• Foto di Ostuni eremo San Biagio Cisternino (Caranna) Speziale
  • Foto di Ostuni eremo San Biagio Cisternino (Caranna) Speziale
  • Foto di Ostuni eremo San Biagio Cisternino (Caranna) Speziale
  • Foto di Ostuni eremo San Biagio Cisternino (Caranna) Speziale
  • Foto di Ostuni eremo San Biagio Cisternino (Caranna) Speziale
  • Foto di Ostuni eremo San Biagio Cisternino (Caranna) Speziale

Tempo in movimento  3 ore 52 minuti

Tempo  6 ore 37 minuti

Coordinate 7404

Caricato 3 febbraio 2018

Recorded febbraio 2018

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
371 m
14 m
0
13
27
53,51 km

Visto 722 volte, scaricato 42 volte

vicino Ostuni, Puglia (Italia)

Bellissimo giro partendo dalla stazione di Ostuni percorrendo alcuni single track tecnici attraversando un paesaggio mozzafiato tra alberi d'ulivo secolari e la pineta dei monti di Cisternino.

È situato in contrada Rialto, alla fine di un lungo e difficile sentiero tra gli anfratti delle Murge ostunesi. Malgrado il percorso un po' impervio, tuttora il santuario è raggiunto a piedi dai pellegrini il 3 febbraio per rendere omaggio al santo protettore della città bianca.
Tutto il complesso sacro oggi è in avanzato stato di degrado. Costituisce uno degli esempi più interessanti e più antichi dell'influenza bizantina in Puglia fra il IX e XI secolo. Il santuario, infatti, nacque nel basso Medioevo come un piccolo insediamento di alcuni oblati basiliani che dai vescovi di Ostuni ottennero il permesso di occupare quel sito e ricavarne il sostegno economico per intraprendere le loro attività.
Il romitorio è formato da una modesta chiesetta romanica accostata ad una cavità ipogea che un tempo presentava degli affreschi medievali.
La facciata è molto semplice; al centro c'è una finestra bifora e di lato un campanile a vela. All'interno si trova un altare in pietra lavorato in stile barocco con la statua diSan Biagio, opera dello scultore ostunese Giuseppe Greco, commissionata dall'arcidiacono Carlo Petraroli nel 1780 (circa). All'esterno vi è un cortile racchiuso da altri modesti corpi di fabbrica destinati a varie funzioni. Ad esempio sul lato sinistro della chiesa, di fronte, c'è l'antica dimora dell'oblato (o custode). Sempre nel cortile si collocano due pozzi scavati nella roccia e alimentati da un acquedotto creato lungo il crinale delle colline tra le rocce. Tutto il complesso è protetto da muro frangivento.
Il santuario di San Biagio si colloca in un paesaggio incontaminato e selvaggio in cui domina la macchia mediterranea e una grava immensa stimata dagli speleologi come la più gran cavità sotterranea esistente in Puglia. Il giorno 3 febbraio in contrada Rialto si festeggia il Santo con una piccola fiera.

3 commenti

  • Foto di wikizander

    wikizander 19-ago-2018

    I have followed this trail  View more

    Fatto in agosto 2018. Percorso stupendo e interamente fattibile. Non metto le 5 stelle solo perché avrei fatto diversamente la discesa per il parco delle dune, evitando la strada, e avreii insistito di più sul parco delle dune stesso, che ha passaggi imperdibili. Complimenti e grazie!

  • Foto di BABA.

    BABA. 22-ago-2018

    @wikizander In altri percorsi da me pubblicati ho evitato la strada attraversando strade sterrate lambendo la masseria Montalbano.
    Grazie per il giudizio che reputo generoso.

  • dblspeed 17-ott-2019

    Ciao BABA, qual'è l'ultima versione di questo percorso? Grazie per la condivisione.

You can or this trail