugno 2018

Recorded gennaio 2010

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
414 m
6 m
0
13
25
50,91 km

Visto 1295 volte, scaricato 54 volte

vicino Capranica-Scalo, Lazio (Italia)

Percorsa il 28 giugno 2018
Una pedalata che prima o poi tutti gli amanti delle due ruote devono fare. La mitica uscita sulla vecchia linea ferroviaria Capranica-Civitavecchia, il cui ultimo tratto da Blera a Capranica è stato chiuso nel 1963 dopo che nel 1961 una frana, avvenuta nei pressi della galleria Cencelle subito dopo la Farnesiana, aveva portato alla chiusura della restante parte di linea.
Un itinerario affascinante, che ricalca il vecchio tracciato dei binari dell’ex tratta ferroviaria. Non ci sono indicazioni neanche nel punto di inizio, due pietre a forma di cubo in prossimità della stazione di Capranica, ma nonostante tutto, con un po' di allenamento ed un minimo di spirito d'avventura si pedaleranno 50 km di natura selvaggia, 10 gallerie buie, un paio di muretti da superare, un vecchio ponte in ferro e un antico borgo di minatori del 1400 con tanto di suggestiva Chiesa Neogotica, il tutto senza troppo impegno in termini di dislivello. Resta comunque un percorso da classificarsi NON da principianti o pedalatori occasionali della domenica.
Prendendo il treno alle stazioni di Ostiense, Trastevere o San Pietro è possibile partire e tornare dalla stessa stazione in quanto all'andata bisogna utilizzare la linea FR3 direzione Viterbo (1h30') mentre al ritorno la FR5 che da Civitavecchia va a Roma (in 40' o 50'). Spesa totale Euro 4+4,60+3,50 (supplemento bici).
Usciti dalla stazione di Capranica si va a dx su asfalto e dopo duecento metri si prende la sterrata a dx, segnalata da due blocchi di cemento che ne delimitano il passaggio, impedendo così l’accesso a macchine e trattori; siamo sul tracciato dove un tempo correva la ferrovia, un po' sabbioso all'inizio, poi però il fondo diventa compatto.
Uniche raccomandazioni sono delle buone luci per le gallerie, che non sono illuminate e scorte d'acqua e viveri sufficienti perché dopo essere passati vicino a Blera (km 15,3) non si incontrerà più nulla fino a Civitavecchia, ad esclusione della Farnesiana dove mi risulta esserci un agriturismo, ma quando ci siamo passati non abbiamo visto nessuno.
Inoltre alcune difficoltà si incontrano per superare alcuni muretti di 1-2 metri di altezza lungo il percorso, per passare i quali è necessario scavalcare e passare le bici a mano, quindi bisogna essere almeno in due. Più precisamente si tratta di due muri di circa 1 metro ed uno, alla fine della galleria più lunga, alto quasi due metri ma di lato c'è un muretto che agevola a salire. Sono stati messi per impedire il passaggio a macchine e moto.
Subito dopo questo muro ci sono due tratti di pochi metri allagati e fangosi nei quali in altri periodi dell'anno può rivelarsi utile pedalare scalzi o con delle buste per affrontare l’acquitrino; noi a fine giugno siamo passati in sella senza problemi, pedalando in circa 10-15 cm d'acqua. Le gallerie al loro interno sono pulite e con buon fondo, l'importante e pedalare sempre di lato e MAI AL CENTRO in quanto le lastre di cemento non sono stabili e spesso ne manca qualcuna oppure sono rotte lasciando pericolosi buchi.
Si pedala in falsopiano discesa e la presenza dell’antica ferrovia è sempre tangibile; oltre a ponti e gallerie, ci sono le vecchie stazioni abbandonate di Barbarano, Blera, Civitella Cesi, Monteromano, Allumiere, resti di un’architettura ferroviaria ormai dimenticata.
Solo alla fine, quando si lascia la linea ferroviaria dopo la stazione di Mole sul Mignone, ci sono delle brevi salite e un tratto anch'esso breve da fare a spinta per via del fondo ciottoloso. Poi tutta discesa su asfalto fino alla stazione di Civitavecchia. Seguendo questa traccia si evita la SS Aurelia.
Bellissima escursione in ambiente suggestivo. L' emozione di pedalare su una ferrovia abbandonata ricca di ruderi di archeologia industriale ripaga di alcune difficoltà tutte facilmente superabili.

3 commenti

  • Foto di danieled83

    danieled83 3-ott-2018

    I have followed this trail  View more

    Bei panorami e traccia abbastanza semplice da seguire (solo gli ultimi km sono meno "intuitivi").
    Facile, per lo più pianeggiante ma con le salite tutte nell'ultima parte.

  • filojanni 21-apr-2019

    I have followed this trail  View more

    Bellissima escursione!! Tutto come descritto, grazie mille! Ma l'ultimo pezzo fino ad Aurelia non si poteva fare?

  • Foto di massimo1969

    massimo1969 21-apr-2019

    Purtroppo no. Dopo l’ultima stazione, Mole del Mignone, la traccia si perde nei rovi. Da google Maps se ne intravede un tratto. Quando si lascia la ferrovia e si incrocia il viale alberato si può provare a farne un tratto accedendo da un cancello di un casale abbandonato. Si va verso dx e si riprende la traccia della ferrovia e si supera un ponte con tre arcate. Poi il vecchio tracciato sembra perdersi tra rovi ed erba alta. Leggendo su in altro forum qualcuno recentemente c’era quasi riuscito ad arrivare fino ad Aurelia ma alla fine aveva perso la traccia ed era tornato verso la Braccianese

You can or this trail