Scarica

Distanza

25,1 km

Dislivello positivo

285 m

Difficoltà tecnica

Medio

Dislivello negativo

285 m

Altitudine massima

417 m

Trailrank

29

Altitudine minima

252 m

Tipo di percorso

Anello
  • Foto di FAI TORBA - 2. MTB (medio) con POI
  • Foto di FAI TORBA - 2. MTB (medio) con POI
  • Foto di FAI TORBA - 2. MTB (medio) con POI
  • Foto di FAI TORBA - 2. MTB (medio) con POI
  • Foto di FAI TORBA - 2. MTB (medio) con POI
  • Foto di FAI TORBA - 2. MTB (medio) con POI

Coordinate

274

Caricato

11 marzo 2021

Registrato

marzo 2021

Invia al tuo GPS

Scarica percorsi da Wikiloc direttamente sul tuo Garmin, Apple Watch o Suunto.

Passa a Wikiloc Premium Passa a Premium per rimuovere gli annunci
Invia al tuo GPS Invia al tuo GPS
Lascia il primo applauso
Condividi
-
-
417 m
252 m
25,1 km

Visualizzato 446 volte, scaricato 26 volte

vicino a Torba, Lombardia (Italia)

Itinerario tra natura e cultura, adatto a tutti, che porta alla scoperta dei dintorni del Monastero di Torba del FAI - Fondo Ambiente Italiano.

Video-racconto dell'itinerario:
https://youtu.be/AjaJOJ9WQXA

Attraversa con noi il borgo rinascimentale di Castiglione Olona e visita il Museo della Collegiata, raggiungi Morazzone - dove si trova il Bene FAI (in restauro) Casa Macchi - e scopri la longobarda Castelseprio e la sua Chiesa di Santa Maria Foris Portas.... Il tutto pedalando all'interno del Parco RTO- Rile Tenore Olona, dal nome dei tre corsi d'acqua che lo attraversano.

Per questa variante di difficoltà media del giro, dalle rovine di Castelseprio il rientro avverrà sui sentieri (single track) del parco RTO. Davvero molto divertenti da guidare, ma che implicano una certa confidenza sulla Mountain Bike.
Se siete alle prime armi prediligete il rientro al Monastero di Torba tramite la ciclabile dell'Olona, che si prende da Castelseprio industriale.

Mostra di più external

Waypoint

FAI - Monastero di Torba



https://www.fondoambiente.it/luoghi/monastero-di-torba
Un complesso monumentale longobardo, oggi parte di un parco archeologico dichiarato Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, immerso nella natura e raccolto attorno a un’imponente torre con interni affrescati.
https://www.youtube.com/watch?v=I4_vaoY9U_I
Waypoint

Parcheggio (libero)



Grande parcheggio libero che si trova accanto alla ciclabile dell'Olona, a 150 metri dall'ingresso al monastero. Fontanella.
Waypoint

Ciclabile dell'Olona



La pista ciclopedonale della Valle Olona si estende per circa 20 chilometri da Castellanza a Castiglione Olona costeggiando il fiume Olona e ricalcando il tracciato dell'antica Ferrovia della Valmorea (costruita all’inizio del Novecento a servizio delle industrie poste lungo il fiume. Collegava Castellanza a Lonate Ceppino e poi fu prolungata fino a Mendrisio).
Il percorso ciclabile, inaugurato nel 2010, è protetto da staccionate ed è attrezzato con panchine, cestini, e pannelli illustrativi.
Waypoint

Castiglione Olona - Ponte Medievale



Vecchio ponte sull'Olona, costruito in epoca medievale.
Waypoint

Castiglione Olona - Mura medioevali



Le antiche mura, costruite in ciottoli di fiume, circondavano il borgo di Castiglione Olona,

Waypoint

Castiglione Olona - Porta di Ponente



Siete pronti a varcare la porta di quest'"Isola di Toscana in Lombardia"? (citando d'Annunzio...!)

