-
-
1.051 m
490 m
0
4,9
9,7
19,47 km

Visto 600 volte, scaricato 9 volte

vicino Case Cibba-Sciascia-Crocifisso-Tondarella-Virano, Lazio (Italia)

Nonostante sia un percorso pensato per una gara di trail a piedi, farlo in bici è un vero piacere e i tratti da fare a piedi sono relativamente pochi e non lunghi.

Nel giorno della gara il percorso era ben segnalato e non c'erano grandi problemi, ma durante la discesa passando per la variante che affaccia su Santa Maria Amaseno è indispensabile la traccia. L'ho percorso a gennaio quindi non so dire se durante l'estate ci siano problemi di rovi e vegetazione che non permetta il passaggio (sempre nel tratto citato).

Percorso per il 75% non asfaltato.

Partenza dalla località San Rocco (la gara in realtà è partita da Veroli) e nel primo tratto ha seguito un'altra strada.

Si sale subito per il muro in asfalto di Via Valle Lotrana (400 metri al 17%) per prendere la deviazione a sinistra che con una strada sterrata ci porta a Torre Caravicchia (1,2 km all'11% medio e strada ostica per via del fondo con grandi pietre sdrucciolevoli).

Qui c'è stato l'ingresso nel percorso di gara che in realtà nella prima parte dell'ascesa a San Giacomo ha deviato per un sentiero ripido da poter fare solo a piedi.

Per arrivare a San Giacomo ci aspetta una salita durissima di 2 km al 15% medio (punte oltre il 30) con una strada metà asfaltata/cementata e metà sterrata.

Arrivati su alla croce la gara ha percorso vari tratti ostici con la bici, io ho seguito il percorso classico e dopo una breve discesa si arriva sotto la chiesa di San Giacomo (vale la pena fare un salto sopra).

Fare attenzione all'immissione nel fitto bosco sulla sinistra. Da qui parte una discesa da poter fare solo a piedi per via del fango quasi sempre presente. Usciti dal bosco ho ritrovato di nuovo il percorso di gara mai più abbandonato.

Primo tratto inedito: invece di scendere per la via classica si svolta a sinistra scavalcando una collinetta e dopo aver fatto una brevissima discesa che attraversa un bosco (fare attenzione e seguire la traccia perché ci si potrebbe confondere) si pedala in dolci sali e scendi per un bel tratto nel bosco.

Usciti dal bosco sulla destra si trova una collina da scalare (bici a mano) e subito dopo si torna a scendere fino ad arrivare alla discesona che si incontra provenendo dai tre confini (Alatri, Collepardo, Veroli).

Qui inizia uno stupendo single track nel bosco che prima scende e poi sale.

Superato il single track bisogna seguire la traccia per imboccare il secondo tratto inedito (bellissimo) in single track (anche questo scende e sale) che si affaccia su Santa Maria Amaseno.
Come detto sopra non so se la percorribilità di questo tratto è buona per tutto l'anno, soprattutto il primo tratto, mentre poi il sentiero era abbastanza percorribile anche se parecchi tratti si devono fare a spinta.

Incontrata la via principale sterrata, la si segue per 500 metri per prendere a sinistra un terzo single track che si ricollega ad una strada molto fangosa (non in estate).

Da qui si torna alla sterrata fatta inizialmente per raggiungere Torre Caravicchia e a metà strada si svolta a sinistra. Un km di sterrata e si giunge alla strada asfaltata che porta su a San Leucio da dove si scende passando per il vicolo principale e per una bella scalinata ampia da fare a tutta!!

Giro d'obbligo alla piazza principale di Veroli (la traccia non passa di lì) e ritorno al punto di partenza!

Niente foto purtroppo per questo itinerario! Le aggiungerò non appena lo ripercorrerò!

Commenti

    You can or this trail