-
-
463 m
97 m
0
12
23
46,82 km

Visto 609 volte, scaricato 25 volte

vicino Orte, Lazio (Italia)

Il giro è molto divertente, si sviluppa quasi completamente su strade sterrate, sentieri di montagna e piste ciclabili con alcuni Km di asfalto di collegamento.
Si parte da Orte e dopo pochi Km di asfalto si entra su strada sterrata... Fino alla diga del lago di San Liberato si pedala su terreno pianeggiante...
La strada costeggia il lago per un breve tratto e poi prosegue su un territorio collinare con un alternarsi di salite e discese ...
Dopo alcuni Km si gira a destra per iniziare una salita abbastanza impegnativa che ci porterà nella bella e suggestiva chiesa di Santa Pudenziana dove potrete riposare un po e scattare qualche foto.
Si riparte ma su strada cementata dove l'ottimo grip vi aiuterà ad affrontare la salita fino all'incrocio con la strada provinciale, proprio sotto il paese di Borgaria...
Si attraversa la strada e si riprende un sentiero sterrato che vi porterà ad affrontare la salita più impegnativa di tutto il giro, pendenza e fondo sconnesso vi impegneranno fino alla fine e potrete tirare un po il fiato solo dopo che arriverete sotto all'antenna con i ripetitori che si sa... Stanno sempre in cima ... :)
Da qui si affronta un divertente discesa che non presenta particolari pericoli salvo il fatto che si prende velocità facilmente e tende a derapare sulle curve, fate attenzione ....
Alla fine della discesa si sale a destra su strada asfaltata e si arriva alla frazione di Madonna Scoperta dove, se volete, potete fermarvi al bar sulla strada per un buon caffè ....
SI prende a sinistra al bivio, direzione Itieli, si affrontano alcune curve e di nuovo ci si immerge nella macchia mediterranea su una strada sterrata direzione Narni ...
La strada alcuni Km più avanti si biforca e voi dovrete prendere quella di destra, questo tratto diventerà poi un single track e vi porterà ad affrontare il tratto più tecnico del giro giù per uno stradello molto dissestato con rocce vive da saltare o scansare ...
La parte più difficile la troverete sotto il bosco su una ripida discesa dove a causa della pendenza la bici tende a slittare, ( chi ha esperienza di DH non avrà grossi problemi, per gli altri vi consiglio di scendere e affrontare il breve tratto a piedi ), cosa importante da non sottovalutare, abbassate la sella fino alla fine per abbassare il baricentro della stessa ed evitare impuntamenti che vi potrebbero far fare una bella capriola in avanti ... ;)
Finita la discesa è ora di fare qualche foto, davanti a voi comparirà la spettacolare Rocca di Narni con un panorama sulla conca Ternana mozzafiato ....
Dalla Rocca si scende e ci si tuffa nei bellissimi vicoli della città di Narni dove le bici vengono sollecitate dalle scale e i gradoni presenti...
Si scende dal paese per una strada tortuosa e asfaltata fino alla località Tre Ponti e da li si arriva ai resti del Ponte romano, proprio all'imbocco della pista Ciclo pedonale delle Gole del Nera ...
Bellissima ciclabile che si sviluppa sulla vecchia tratta ferroviaria Narni Nera Montoro, qui il fondo è ottimo e pianeggiante, si pedala in scioltezza e si possono ammirare gli spettacolari scenari che solo il fiume Nera può offrire.
Da Nera Montoro si torna verso Orte su strade asfaltate, si arriva alla frazione di San Liberato di Narni e da qui di nuovo su strada sterrata per l'ultimo tratto fino a Orte ...
Abbiamo impiegato a completare il giro circa 3 ore più naturalmente le varie soste, il dislivello positivo finale è di circa 700 metri.
Buon divertimento.

2 commenti

  • Foto di filippo.pietrangeli

    filippo.pietrangeli 22-gen-2017

    Bellissimo ma molto impegnativo !
    Sia per le lunghe e ripide salite ma anche per il sentiero in discesa che ci ha portato alla Rocca di Narni !
    Ma tutta la fatica e' stata ripagata da scenari mozzafiato !
    Filo

  • giovanni63 13-ago-2017

    giovanni63
    Giro molto bello ,la traccia gps perfetta ha aiutato la percorrenza, salite spacca gambe con ripetuti pezzi a piedi , eviterei nei periodi umidi per la formazione di vasconi e per la creta insidiosa(l'ho fatta dopo un grosso acquazzone) ideale col caldo perché quasi tutto all'ombra.
    Alla fine della salita che porta alla chiesetta di S Pudenziana invece di girare a destra se si gira a sinistra per 50 m c'è una fonte.
    Grazie all'autore.
    Giovanni, agosto 17

You can or this trail