Waypoint

Castiglione Olona - Palazzo Clerici



Elegante palazzo del Quattrocento.
Waypoint

Castiglione Olona - Palazzo Castiglioni Monteruzzo (Museo Arti Plastiche)



Nelle sale affrescate del trecentesco Palazzo dei Castiglioni di Monteruzzo, si trova il Museo Arti Plastiche, che espone un'originale collezione di una cinquantina di opere in plastica realizzate negli anni ‘70 da artisti internazionali tra i più quotati del secondo dopoguerra (Carla Accardi, Enrico Baj, Giacomo Balla, Man Ray...). Il MAP costituisce uno dei più interessanti risultati dell'incontro tra arte e industria ed è il primo museo in Italia dedicato a opere d'arte in materiale polimaterico.

Waypoint

Castiglione Olona - Palazzo Branda Castiglioni



La storica dimora del Cardinale Branda Castiglioni testimonia la grandezza del suo pensiero umanista. E' composta da un corpo trecentesco accostato a uno quattrocentesco (assai alterato nei secoli). Nel 1435 Masolino affrescò lo studiolo del Cardinale con la stupenda e irreale veduta di Veszprèm (località montuosa ungherese). All’interno si trovano altre notevoli opere del Vecchietta e di Paolo Schiavo. Un artista lombardo, dipinse nel 1423 la cosiddetta "Camera del Cardinale" con alberi da frutta, puttini festanti, decorazioni tardo gotiche e motti tratti da autori classici latini, che ci tramandano il raffinato testamento spirituale del Cardinale Castiglioni.

Waypoint

Castiglione Olona - Chiesa di Villa



La chiesa sorge sulla piazza principale del borgo, ai piedi della salita che porta alla Collegiata. La sua architettura ha una netta impronta rinascimentale che risulta del tutto eccezionale per il panorama architettonico lombardo dell’epoca. Fu progettata intorno al 1430: si rifà chiaramente all'impianto quadrato con copertura a cupola dei coevi esempi fiorentini del Brunelleschi. Anche le soluzioni decorative con profilature in pietra grigia su intonaco bianco sono tipicamente brunelleschiane.

Waypoint

Castiglione Olona - Museo della Collegiata



La chiesa e il battistero sono frutto del mecenatismo del Cardinal Branda Castiglioni che, fra 1422 e 1435, rinnovò il borgo di Castiglione Olona, chiamando dalla Toscana i più importanti artisti del tempo. Di forme gotiche lombarde, la chiesa fu consacrata nel 1425. Il suo interno è interamente affrescato: nella calotta absidale sono narrate le Storie della Vergine* dipinte da Masolino da Panicale (1434). Nelle pareti sottostanti sono affrescate “storie di santi” attribuite a Paolo Schiavo e al Vecchietta, artisti toscani del XV secolo. Nel Battistero si trova il famosissimo ciclo con la vita di San Giovanni, opera eccelsa di Masolino, del 1436.



Waypoint

Scorciatoia (gradinata)



Se non vi sentite sicuri di fare questa gradinata, tornate indietro fino all'incrocio dove si trova il Comune (Scolastica) e svoltate a sinistra in via Mazzini.
Waypoint

Grande quercia





Waypoint

Caronno Corbellaro - Chiesetta di San Nazaro





Waypoint

Gornate Olona - Chiesa di San Michele



L'oratorio campestre è tra i più antichi della Lombardia. Viene datato V-VI secolo, in quanto ricorre spesso il modulo del piede romano (cm. 29,6). La stratificazione di affreschi nell’abside e nell'arco trionfale è il risultato di successivi interventi: i più antichi risalgono al periodo bizantino. L'opera di maggior interesse è il Giano Bifronte, in ocra, databile all’VIII secolo: probabilmente faceva parte di una perduta allegoria dei mesi. La crocifissione è del XV secolo e ricorda quella nella chiesa di Bizzozzero.

