-
-
778 m
14 m
0
75
151
301,31 km

Visto 2547 volte, scaricato 124 volte

vicino Ponte San Giovanni, Umbria (Italia)

un ciclioviaggio avventuroso fra Umbria e Lazio, il tracciato di questo viaggio ha delle deviazione per vedere luoghi di interesse come le Fonti del clitunno, la necropoli Estrusca di Palazzolo, il castello di Corviano, se non volete visitare questi luoghi seguite la traccia senza deviazioni.
la traccia percorre grossi sentieri prevalentemente su sterrato ben compatto, il consiglio e' di farlo da marzo ad inizio giugno e da settembre a novembre, i mesi estivi ed i periodi invernali c'e'troppo caldo e troppa poca luce ,non si gode delle bellezze dei luoghi meravigliosi che passerete.
al km 240km per 9km si entra in una proprieta della regione lazio, il castello roccarespampani e di un poligono militare, quando c'e' l'esercitazione, sul sentiero c'e' sempre una guardia di vedetta che, ovviamente, vi fara' tornare
indietro, ma negli altri giorni si puo' passare tranquilamente, in alternativa da Tuscania a Tarquinia si puo' fare l'asfaltata in lieve descesa.

Questo viaggietto l'ho fatto in 4 giorni per gustare tutti i paesaggi variegati e i meravigliosi momumenti, alcuni patrimonio UNESCO (Assisi, Tarquinia, Viterbo)

1 giorno: da perugia ponte san giovanni a spoleto
si parte dalla stazione ff.ss, si prende via di ponte vecchio e si attraversa il ponte in legno, e ovviamente, passa sopra il fiume Tevere!!
Il percorso prosegue per sterrato e un po' di asfalto, in 15km (l'ultima parte in salita) si arriva alla meravigliosa Basilica di San Francesco, inferiore e superiore.
si riprende la bici e si scende a valle, si prende la pista ciclabile sterrata che porta a Bevagna e a Spoleto, Bevagna e' uno bei borghi piu' belli d'Italia rinomato per il vino Sagrantino di Montefalco.
Dopo Bevagna in zona Campello sul Clitunno c'e' una deviazione per vedere le bellissime fonti decantate da Giosue'Carducci dell'ode "alle fonti del clitunno".
Si arriva a Spoleto, da visitare il castello (ex carcere) e lo splendido Duomo rimascimentale con affreschi del Pinturicchio e lo stupendo ponte delle Torri.
distanza: 70km
dislivello: 600m circa

2 giorno: la vecchia ferrovia spoleto-norcia e le cascate delle marmore.
si prende ex ferrovia, oggi restaurata come pista cicliabile sterrata, questa e' una ferrovia antica, ci sono molte gallerie, una lunga 1,30km e le gallerie elicoidali veramente incredibili!!
dopo 20km di ferrovia si arriva al paese di Sant'Anatolia di narco, si prende la statale della valnerina, dopo 3km sulla sinistra c'e' il paese di Scheggino, veramente carino, di entra in paese e lo si passa, adesso il tracciato e' tutto su sterrato con tre strappetti molto faticosi, ma durano poco, passiamo i paesi di Ferentillo, Arrone, dopo 25km da Scheggino si arriva alle spettacolare e imponenti cascate delle marmore (qui gli orari http://www.marmorefalls.it/index.php?module=loadContenuto&nome=390)
dalle cascate 6km di statale fino a Terni, si esce dalla citta' e si prende la ciclovia in direzione narni, dopo 18km tutti in piano, si arriva a Narni scalo, si prende la salita per Narni paese, arrivo del 2 giorno, da vedere: Narni sotterranea e la Rocca Albornoz.

