• Foto di DA SPELLO ALLA VETTA DEL MONTE SUBASIO
  • Foto di DA SPELLO ALLA VETTA DEL MONTE SUBASIO
  • Foto di DA SPELLO ALLA VETTA DEL MONTE SUBASIO
  • Foto di DA SPELLO ALLA VETTA DEL MONTE SUBASIO
  • Foto di DA SPELLO ALLA VETTA DEL MONTE SUBASIO
  • Foto di DA SPELLO ALLA VETTA DEL MONTE SUBASIO

Tempo  11 ore 17 minuti

Coordinate 2321

Caricato 25 giugno 2015

Recorded giugno 2015

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
1.289 m
288 m
0
9,8
20
39,38 km

Visto 2280 volte, scaricato 93 volte

vicino Spello, Umbria (Italia)

Si parte dal parcheggio poco fuori da Spello (PG) e si imbocca un'ottima sterrata con bel panorama, dapprima in pianura, poi con qualche dura rampa in salita, ma sempre fattibile in sella (allenamento permettendo), che ci porterà nei boschi, nei quali percorreremo un lungo tratto in pianura, superato il quale ci saranno un paio di dure rampe dove soltanto i più allenati potranno proseguire in sella (sono comunque brevi). Sbucheremo sulla strada asfaltata che porta alla chiesa "Madonna della spella". Dopo aver ammirato il notevole panorama, dovremo procedere tenendo la chiesa sulla destra e scendendo verso sinistra dove troveremo una malandata recinzione con un archetto in legno, superato il quale scenderemo su un single-track da percorrere con attenzione poichè ogni tanto troveremo radici e rocce che ostacoleranno il nostro cammino, successivamente alcune rampe in discesa ci porteranno al piccolo paese di S. Giovanni che sarà preceduto da una grotta in cui sono state messe alcune vecchie bici totalmente verniciate con diversi colori. Superato il paesetto, si procederà su asfalto in salita fino ad intercettare i sentieri del Monte Subasio in splendidi boschi dall'ottimo fondo, ma sempre in costante e lunga salita, fino ad arrivare ai bellissimi prati sommitali del Monte Subasio. Da qui, con panorama costantemente stupendo e sempre su ottima sterrata, proseguiremo in salita fino alla vetta del Monte Subasio che per essere raggiunta comporta una piccola deviazione dalla sterrata. Ripresa la sterrata il resto del percorso è in sostanziale discesa, prima con panorami meravigliosi scenderemo di nuovo alla chiesa "Madonna della spella", poi imboccheremo un single-track in cui fare estrema attenzione soprattutto nell'entrata iniziale (molto scassata) e dopo qualche metro, dove il single-track diventerà molto ripido e con aderenza precaria per via dei tanti sassi sciolti (qui se non si è molto esperti, conviene scendere di sella), anche il resto del single-track è impegnativo ed esposto, ma comunque fattibile. Al termine troveremo un cancelletto che ci farà entrare nel tranquillissimo "Eremo della trasfigurazione", superato l'eremo, parte sulla sinistra un altro single-track divertentissimo, ma da fare in sella solo se si è esperti, inizia con una scala e poi porta in discesa ripida in curva a sinistra su un'altra rampa in discesa che svolta a destra superando un canalone, successivamente la discesa entra in una forra e con un sinistra-destra vicino a due enormi sassi (attenzione al cambio perchè i passaggi sono stretti), sbuca su asfalto in corrispondenza di un tornante che prenderemo a destra. Arriveremo così al paesetto di Collepino, visitato il paese, prenderemo un altro single-track in discesa ripida con tratti su sassi sciolti in cui fare moltissima attenzione. Arrivati di nuovo su asfalto si può dire che la parte tecnica del giro sia terminata. C'è, però, la sorpresa finale. Da sotto Collepino a Spello, percorreremo un sentiero che ripercorre il percorso dell'antico acquedotto romano, il single-track è davvero stupendo e molto divertente, passa su vari ponticelli ed in posti suggestivi, come il "Bosco Strappabraghe" e sulla temibile "Grande chiocciola", quest'ultima obbligherà anche i più esperti a scendere di sella trattandosi di una semicurva in cemento con scala ripida finale in metallo che con una curva a destra a 90° immette su un'altra scaletta che passa sotto un'arco dell'acquedotto (attenzione a non scivolare sulla scaletta in metallo, io sono passato tenendo la bici impennata tenendo il manubrio). Superato questo tratto il sentiero dell'acquedotto ci riporterà a Spello. Ci sarà da affrontare soltanto un attraversamento della strada asfaltata (fare attenzione ai veicoli che passano veloci) e ritroveremo il percorso dell'acquedotto sull'altro lato della strada. Entrati a Spello non rimarrà che raggiungere il vicino parcheggio.
Consiglio di portare abbondante acqua perché le fontane e i fontanili scarseggiano.
land
land
land
Strada Provinciale 249 Di Spello (Sp249)
land
land
880 m
Pth
land
land

1 comment

  • Foto di ceci72

    ceci72 6-set-2016

    I have followed this trail  View more

    bello

You can or this trail