• Foto di Eremo di Croce Santa (cava lazzaro)
  • Foto di Eremo di Croce Santa (cava lazzaro)
  • Foto di Eremo di Croce Santa (cava lazzaro)
  • Foto di Eremo di Croce Santa (cava lazzaro)
  • Foto di Eremo di Croce Santa (cava lazzaro)
  • Foto di Eremo di Croce Santa (cava lazzaro)

Difficoltà tecnica   Medio

Tempo  2 ore 48 minuti

Coordinate 4335

Uploaded 11 agosto 2010

Recorded agosto 2010

-
-
473 m
172 m
0
8,7
17
34,65 km

Visto 4437 volte, scaricato 44 volte

vicino Modica, Sicilia (Italia)

Non vi sto a descrivere il percorso (nel senso di roadbook) è quasi tutto asfalto con l'eccezione del tratto di cava che dall'eremo si ricongiunge con la S.B. 38 prima e con la S.P. 32 dopo, scaricatevi il file GPS.
L'eremo di Croce Santa,incastonato nella roccia calcarea, è un Eremo la cui originaria edificazione si deve presumibilmente alla venuta di Sant’Darione nel 363 d.C.
È un complesso rupestre costituito da quattro chiese scavate nella roccia e susseguitesi per i terremoti che, nel corso dei secoli, interessarono questa parte dell’Isola.
La prima chiesa è una struttura rupestre insediata in un’area adibita nell’Alto Medioevo a sepolcreto, e della quale rimane per il terremoto del 786 d.C. la parte absidale a semicerchio, contenente ancora un subsellium semicircolare, interrotto al centro da una cattedra.
La seconda chiesa, interamente rupestre, è ipotizzabile per la presenza di alcune strutture conservatesi a sinistra del complesso. Si tratta del moncone di un pilastro raccordato da due archetti a pieno centro che lasciano pensare ad un impianto a croce inscritta con quattro pilastri centrali. Un crollo, forse in seguito al terremoto del 1167, distrusse interamente il complesso.
La terza chiesa rappresenta l’ultima fase architettonica, edificata negli anni successivi al 1533, anno in cui fu rinvenuta la Croce, che si venera nella Chiesa del SS. Crocifisso.
La facciata della chiesa sistemata con avancorpo in muratura, presenta un cancelletto in ferro.
L’interno ad una navata presenta parte di una bella serie di affreschi; dal lato destro un santo monaco (probabilmente Sant’Ilarione), Vergine con il Bambino, San Teodoro, Santo Stefano, nell’abside il Pantocrator, sul lato sinistro San Pietro, l’Annunciazione, il Cristo, Santa Chiara e figure di santi monaci.
Di tutti questi oggi sono visibili San Teodoro e Santo Stefano mentre delle altre figure restano tracce in seguito ai guasti del tempo.
Gli affreschi sono attribuiti agli artigiani provenienti dall’Asia Minore e dalla Palestina che per almeno dieci secoli vagarono nei paesi del Mediterraneo offrendo la loro opera.
La quarta chiesa, anch’essa rupestre ed a una sola navata con abside, è detta " grotta del bove" perché ad essa è legata una leggenda in cui si narra che nel 1533 un bue fu ritrovato dentro una grotta, ostruita all’ingresso da rovi, in ginocchio davanti ad una Croce in legno.
Da allora quella Croce si venera con grande devozione.
Il 3 maggio 1728 fu traslata nella chiesa del Santissimo Crocifisso.

View more external

Commenti

    You can or this trail