• Foto di Valdidentro: Decauville e giro dei Laghi di Cancano
  • Foto di Valdidentro: Decauville e giro dei Laghi di Cancano
  • Foto di Valdidentro: Decauville e giro dei Laghi di Cancano
  • Foto di Valdidentro: Decauville e giro dei Laghi di Cancano
  • Foto di Valdidentro: Decauville e giro dei Laghi di Cancano
  • Foto di Valdidentro: Decauville e giro dei Laghi di Cancano

Tempo  4 ore 46 minuti

Coordinate 1352

Uploaded 28 luglio 2013

Recorded luglio 2013

-
-
1.972 m
1.870 m
0
11
22
43,24 km

Visto 3936 volte, scaricato 42 volte

vicino Dosso, Lombardia (Italia)

Stupendo giro per famiglie, per i "più pigri", per chi vuole cimentarsi in un percorso facile con la MTB. Infatti, oltre essere una ciclo-escursione poco faticosa, l'ambiente che potete ammirare dal sellino è spettacolare! Si parcheggia l'auto ad Arnoga, lungo la trafficatissima SS per Livigno, e ci si addentra per una decina di km su una carrareccia sterrata che percorre a mezzacosta la Valdidentro con numerosi scorci panoramici. Unica salita un breve tratto su asfalto per raggiungere le Torri di Fraele, ma vista l'emozione del panorama quel poco di fatica passa subito! Si riprende la sterrata questa volta tutta in piano, e superato il laghetto delle Scale, si giunge a Cancano. Qui inizia il giro dei laghi, da percorrere nel senso che si preferisce: noi proponiamo il classico senso orario. La strada è carrozzabile e qualche auto nei periodi di vacanza si può incontrare, ma procedono lentamente anche perchè in alcuni tratti a picco sul lago un automobilista si intimorisce. Diverso il discorso con la bici: la strada è larga e con qualche saliscendi raggiunge la seconda diga ed il secondo lago, in ambiente decisamente meno severo. Al termine il passo di Fraele, punto di partenza di altre escursioni: noi abbiamo scelto invece di rientrare costeggiando la sponda opposta. Si osservano i resti di un villaggio dismesso della AEM ed un secondo raso al suolo con la costruzione degli invasi. Il tratto di strada è chiuso completamente alle auto da una sbarra; si incontrano due gallerie: la prima percorribile, la seconda aggirabile senza problemi. Raggiunta l'Alpe di Solena si scende alla diga di Cancano che poi si risale con uno strappetto in salita di nuovo a Cancano. Da qui si segue lo stesso percorso fino ad Arnoga.
E' un classico da non perdere assolutamente: chi non ha la bici, trova un centro noleggio a Cancano. Numerosi poi i punti di ristoro lungo il percorso.
I meno allenati possono accontentarsi del giro dei laghi, accorciando di una ventina di Km il percorso che vi abbiamo proposto e che comunque raccomando nella sua interezza. Non resta che augurarvi buona gita!

1 comment

You can or this trail