Tempo in movimento  2 ore 49 minuti

Tempo  3 ore 39 minuti

Coordinate 5260

Uploaded 6 settembre 2018

Recorded settembre 2018

-
-
148 m
46 m
0
9,4
19
37,7 km

Visto 58 volte, scaricato 0 volte

vicino Gianicolense, Lazio (Italia)

Da Monteverde alla Riserva Naturale dell'Insugherata passando per Villa Pamphili e per il PRU del Pineto, sia all'andata che durante il difficile ritorno.

Partendo da Monteverde si entra a Villa Pamphili dall'entrata di Via Vitellia, dopo un breve giro sopra al laghetto si passa alla parte ovest della Villa e si esce a Via Aurelia Antica, da dove, tramite strade abbastanza trafficate, si arriva all'entrata del Parco del Pineto sita accanto all'ex auditorium. Si fa il classico (già descritto in molti altri giri) giro della parte sopra del Pineto per poi arrivare ad un bivio (primo waypoint) dove giriamo a dx. Tenendo sempre la dx facciamo una bella discesa che ci porta in una zona paludosa da dove risale un sentiero (Via del Pineto Torlonia) che torna alla caserma militare. Si prende il sentiero che la costeggia e poi si riscende a dx seguendo le indicazioni per la mountain bike. Dopo un breve giro nella parte sotto risaliamo per poi uscire a Via Montiglio (secondo waypoint). Da lì si arriva alla stazione FS Gemelli dove si prende la ciclabile in direzione nord fino alla stazione FS Montemario. Si prosegue su Via Trionfale per poi girare a dx su Via Giovanni Della Casa da dove si entra nella Riserva dell'Insugherata (terzo waypoint). Il sentiero inizialmente è malridotto e pieno di rovi, poi la situazione migliora ma aumenta la difficoltà tecnica, soprattutto nel boschetto. Al km 19.45 c'è una discesa ripidissima (quella della staccionata) che abbiamo fatto a mano. Scesi giù si prende il secondo sentiero verso dx che scorre sul fondo della valle e, arrivati al km 20.9, si attraversa direttamente un ponticello di ferro, senza fare quell'inutile deviazione verso dx. Passati sul ponticello si prosegue verso dx fino ad arrivare a Via Panattoni prima e a Via dell'Acqua Traversa poi. In corrispondenza del quinto waypoint è dove vi invito a non seguire più la traccia (fin lì bella e tecnica) perché abbiamo preso un sentiero che dal km 23.4 al 24.6 è totalmente impraticabile causa rovi. Peccato perché l'avevamo già percorso e tutto era andato per il meglio, ma oggi passare lì è stato davvero un supplizio, tra l'altro inutile visto che è impossibile pedalare. Usciti da quell'inferno verde siamo tornati sulla ciclabile, l'abbiamo percorsa verso sud dove abbiamo riattraversato, senza soffermarci molto rispetto all'andata, il Pineto e Villa Pamphili per rientrare a Monteverde.

Traccia divertente e anche abbastanza impegnativa da un punto di vista tecnico, purtroppo totalmente rovinata dal passaggio in quel sentiero.
  • Foto di Bivio
Durante il primo giro del Parco del Pineto si incontra questo bivio, andando a dx abbiamo deciso di scendere nella parte sotto del parco
  • Foto di Uscita PRU Pineto
Vista dell'uscita del Parco Regionale Urbano del Pineto da Via Montiglio. Attenzione perché si procede contromano per pochi metri
  • Foto di Ingresso Insugherata
  • Foto di Ingresso Insugherata
  • Foto di Ingresso Insugherata
Ingresso della Riserva dell'Insugherata alla fine di Via Giovanni della Casa
  • Foto di Discesona (a mano)
Arrivati al punto altimetrico più alto di tutto il percorso ci si trova davanti a questa discesa dove abbiamo preferito scendere da sella
  • Foto di Partenza sentiero Acqua Traversa
Passato il maneggio sull'omonima strada asfaltata, sulla sx parte questo sentiero che riporta a Montemario. Purtroppo, dopo il primo chilometro e mezzo praticabile, il sentiero viene sommerso da una vegetazione impenetrabile senza machete e scafandro. Quindi sconsiglio di prendere questo sentiero

Commenti

    You can or this trail