-
-
1.379 m
594 m
0
10
21
41,49 km

Visualizzato 937 volte, scaricato 27 volte

vicino a Brovarone, Piemonte (Italia)

Se volete, potete contribuire al miglioramento di questi percorsi con una donazione:

paypal.me/tonigoodbike

Vedi anche, per una più completa informazione:
https://goodbike.wordpress.com/2012/06/04/oasi-zegna/

L’itinerario prende avvio dal Centro Zegna di Trivero (m 780), in provincia di Biella ma a pochi km da Borgosesia, e si dirige subito verso la borgata Castagnea. Si attraversa il piccolo abitato e, passando sotto un portico, s’imbocca la strada sterrata per il santuario della Novareia, pedalando in piano tra i castagni. Si lambisce il santuario (m 746) e ci si addentra nella Val Sessera. La strada, in parte sconnessa, scende ora al ponte e alla centrale elettrica del Piancone (m 556).
Si prende a risalire il fondovalle, angusto e suggestivo, seguendo il torrente Sessera. S’incontrerà il bel ponte ad arco della Babbiera (m 692), poi il tracciato si fa più faticoso con brevi strappi fino alla galleria. Superata una insellatura (m 879), la strada piega più decisa verso nord; l’ambiente si fa via via più selvaggio e solitario. Con saliscendi si arriva alle case dell’Oro della Lamma (m 847, cancello) e poco dopo alla diga del lago delle Mischie (m 885).
Inizia qui il tratto più impegnativo: dal piazzale ove termina la strada, tenendo il lago sulla sinistra, si segue il sentiero, segnalato da un cartello, che risale il versante idrografico sinistro della valle del torrente Dolca. La bicicletta va portata a spalla circa una mezz'ora (in alcuni tratti si può pedalare) lungo lo stretto sentiero. Dopo aver contornato il vallone del rio Stramba si accede, passando il fiume nei pressi di un antico ponte in pietra all’Alpe Collette di sotto (m 1030, fontana), dove riprende il tracciato pedalabile. Si scende subito al ponte dei Lavaggi (m 960), superato il quale s’imbocca una larga pista che, in ripida ascesa, ripercorre, sul versante opposto, la valle del Dolca percorsa in precedenza con la bici in spalla. Si passa sotto alcuni alpeggi abbandonati e si procede nella faggeta. La pista, con alcuni brevi ma duri strappi, torna a dominare la valle del Sessera. Dopo un tornante, si giunge al bivio della strada proveniente dall’alpe di Mera, si piega a sinistra, sempre su sterrato, per una lunga discesa fino al rio Caramalo (m 1.135). La strada, ora larga e ben battuta, punta verso il fondovalle e raggiunge la Casa del Pescatore (m 1.190), dove si attraversa il torrente. Sul versante opposto si sale con pendenza costante alla Bocchetta Sessera (m 1.382), alberghetto.
Attraversato l’asfalto, scendere sul sentiero in mezzo ai bei prati per l’itinerario 13 (L61) verso Camandona che non si raggiunge ma sempre a mezza costa, seguendo le indicazioni, vicino al Monte Terlo, della GTB: Grande traversata del Biellese, attraverso Le Piane ed altri alpeggi. All'asfalto si abbandona la GTB e si prosegue per Caveggia, Veglio, Provinciale 105, viadotto della Pistolesa, Mosso, Capo Mosso, Madonna della Brughiera (L 1) (Oratorio d’epoca barocca), Barbato, Lora e infine Trivero.

Vedi altro external

Commenti

    Puoi o a questo percorso