darpao

Tempo  4 ore 4 minuti

Coordinate 3801

Uploaded 16 novembre 2015

Recorded ottobre 2015

-
-
1.702 m
288 m
0
7,4
15
29,67 km

Visto 1170 volte, scaricato 17 volte

vicino Casamari, Lazio (Italia)

Partenza dall'Abbazia di Casamari (Veroli).
Meglio effettuare la prima parte del giro su asfalto, visto che quando inizierà lo sterrato ci sarà un bel po' da sudare. Direzione Scifelli si inizia a salire su pendenze importanti per più di 3km all'8% di media lungo una strada che sale però a strappi (più volte si tocca il 15-20%).
Arrivati al bivio che porta a Santa Francesca, si attraversa la strada principale e si sale ancora verso Case Cocchi. Salita ancora più dura (1,5 km al 10% medio con punte al 25% in corrispondenza del borgo). Poco dopo le case iniziano i primi tratti di sterrato e dopo 500 metri sulla destra tenere presente un bivio con una stalla che si imboccherà al ritorno. Ancora altri 500 metri e si arriva in una zona con un poligono dove fanno addestramento i militari di Sora.
Da qui gli unici 300 metri di rilassamento della giornata per giungere al tornante di Fontana Fusa; da qui inizia subito forte la salita che porterà su. La strada è ampia e permette il transito anche ai fuoristrada, ma a tratti è molto sconnessa e ripida.
Si salirà per 4,8 km al 13% medio e punte massime anche al 30%. Le difficoltà maggiori comunque si incontrano nel primo km con qualche tornante davvero ripido e sconnesso.
Un biker esperto e molto allenato può fare la salita quasi tutta in sella, altrimenti c'è un bel po' di strada da fare a spinta. Io, abbastanza allenato, ho impiegato 1 ora e 5 minuti con quasi 10 minuti di pausa, ma a farla con calma bisogna considerare almeno mezz'ora in più.
Lungo la strada si incontrano i bivi per Pozzo Faito e per la vetta di Pedicino passando per il sentiero Chiavone (ma più adatta all'escursionismo.. in pratica si sale solo a spinta nel bosco).
Al termine della strada si è a circa 1450 m s.l.m. e per raggiungere la vetta bisogna proseguire a piedi (impensabile portarsi la bici che può essere nascosta tranquillamente in zona). Considerare quasi mezz'ora di salita.
Da lì seguendo dei paletti che segnalano il confine tra i comuni di Veroli e Monte San Giovanni Campano si sale quasi "arrampicandosi" per 600 metri fino ad arrivare ai 1734 m s.l.m. del monte Pedicino individuata dalla croce in foto.
Splendido il panorama sulla Ciociaria.
Una variante potrebbe essere quella di scendere verso Prato di Campoli, ma di sicuro bisogna fare un tratto nel bosco a piedi proseguendo in direzione del termine della strada senza salire su in vetta.
Si scende per la stessa strada e questa volta si sfrutta la discesa per non fare solo asfalto; arrivati prima di Case Cocchi si imbocca a destra costeggiando la stalla e si prende un sentiero molto tecnico che percorrono i militari. Il sentiero in single track è facile da seguire essendo delimitato dalle recinzioni dei terreni affianco.
Si arriva in località Baraccone (in foto), si riattraversa la strada e superata una sbarra si scende per poi salire un pezzettino nel bosco. Da lì iniziano altri 2 km di discesa sterrata che portano in località Bagnara.
Qui io ho proseguito per la strada asfaltata a parte un pezzo che costeggia la superstrada. Altre varianti sono segnalate dai waypoint sulla mappa e permettono di scendere a Castelliri / Porrino e poi tornare a Casamari.
Giro impegnativo anche fisicamente perché il dislivello finale di circa 1.500 metri si fa in pratica in un'unica lunga salita.
Io ho impiegato circa 4 ore pause comprese ma potrebbero volerci più tempo, anche un'ora/un'ora e mezza in più specialmente se c'è stata pioggia nei giorni precedenti.
Riconoscibile per la presenza di una stalla
Non so se l'acqua è potabile
Non penso l'acqua sia potabile

1 comment

  • Foto di americo.massa

    americo.massa 16-ago-2018

    Ciao sono un biker e mi sono trasferito da poco in zona. Cerco compagnia per vedere qualche nuovo percorso. Se ti fa piacere 3203031220 Americo

You can or this trail