-
-
686 m
144 m
0
6,4
13
25,43 km

Visto 963 volte, scaricato 11 volte

vicino San Pietro, Campania (Italia)

In compagnia dell'ottimo scalatore Enzo!
La salita è impegnativa e lo sterrato è molto disconnesso

3 commenti

  • Foto di sasa77

    sasa77 8-set-2014

    ciao, ho scaricato il gpx perché mi hanno parlato del parco "diecimare" e sono curioso di arrivarci. è il punto più alto del percorso? mi pare ci sia un oasi wwf in zona, sbaglio?
    Salvatore

  • Foto di art_71

    art_71 8-set-2014

    Ciao Sasà
    il percorso vale la pena, in diversi punti è molto panoramico, e ti conduce ad un pianoro tipo piano di Prata sopra Sarno, con un grosso castagneto e mucche libere al pascolo. Non so dirti se il percorso effettuato è stato tutto all'interno dell'oasi, non saprei dirti quanto dell'area del parco o dell'oasi sia percorribile in bike.
    Sul sito "http://www.wwf.it/oasi/campania/parco_diecimare/"
    puoi trovare dei recapiti ed informarti meglio.

  • Foto di sasa77

    sasa77 10-set-2014

    Tour in MTB davvero stimolante per il piacere di trovarsi immersi nella natura. La parte iniziale (da Terzigno a Nocera) non è granchè emozionante, utile per un adeguato riscaldamento prima delle "rampe" prima asfaltate e per lo sterrato che in relazione al mio livello tecnico e fisico potrebbe essere considerato mediamente impegnativo.
    All'altezza di Santa Lucia cominciano a presentarsi diversa salite davvero impegnative che suggeriscono un 30/32 o addirittura la 22 (soggettivamente). Soprattutto dopo la chiesa di Santa Lucia c'è una salita anche lunga ma che da poi il via ad una leggera discesa e all'inizio dello sterrato. Anche qui ci sono buone pendenze, mediamente impegnative ma è l'instabilità del terreno che rende più difficile la pedalata (e le mosche cavalline che vi assalgono) per via di sassi e terreno "arenoso" (forse per via delle piogge intense) che fanno perdere trazione al posteriore. Credo di aver pedalato al massimo per un 45/50% del percorso sterrato.
    Arrivati all'area diecimare, c'è un bel castagneto (bello e traditore per via dei cardi che potrebbero penetrare il copertone e bucare la camera, come mi è successo) e da questo si procede sul tratto sterrato che mi ha divertito di più perché pedalabile, compatto e tecnicamente divertente sia in piano e soprattutto in discesa.
    Leggera risalita sull'asfalto e poi giù verso il castello di Arechi.
    Il resto è comune a bikers e ciclisti (salerno-vietri-cava).
    Sono soddisfatto dell'uscita che ripeterò sicuramente.
    Ringrazio art_71 per aver condiviso il suo percorso dal quale ho preso spunto!

You can or this trail