-
-
1.866 m
1.312 m
0
8,2
16
32,95 km

Visto 706 volte, scaricato 29 volte

vicino Livata, Lazio (Italia)

Il Monte Autore, terza vetta per altezza dei monti Simbruini è uno dei punti più attraenti, con una magnifica panoramica a 360° di cui si gode dalla vetta, spazia su tutto l´Appennino Centrale.

Da Campo dell’Osso, in lieve salita si prende il sentiero che parallelamente alla strada, giunge alla Monnna dell’Orso (partenza impianti da sci), per arrivare alle vedute dell’Autore. Con decisione si prosegue per il sentiero di cresta dell’Autore (tratti a spinta). Dalla cima un impegnativo single trek, intersecandosi più in basso con quello proveniente dalle vedute dell’Autore, ci fa superare la fonte degli Scifi per arrivare a passo del Procoio (1589 m). Si prosegue a sx in un’ampia vallata, più in basso si entra nel bosco e percorrendo il fosso dei Volatri, a quota 1400 circa, si segue un sentiero laterale verso dx, lo si segue a saliscendi, fino ad uscire su di una sterrata. Continuando a dx in salita si arriva al parcheggio del Santuario della Santissima Trinità. Attraversato il parcheggio, si superata una sbarra prendendo la sterrata che dapprima risale dolcemente e poi scende, transitando nei pressi della Fonte Campitelle, per giungere ad incrociare la sterrata per Fosso Fioio, dov’è posto un evidente cippo di confine. Ci si dirige a sx, fino ad incontrare una successiva sterrata (a dx conduce a Camporotondo), si continua a sx e tralasciando le deviazioni di dx effettuata una ripida salita ed oltrepassato un rifugio di pastori, si giunge a Campo la Pietra, da dove in breve si arriva davanti al Rifugio Saifar (1328 m).
Superato il rifugio, dalla collinetta parte un sentiero, che snodandosi nella faggeta, esce poi dal bosco, intercettando una mulattiera che a margine del bosco attraversa il piano del Casottino (caratterizzato da una vegetazione cespugliosa molto bassa).
Nella parte finale, ci si mantiene alti proseguendo su sentiero, più avanti si rientra nel bosco, sbucando poco dopo, su di una mulattiera a quota 1290 m, per risalire a sx fino alla sommità ove è ubicato un ponticello. Continuando l’ampia sterrata porta all’enorme pianoro di Camposecco.
In alternativa alla val Maiura, si percorre la valle di Monte Autore e si devia poi a dx (ultimo sforzo, salita per biker allenati) per la selvaggia Cannavacciari. Raggiunta una depressione, breve tratto a spinta fino alla sella, poi un single trek ci porta in val Maiura. Si rientra a Campo dell’Osso per il percorso della pista di fondo.

1 comment

  • sahere 10-set-2014

    ....interessante il tratto dei Cannavacciari....mi suona nuovo

You can or this trail