distanza: 63km
dislivello: 600m circa

3 giorno: Narni-Viterbo
e' la tappa di piu dura 60km e 900m di dislivello, ma e' anche la piu' interessante dal punto di vista paesaggistico e culturale
si prende la strada per narni scalo, si passa la stazione e in ponte di augusto datato 27 a.c ,si prende la futura ciclabile che porta da narni scalo alla stazione di Nera Montoro,praticamente e' ex un ex ferrovia Roma-Ancona, si
passano due gallerie brevi, alla stazione di Nera si gira a destra e poco dopo c'e' una salita asfaltata al 15% che porta al paese di Montoro, si passa il paese e dopo 700m di gira a sinistra, ora il tracciato passa in una grossa
sterrata in cresta, bel panorama su Amelia a destra, a sinistra sul monte San Pancrazio, poco dopo si supera una sbarra, la Strada scende a valle, poi ovviamente risale ripidamente.
si arriva sull'asfaltata che porta a Orte paese, non si sale al paese e si prosegue su asfalto mediamente trafficato, in cima a una salita si prende a sinistra, percoriamo l'antica via Etrusca, la via Amerina, si arriva alle Necropoli Etrusca di Palazzolo, seguendo la traccia si arriva al colombaio (una grande sala con vista sull'impervia valle) si torna indietro e si gira a sinistra su ripida salita, si prosegue in piano fra noccioleti tipici del viterbese, si passa Sant'eutizio e dopo 12km fra asfalto e sterrato, si prende una grossa carrareccia che porta al castello diroccato di Corviano e soprattutto alle case ipogee, veramente bellissime: si entra in queste abitazioni a picco sul canyon del Vezza e si rimane di stucco.
si ritorna indietro , si gira a destra e si prende la strada per Vitorchiano: a nel paese si trova un moai, le statue tipiche del Isola di Pasqua, si trova leggermente fuori dal paese, merita una foto come, del resto, il centro storico!
http://www.meteomoai.eu/storia/moai.htm
da Vitorchiano a Viterbo e' tutto asfalto, si arriva infine a Viterbo citta' principale della Tuscia, la citta dei Papi, a Viterbo (zona vulcanica) si trovano le rinomate terme dei Papi (a pagamento), e le terme gratuite del bullicame.
luoghi d'interesse a viterbo: il palazzo papale

4 giorno
si parte dalla stazone ff.ss di viterbo porta romana, si prende la strada in direzione "terme dei papi" ma dopo una grossa rotaroria si prende la spettacolare strada signorino, un'antica via cava Estrusca perfettamente conservata e viabile che porta alla necropoli alla Castel d'asso, ad un certo punto diventa sterrata si scende ripidamente, si passa un torrente con un ponticello in legno, il sentiero prosegue per campi ,si esce in una tagliata Estrusca che sale ripidamente alla Necropoli, questo tratto e' un po' duro ma ripaga della visita alla Necropoli.
usciti dalla necropoli si svolta a sinistra, ora c'e' un'altra valle da superare, il percorso prosegue su sterrato e pochissimo asfalto, si giunge nella citta' estrusca di Tuscania, da vedere: chiesa romanica di San Pietro, parco torre di Lavello, il centro storico.
da Tuscania ci sono due possibilita, o asfalto fino a Tarquinia o seguire la traccia. se si segue la traccia usciti da Tuscania si prende la strada asfaltata "tuscanese" indicazione per Vetralla, dopo 6,5km si gira a destra, c'e' un grosso cancello, se e' chiuso si puo' scavalcare la staccionata (attenzione filo spinato), la stradina sterrata si dirige in direzione castello Roccarespampani, il castello e' proprieta' della regione Lazio, quindi.....nostro!!!!
superato il castello si scende in un antica via romana (via clodia) si supera in fiume Triponzio, si entra in zona militare, nel poligono, comincia il sentiero argilloso!
si prosegue sul sentiero in un paesaggio di macchia mediterranea, Tarquinia dista dal cancello 22km
da vedere a Tarquinia: la necropoli Estrusca di Monterozzi, lo stupendo centro storico etrusco -romano.
dopo Tarquinia si prosegue in direzione "Tarquinia lido" dove c'e' la stazione ff.ss
distanza: 75km
dislivello: 500m circa

1 comment

  • vezz49 24-ago-2016

    Ho percorso 3 delle 4 tappe della traccia, da Perugia a Viterbo.
    Giro bellissimo! Devo fare i complimenti ad Hash per aver messo insieme così tanti luoghi di interesse naturale, culturale ed eno-gastronomico.
    Lo consiglio!

You can or this trail