• Foto di Pedalando per Roma Sud, tra parchi, tenute e ciclabili
  • Foto di Pedalando per Roma Sud, tra parchi, tenute e ciclabili
  • Foto di Pedalando per Roma Sud, tra parchi, tenute e ciclabili
  • Foto di Pedalando per Roma Sud, tra parchi, tenute e ciclabili
  • Foto di Pedalando per Roma Sud, tra parchi, tenute e ciclabili
  • Foto di Pedalando per Roma Sud, tra parchi, tenute e ciclabili

Tempo  6 ore 6 minuti

Coordinate 2234

Uploaded 1 maggio 2018

Recorded aprile 2018

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
81 m
18 m
0
10
20
40,56 km

Visto 333 volte, scaricato 19 volte

vicino Testaccio, Lazio (Italia)

Uscita cittadina molto divertente e sorprendente, se si considera che si riesce a fare un bell’anello di oltre 40 km (e quasi 500 mt dsl) per Roma Sud con pochissimi tratti promiscui con il traffico veicolare. Si utilizzano, infatti, parchi, giardini, ciclabili e tenute che, a volte, nascondono dei punti impensabili pur trovandosi incuneate tra grossi quartieri. E’ il caso dell’area dell’Istituto di Agraria G. Garibaldi che, con i suoi terreni, permette una bella pedalata tra ulivi e campi coltivati, girovagando per circa 2 km tra V. di Vigna Murata e V. E. Spalla. Almeno per me, veramente una bella scoperta. Partendo, convenzionalmente, dalla Garbatella, ci si dirige verso Tor Marancia per entrare nella tenuta omonima presso l’ingresso di V. dei Numisi. La tenuta e’ molto bella e ricca di sentieri e single tracks, ideali per i sali-scendi in mtb; considerate, pero’, che in questo periodo (piena primavera) tutto cio’ e’ ampiamente ricoperto da folta vegetazione. Comunque, la traccia descritta utilizza sempre sentieri. Di conseguenza, anche se non li vedrete ma la seguirete, non vi discosterete da essi. In diverse mie tracce caricate nel sito troverete altri giri per la tenuta, magari piu’ completi. Usciti sull’Ardeatina, tramite V. di S. Sebastiano ci si inoltra per il bellissimo viale delle Catacombe di S. Callisto per entrare alla Caffarella presso la chiesa del Quo Vadis. Nel parco sono possibili innumerevoli giri, questo descrive alcuni passaggi, buoni anche per chi vuole iniziare a conoscere le parti piu’ panoramiche ed anche a tratti impegnative, con sentierini e salite niente male. Si affronta anche un piccolo pistino, minuscolo ma divertente per mettere alla prova la propria abilita’ a rimanere in sella su stretti dossi e cunette. Uscendo dal parco, si sale verso l’Appia Antica che si prende verso fuori Roma, lasciandola a Vicolo di Tor Carbone. Passando per la tranquilla zona residenziale di V. Marmenia / V. dei Lugari, si attraversa l’Ardeatina e si entra nel piccolo Parco della Fotografia, dal quale si riesce traversando V. Grotta Perfetta. Proprio di fronte, oltre un parcheggio, si entra nella tenuta dell’Istituto Agrario dove potrete pedalare tra campi e coltivazioni di vario genere trovando, oltre ad un maneggio, anche un agriturismo (proprio all’uscita). Uscendo dalla tenuta, si attraversa V. del Tintoretto e, tramite V. Ballarin, si entra a fare un altro bel giro per il Parco delle 3 Fontane, incassato in una valle ed in parte coltivato con orti urbani. Uscendo sulla Laurentina, la si costeggia brevemente, attraversandola e salendo sul ponte ciclopedonale che introduce alla zona sportiva dell’EUR. Entrando nel Parco del Ninfeo, si sfruttano i suoi viali tra gli alti alberi per riuscire a Viale Egeo ed immetterci, tramite la stretta deviazione di V. del Cappellaccio, sulla ciclabile Tiberina. Verso dx si sottopassa il ponte della Magliana e si prosegue sulla ciclabile, che corre alta sul fiume. Se vi sarete infangati o impolverati troppo durante la giornata, lungo la ciclabile c’e’ un ottimo lavaggio a gettone con due aree per moto/mtb ! Passando per Lungotevere S. Paolo, si risale per le stradine accanto l’Universita’ Roma3 per ritrovarsi alla Garbatella.
Cooperativa sociale agricola Giuseppe Garibaldi Roma, Roma Capitale, ITA

1 comment

  • [email protected] 11-nov-2018

    I have followed this trail  verificato  View more

    Davvero un bel percorso tenuto conto che si svolge tutto in città. Pochissimi i passaggi nel traffico. Ci vorrebbe davvero poco per farne un percorso attrezzato, pienamente godibile, segnalato ecc. Ce lo invidierebbero in tutto il mondo.
    Roma lascia stupiti per la sua grande bellezza che resiste nonostante la latitanza delle istituzioni (c'è un piano di manutenzione delle piste ciclabili?). Lascia stupiti anche il civismo di alcuni eroici cittadini (vedi orti urbani) che fanno di tutto per restituire i luoghi alla loro originaria bellezza.
    Occorre fare attenzione all'uscita della Caffarella verso Cecilia Metella: ci si ritrova improvvisamente nell'incrocio molto trafficato di via dell'Almone via Appia Pignatelli. Occhio alle auto che svoltano destra!
    Caro Comune di Roma, si potrebbe farne un passaggio un po' più sicuro?

You can or this trail