-
-
766 m
271 m
0
5,6
11
22,41 km

Visto 322 volte, scaricato 11 volte

vicino Roè, Lombardia (Italia)

Da Salò si sale attraverso le strade interne di Roè fino ad incrociare la ciclabile che porta in Valsabbia e che prendiamo fino a Pompegnino; qui, all'esterno della curva a destra che porta sul cavalcavia che passa sopra la statale della valle, inizia uno sterrato che ci porta sulla montagna verso il monte Cargiù. I primi 300-400 metri mettono a dura prova le gambe ed il fiato, poi la salita si fa più umana e godibile fino ad uno spiazzetto con una casa in alto sulla destra in cui ci si ferma a rifiatare. Qui ci troviamo di fronte ad un bivio, prendiamo la destra, secondo me più divertente, che dopo una breve discesina, con un curvone a destra ci porta a risalire con continui strappi impegnativi brevi intervallati da tratti in piano che fanno rifiatare e rendono il percorso fra i boschi molto divertente. Arrivati alla casa abbandonata che lasciamo sulla sinistra, continuiamo la salita che a breve terminerà; in prossimità di un'altra casa sulla destra, appena dopo, arriviamo ad un quadrivio e imbocchiamo il discesone veloce sulla destra al termine del quale, al bivio, continuiamo dritti; attenzione alla prossima salita, prendetela con calma perché non è lunghissima ma se esagerate subito poi vi taglia le gambe. Arrivati in cima inizia un divertentissimo single trail saliscendi nel bosco, poco praticabile se ha piovuto recentemente. L'ultimo tratto è molto pendente e culmina in uno strettissimo canyon lungo pochissime decine di metri ma che ci costringe a portare la bici in spalla con qualche difficoltà. Riprendiamo quindi a scendere su un sentiero divertente che ci porterà in località Magno. Questo tratto, ancora di più del precedente, se ha piovuto recentemente diventa una vera e propria palude molto difficile da attraversare dove le bici si caricano di kg e kg di fango argilloso che si incolla alla bici. Quando incrociamo la strada asfaltata giriamo a destra e scendiamo per poche centinaia di metri. Imbocchiamo la seconda strada sterrata sulla destra. Il primo tratto è molto sconnesso e in saliscendi ma dura poco, a breve inizia una discesa divertentissima dapprima sconnessa, poi via via più compatta, dove una biammortizzata ci fa godere appieno questo bellissimo sentiero. Ricomincia l'asfalto che ci riporta sulla ciclabile della Valsabbia attraverso la quale torniamo a Salò.

Commenti

    You can or this trail