-
-
414 m
17 m
0
13
26
51,78 km

Visto 1281 volte, scaricato 25 volte

vicino Capranica-Scalo, Lazio (Italia)

Nonostante sia stata effettuata in un periodo abbastanza prolungato di assenza di pioggia, l’uscita si e’ rivelata abbastanza impegnativa, soprattutto nell’affrontare i vari acquitrini presenti sia dentro che fuori alcune gallerie. Meglio mettere in conto, quindi, che bagnarsi un po’ i piedi potrebbe essere inevitabile. Non solo: diversi tratti di ex ferrovia sono sbarrati da muretti; alcuni aggirabili, altri scavalcabili con poche difficolta’ (da soli, pero’, potrebbe essere molto arduo) ed uno che richiede impegno visto che e’ alto circa 2 mt (quello all’uscita della galleria di 1.3 km); qualche tratto, prima della stazione di Blera e’ ricoperto da una fitta vegetazione di rovi. Ma tutto questo fa parte anche del fascino di affrontare questo percorso... Dopo aver lasciato la stazione FS di Capranica-Sutri, ci si dirige sulla SP92 che si percorre verso dx per poche centinaia di metri; la si lascia in corrispondenza dell’attraversamento dell’attuale ferrovia, dove un viottolo ci introduce nella sterrata della ex ferrovia Orte-Civitavecchia. Il percorso e’ gia’ suggestivo, e l’alternarsi di campi arati e panorami contrasta con alcuni punti dove si passa tra le alte pareti della massicciata. Iniziano le gallerie (ce ne saranno 10) dove e’ obbligatorio, quasi per tutte, l’uso di una frontale o di una buona luce sulla bici. Dopo la stazioncina di Bandita di Barbarano inizia un pezzo con i muretti (4) e la vegetazione composta da rovi infestanti, ma il tratto e’ breve. Oltrepassata la stazione di Monteromano si giunge al bellissimo ponte sul Mignone. Alto e panoramico, e’ da percorrere con attenzione a causa degli spazi vuoti longitudinali. La quinta galleria normalmente e’ usata come stalla, ma siamo passati senza alcun problema (letame ecc…); l’abbiamo trovata pulita. La sesta galleria e’ la piu’ lunga; si vede sempre l’uscita, ma sembra non arrivare mai. Al termine, lo scavalcamento del muro comporta non pochi problemi. Possibili acquitrini dopo l’uscita. Dopo circa 1,5 km la tratta si fa impraticabile, ma una sterrata sulla sx evita questa parte (con una galleria, che non si fara’) per riprendere il tracciato dopo la stazione di Allumiere. Si affrontano altre 4 gallerie e, dopo la stazione di Mole del Mignone, termina il percorso ferroviario. Per strade poderali, costeggiando l’area del poligono militare, e superando bici a spinta un viottolo molto sconnesso, si trova l’asfalto. Si giunge in breve alla Braccianese-Claudia, che si percorre verso dx per poche centinaia di metri per lasciarla a sx in corrispondenza di una sterrata. Inizia una discesa veloce ed entusiasmante ma, come prevedibile, anche una dura salita a tratti sconnessa e dissestata che termina in corrispondenza della strada asfaltata che conduce alla periferia di Civitavecchia. Senza particolari problemi e su normali strade cittadine si giunge al centro, e dopo aver scavalcato i binari su un ponte, in breve si arriva alla stazione FS. Per numero eccessivo di wp, sono stati omessi quelli delle uscite gallerie.

Commenti

    You can or this trail