-
-
520 m
61 m
0
11
21
42,61 km

Visto 573 volte, scaricato 28 volte

vicino San Prospero, Emilia-Romagna (Italia)

Percorso che in linea quasi retta porta da Faenza in cima a Monte Mauro, cuore del Parco della Vena del gesso, passando su e giù per i calanchi. Nessuna difficoltà tecnica, eccetto le pendenze in qualche punto. Comunque da fare avendo un minimo di allenamento. Evitare di fare il percorso subito dopo forti piogge, per il fango che si forma con le argille dei calanchi. Partenza da Faenza, Parco degli Orti, di fronte alla fontanella. Si sale, passando per Castel Raniero, fino alla Pideura. Si scende nella valle del rio Chiè, tramite la cosidetta discesa delle api. Si sale lungo la valletta in cima al calanco e si riscende nella valle del Sintria. Va fatto un piccolo e divertente guado del Sintria (infattibile se é in piena, prendere nel caso per Villa Vezzano). Si sale di nuovo in mezzo ai vigneti, fino in cima ad un altro calanco, dal quale si ha una splendida vista a 360 gradi su Monte Mauro, sulla croce di Rontana e sulla pianura. Si scende dal calanco e si comincia a salire sulle pendici di Monte Mauro. Il percorso è ad anello, preferisco il senso antiorario; rispetto al senso orario è leggermente più faticoso, ma meno tecnico. In cima a Monte Mauro tappa presso la chiesa di Santa Maria in Tiberiade. Chiuso l'anello, si ritorna indietro per lo stesso percorso. Si riguada il Sintria, e si devia per Villa Vezzano, dove si trova una provvidenziale fontanella. Si risale di nuovo fino alla Pideura e si scende a Faenza. Il percorso prevede l'attraversamento di alcune aree private, massimo rispetto per i luoghi e le proprietà.
fotografia

In cima alla Pideura, vista su Monte Mauro

fotografia

Vista su Monte Mauro

fotografia

Calanchi

fotografia

Sul crinale di fronte a Monte Mauro

fotografia

Cartello

Il percorso è in parte in aree private, portare rispetto
fotografia

Vista da Monte Mauro sulla valle del Sintria

2 commenti

  • Foto di venaonirica

    venaonirica 31-lug-2018

    Bello, sembra proprio divertente, non conosco il passaggio dove poi guadate il sintria, però appena ho tempo ci riguardo meglio e lo voglio percorrere. Ciao.

  • Foto di tcometom

    tcometom 23-ago-2018

    Ad agosto il guado si riduce a poco. In primavera, a maggio si affondava per mezza ruota, bagnandosi le.scarpe.

You can or this trail