• Foto di Sega Digon - Sella Quaternà
  • Foto di Sega Digon - Sella Quaternà
  • Foto di Sega Digon - Sella Quaternà
  • Foto di Sega Digon - Sella Quaternà
  • Foto di Sega Digon - Sella Quaternà
  • Foto di Sega Digon - Sella Quaternà

Tempo  5 ore 51 minuti

Coordinate 2389

Uploaded 19 agosto 2013

Recorded agosto 2013

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
2.394 m
1.162 m
0
7,0
14
28,04 km

Visto 1965 volte, scaricato 15 volte

vicino Sega, Veneto (Italia)

Verso antiorario – km 28 – dislivello 1300m. – Altezza min.1160m / max.2379m

L'itinerario prende il via da Sega Digon, risale lungo l'omonima valle su asfalto per i primi 6 km, poi su sterrato dove alcuni tratti cementati hanno delle pendenze anche considerevoli. Dopo 9 km si raggiunge la casera Silvella a quota 1826 dove si ha la possibilità di rifornirsi d'acqua. I successivi 500m di dislivello iniziano con un fondo ghiaioso e pendenze considerevoli fino al bivio con lo sterrato che porta al monte Cavallino a quota 2080m. Da qui la pendenza si fa più blanda anche se nell'ultimo km a causa del percorso accidentato bisogna trovare un bel po' di forza di volontà per raggiungere il passo Silvella in sella alla bicicletta a quota 2329.
Dal passo si raggiunge la sella del Quaternà a quota 2379 dove a tratti si spingerà la bici a mano per una decina di minuti.
Da qui ha inizio la bellissima e panoramica discesa lungo la costa della Spina attraverso un singletrack che all'inizio è un sali-scendi sino al monte Spina ( quota 1967)e poi scende con più decisione lungo un sentiero un po' più tecnico ma non difficile che porta al paese di Casalmazzagno da dove si raggiunge la provinciale che in pochi minuti ci riporterà a Sega Digon chiudendo un giro di particolare soddisfazione.

1 comment

  • Foto di Lucjus

    Lucjus 18-ago-2014

    I have followed this trail  View more

    l'ho fatto oggi 18/08/14, che dire per me e il mio socio la salita è risultata molto impegnativa, arrivati in cima (stremati) purtroppo con la nebbia e le nuvole che cerano non siamo riusciti a godere del panorama che si vede dalle foto di giginaty e quindi un po delusi abbiamo iniziato la discesa, interrotta nella parte alta da brevi risalite, da prima su single track poi su pista forestale ed infine su asfalto, in questo ultimo caso è davvero un peccato percorrere gli ultimi km su strada asfaltata anzichè su sentiero.
    PS: complimenti a giginaty per la descrizione completa dell'itinerario e per le foto messe a disposizione di tutti, continua cosi!!!
    ciao

You can or this trail