Waypoint

Morazzone - Vigne



Waypoint

FAI - Casa Macchi



https://www.fondoambiente.it/luoghi/casa-macchi
Casa Macchi è un grazioso palazzetto di provincia che sorge all'ombra del campanile della chiesa di un tranquillo paesino a pochi chilometri da Varese, Morazzone. Non vi è nulla di straordinario in questo luogo, né nel giardino, né nell'architettura, né nelle decorazioni o gli arredi, né infine negli oggetti o nella storia dei suoi abitanti. Eppure la prima visita qui soddisfa, perché vi è un indiscutibile fascino nel penetrare in un mondo che fu, conservato fin nei suoi minimi dettagli, congelato nel momento dell'abbandono - che pare quasi furtivo, repentino e inevitabile -, e che ancora odora di vita quotidiana, della caffettiera rimasta sulla stufa o della pipa lasciata sul tavolino tra le poltrone del salotto. Al di là di ragnatele fittissime e polvere di tarli, quel che colpisce a Casa Macchi è la possibilità di cogliere e restituire la vita autentica di una dimora che non fu né cascina né palazzo, né ordinaria né straordinaria, ma tipica, tradizionale, semplice, vicina nelle forme - borghesi, con qualche gradevole vezzo alto-borghese - e vicina nel tempo, tanto da generare curiosità ed empatia nel visitatore, che vi riconoscerà oggetti e consuetudini in un paesaggio domestico che appartiene alla sua stessa tradizione (soprattutto se lombardo), capace di solleticare la memoria e di accendere un qualche interesse antiquario.

Waypoint

RTO - Santuario della Madonnetta



Umile chiesa campestre, terminata nel 1680 nel luogo dove la tradizione vuole che siano avvenuti dieci casi di guarigione miracolosa. Il luogo è molto amato dalla popolazione locale, si affaccia in una bella radura tra i boschi.
Waypoint

RTO - Zona umida



Un bello stagno, dalle placide acque che riflettono il bosco.. in cui vive - se cercate bene - una tartarughina!

Waypoint

Castelseprio - Chiesa di Santa Maria Foris Portas



A circa duecento metri dalle rovine della città fortificata di Castelseprio, si trova questa semplice chiesa dalle antiche origini: risale al IX secolo. La devozione della gente del posto ha salvato questo edificio dalla distruzione e dall'abbandono. La chiesa, a navata unica, ha tre absidi (una per lato) ed è preceduta da un atrio con un grande arco seicentesco. All'interno si trovano importantissimi affreschi, con scene dell'infanzia di Gesù, di epoca alto medievale: furono eseguiti tra il VI e il X secolo. Sono un raro esempio di transizione tra arte classica e bizantina: furono realizzati probabilmente da maestranze orientali, sono riconoscibili legami stilistici con la pittura classica e romana antica; rari nelle coeve pitture altomedievali.
https://www.fondoambiente.it/luoghi/chiesa-di-santa-maria-foris-portas?ldc

Waypoint

Castelseprio - Parco archeologico



L'area archeologica fa parte del sito UNESCO "I Longobardi in Italia, I luoghi del potere (568-774 d.C.)". Il sito comprende i resti di una città fortificata del IV-V secolo che fu espugnata da Ottone Visconti nel 1287: egli ne ordinò la distruzione totale, fatte salve le chiese. Al "castrum", cinto da mura in epoca gota, si accedeva attraverso un ponte. All'interno delle mura si trovano gli interessanti ruderi del complesso paleocristiano di San Giovanni e quelli della chiesa romanica di San Paolo. Tra gli edifici residenziali vi sono resti di case private di differenti epoche.

Waypoint

RTO - Primo guado



Qui si dovrà per forza attraversare il Torrente Tenore. Questo guado è piuttosto profondo, è molto probabile bagnarsi i piedi.
Waypoint

RTO - Secondo guado



Questo guado è molto più piccolo del precedente. Ed è l'ultimo che vi propongo..!! (Presto sarete alla macchina).
Waypoint

RTO - Svolta a destra!

Arrivati davanti a un terzo guado (grande come il primo), non fatelo! Voltatevi a destra: una salita di ciottoli vi porterà in breve alla Madonnetta, da dove prenderete la discesa per Gornate Olona, verso la conclusione del giro.
Waypoint

Campo



Attraversato a zig-zag questo campo, sbucheremo sulla discesa d'asfalto (attenzione, contromano!), che ci condurrà alla ciclabile dell'Olona. In breve saremo di ritorno al Monastero.

Commenti

    Puoi o a questo percorso