Scarica
andrewpope
95 10 0

Distanza

181,87 km

Dislivello positivo

3.903 m

Difficoltà tecnica

Medio

Dislivello negativo

3.903 m

Altitudine massima

1.542 m

Trailrank

27

Altitudine minima

157 m

Tipo di percorso

Anello
  • Foto di Giro dei laghi3-4-5 7 2020 001
  • Foto di Giro dei laghi3-4-5 7 2020 001
  • Foto di Giro dei laghi3-4-5 7 2020 001
  • Foto di Giro dei laghi3-4-5 7 2020 001
  • Foto di Giro dei laghi3-4-5 7 2020 001
  • Foto di Giro dei laghi3-4-5 7 2020 001

Coordinate

2307

Caricato

6 luglio 2020

Registrato

luglio 2020
Lascia il primo applauso
Condividi
-
-
1.542 m
157 m
181,87 km

Visualizzato 253 volte, scaricato 3 volte

vicino a Filignano, Molise (Italia)

Percorso ad anello di 182 km e circa 3500 metri di dislivello fatto in tre giorni insieme ad altri 10 amici squinternati. Il percorso ha come base di partenza Filignano, cittadina del Molise dove opera l'ASD Iapca Iapca che organizza una meravigliosa gara di MTB che si chiama Mainarde Bike Race. E' stato proprio il loro capitano che ci ha guidati nella prima e ultima tappa di questo percorso mostrandoci parte dei bellissimi sentieri della gara. Dopo cira 15-20 km dalla partenza, però, si lascia lo sterrato in località Cerasuolo e ci si dirige su asfalto verso il Lago di Cardito (o Selva) per poi proseguire in una lunga discesa che ci porterà verso la destinazione della prima tappa che si trova in località Alvito (FR) e precisamente alla bellissima tenuta del Daino, un agriturismo immerso nella natura dove dormiremo la prima notte. Il mattino seguente si riparte con l'intento di raggiungere la vetta di Monte Tranquillo per poi scendere verso Macchiarvana, Forca d'Acero -Opi e usicre sulla strada Marsicana. Purtroppo la pioggia battente ci ha costretti a dover rinunciare allo sterrato per fare tutto asfalto (sigh!) sino al rifugio di forca d'Acero dove, dopo una lunga salita, ci si può rilassare un attimo e fare un break. Riprese le forze ci si lancia lungo la discesa che ci condurrà ad attreversare dapprima Villetta Barrea, poi il lago di Barrea e, infine, tramite una strada bianca che costeggia il lago raggiungere la cittadina di Barrea, meta della nostra seconda tappa. Per fortuna il terzo giorno è caratterizzato da sole e temperature non elevatissime che ci consentiranno di affrontare i 70 km e i circa 1300 di dislivello rimasti in relativa scioltezza. Questa tappa ci ha portato a visitare il lago di Montagna Spaccata (carino ed ha anche una pedana galleggiante dove potersi tuffare per un bagnetto rinfrescante) da lì si sale, sempre in asfalto, purtroppo, verso il rifugio Campitelli e quindi la bellissima Valle Fiorita. Il percorso prosegue in discesa verso località Pizzzone per poi raggiungere il bellissimo lago di Castel San Vincenzo (le Maldive d'Abruzzo) con un acqua verde turchese che abbaglia. Per terminare il giro ci aspettano altri 8 km di salita per ritornare in località Cerasuolo e poi Filignano. A circa un chilometro dall'arrivo le nostre bici da Enduro imploravano pietà per tutto l'asfalto che le abbiamo cosrette a sopportare e quindi abbiamo fatto un tratto in sterrato ma in effetti si poteva anche evitare. Facendo il tratto su a Monte Tranquillo - Opi ci sarebbe stato molto più sterrato da fare ma purtroppo il tempo ci non lo ha permesso.
Così come pubblicata è una traccia da fare in gravel, tranne forse il tratto iniziale in sterrato che è comunque facilmente evitabile seguendo le indicazioni per Cerasuolo.

Commenti

    Puoi o a questo percorso