• Foto di Parchi Roma Sud: Tor Marancia - Caffarella - Scott
  • Foto di Parchi Roma Sud: Tor Marancia - Caffarella - Scott
  • Foto di Parchi Roma Sud: Tor Marancia - Caffarella - Scott
  • Foto di Parchi Roma Sud: Tor Marancia - Caffarella - Scott
  • Foto di Parchi Roma Sud: Tor Marancia - Caffarella - Scott
  • Foto di Parchi Roma Sud: Tor Marancia - Caffarella - Scott

Tempo  2 ore 17 minuti

Coordinate 1541

Uploaded 19 gennaio 2016

Recorded gennaio 2016

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
58 m
23 m
0
6,1
12
24,55 km

Visto 857 volte, scaricato 38 volte

vicino Testaccio, Lazio (Italia)

Uscita molto divertente, impegnativa a tratti; quasi un esplorazione completa per chi non e’ pratico dei tre parchi, ma anche un ottimo allenamento per chi e’ di zona. Infatti, si riescono a superare i 410 mt dsl (dati Basecamp) e pedalare per piu’ di due ore anche affrontando salite dure e, eventualmente, piccoli salti non banali. Il tracciato di elevazione mostra continui saliscendi, infatti il percorso e’ abbastanza nervoso ed alla fine la fatica (mai eccessiva) puo’ farsi sentire. Trattandosi di un anello, convenzionalmente la partenza e l’arrivo sono da Largo delle 7 chiese, alla Garbatella. Dalla piazza ci si dirige verso la Regione Lazio per poi attraversare la Colombo e percorrere il Viale di Tor Marancia, magari soffermandosi ad ammirare le operere di street art dipinte sulle facciate dei lotti delle case popolari (a sx). Si arriva ad un varco nella rete di Via Arcioni (traversa di V. del Caravaggio) che immette nel parco di Tor Marancia, appedice di quello dell’Appia Antica. Per uno stretto e rettilineo sentierino, si attraversa la parte meno frequentata (ma bella e selvaggia) del parco per uscire, con una ripida salita, su un’altura che guarda verso la zona di Viale Londra a SE, ed il resto del parco davanti a noi (NE), con il vicino casale del guardiano, formato per la verita’ da piu’ edifici, quasi in rovina. Lo si oltrepassa e ci si avventura su impegnativi saliscendi, percorrendo anche una piacevole vallata caratterizzata da grosse alture (e grotte) di tufo. Si passa per un incredibile campo di rosmarino (accanto se ne trova un altro, di salvia !) e ci si dirige verso l’uscita, a Via Giulio Aristide Sartorio. Si pedala contromano sullo stretto (ma sicuro) marciapiede dell’Ardeatina per salire, quasi davanti alle Fosse Ardeatine, la rampa che conduce al bellissimo vialone di cipressi che caratterizza la zona delle catacombe di S. Callisto. Lo si percorre verso sx, per uscire alla chiesa Domine Quo Vadis. Si entra alla Caffarella dalla stradina quasi adiacente la chiesa e si inizia a percorrere in lungo e in largo il parco. Se si segue la traccia, due sono i punti che richiedono attenzione: la discesa nel prato con il divertente saltino (vicino all’ingresso di V. della Caffarella), comunque evitabile seguendo la discesa sterrata, e la conca con brevissima ma impegnativa discesetta che conduce, attraversando a mezzacosta il campo sulla dx, alla dura salita che porta alla torre con telecamera (AGGIORNAMENTO: alla data di Giugno 2016, il varco nella rete della sterrata che conduce alla conca potrebbe essere chiuso; non demordete...un altro varco vicino, sempre nella rete, con coordinate N41° 51.909' E12° 31.631' porta allo stesso punto) . Per il resto, la traccia percorre anche un’area a volte trascurata nelle uscite, cioe’ quella accanto la ferrovia, presso Via Bitinia, dove e’ possibile pedalare su terreni scomodi. Usciti dal parco, si attraversa l’Appia Antica e ci si immette, con ripida rampetta sterrata, sulla Circ.ne Ardeatina (in verita’, poco piu’ che una viuzza sterrata) che passa accanto al Parco Scott. Per un sentierino a sx, si sale nel parco, caratterizzato da alcune pinete ed una vastissima area cani. Anche qui, pur essendo l’area molto piccola, e’ possibile divertirsi con sentierini sterrati e sconnessi. Si esce dal parco e ci si dirige verso la Colombo, dove si percorre la ciclabile sul marciapiede sx (direzione Eur), che poi si sposta sul destro (attraversare la strada) e, per Via delle 7 chiese e la bella Piazza S. Eurosia, si ritorna alla partenza.
E’ possibile, per tutto il percorso, incrociare una delle varie tracce che ho inserito che descrivono altri giri per i parchi di questa zona di Roma, compresa quella che conduce al Lago di Castel Gandolfo per l’Appia Antica, o quella per il Parco degli Acquedotti e Tor fiscale.

1 comment

  • crrrmo 2-mag-2019

    I have followed this trail  verificato  View more

    Ho iniziato da poco e i tracciati di Maurizio sono molto interessanti

You can or this trail