Tempo  4 ore 22 minuti

Coordinate 2130

Uploaded 5 giugno 2017

Recorded giugno 2017

-
-
354 m
50 m
0
7,3
15
29,12 km

Visto 600 volte, scaricato 21 volte

vicino Casa Marchetti, Toscana (Italia)

Giro molto impegnativo per il tipo di terreno che ci si è trovati ad affrontare e per un errore di pianificazione in quanto il Monte Tambone è stato "scalato" dal versante sbagliato.

Il giro parte da poco sopra Lacona, dove avevamo la nostra residenza, per strade interne si raggiunge la strada del Colle Reciso quindi si sale, per la strada che collega Lacona con Portoferrario, fino al valico su cui è presente una cava di calcare.
Arrivati in cima si volta a sinistra e si prende una strada sterrata il cui fondo è ben batturo e, rimanendo in quota, ci si porta in prossimità del monte San Martino (senza però arrivare in cima).
Arrivati ad un quadrivio (Km 7 della traccia) abbiamo proseguito diritto e la strada è diventata inizialmente un sentiero percorribile (single track) poi un calvario perchè l'erosione dell'acqua ha completamente rovinato il tracciato tanto da renderlo percorribile solo a piedi. Qui tra cadute e forature abbiamo proseguito A PIEDI fino ad arrivare a Colle di Procchio. Guardando ora la cartina, mi verrebbe da dire che la strada migliore per raggiungere il Colle è seguire il sentiero GTE che passa a sud del nostro tracciato, per cui al quadrivio voltare a sinistra e scendere fino all'incrocio successivo e solo lì addentrarsi nella macchia voltando a destra.
Da Colle di Procchio si scende a Marina di Campo lungo la strada principale.

Piccola pausa al porto, quindi si riprende la strada per tornare a Lacona passando per il Monte Tambone. Si seguono le indicazioni per Lacona e si prende, per un breve tratto la SP30, appena fuori dal paese si volta a destra e si imbocca una strada sterrata ben battuta che porta verso dei campeggi. La strada è subito erta, in circa 0,5 Km ci si eleva di più di 100 metri.
Sulla sommità della strada un breve tratto pianeggiante consente di riprendersi prima di affrontare la successiva fatica che è quella di scalare il monte Tambone percorrendo un sentiero in salita, assolutamente non pedalabile se non per brevi tratti.
Nel sentiero sono visibili varie impronte di pneumatici, segno che la via è battuta, ma riteniamo sia usata prevalentemente per scendere.
Valutata con le mie ridotte abilità ciclistiche, reputo questo tratto di sentiero difficile da percorrere anche in discesa, il fondo è molto mosso, ci sono molti sassi affilati, la pendenza è elevata e ci sono punti esposti, tando che una parte del gruppo ha preferito rinunciare e ritornare a Lacona percorrendo la SP30.
Arrivati sulla sommità il panorama è comunque stupendo e appaga la fatica sofferta.

Arrivati in cima capiamo che probabilmente abbiamo sbagliato versante, che avremmo dovuto salite da Lacona e non da Marina di Campo. In cima troviamo un'autostrada ad attenderci, troviamo un paio di moto da trial e un gruppo di ciclisti che sta salendo.
Scendiamo lungo questa strada che è si larga ma che comunque nasconde delle insidie: il fondo è sabbioso, ci sono molti avallamenti e delle montagnole che tagliano longitudinalmente la strada. Inizialmente ci divertiamo a far volare la bici ogniqualvolta si passa sopra queste montagnole, ma il primo tratto è veramente pendente e la bici prende facilmente velocità per cui rallentiamo.
Arrivati alla strada asfaltata il ritorno a Lacona è semplice e divertente perchè il manto stradale è appena stato rifatto e la strada è piena di semicurve tanto amate dai motociclisti e anche da me perché, confesso, qualche volta mi piace far parte anche di questa schiera.
  • Foto di Canalone
  • Foto di Canalone
  • Foto di Canalone
  • Foto di Canalone
Uno scorcio del "sentiero" che collega il Monte San Martino con Colle di Procchio
  • Foto di Marina di Campo
  • Foto di Marina di Campo
  • Foto di Marina di Campo
Marina di Campo
  • Foto di Monte Tambone
  • Foto di Monte Tambone
  • Foto di Monte Tambone

Commenti

    You can or this trail