Scarica

Distanza

46,57 km

Dislivello positivo

1.250 m

Difficoltà tecnica

Facile

Dislivello negativo

1.250 m

Altitudine massima

422 m

Trailrank

30

Altitudine minima

79 m

Tipo di percorso

Anello
  • Foto di Casalecchio (San Biagio), Monte Capra, San Lorenzo, Monte Maggiore, Monte san Pietro, Calderino, Tignano, San Biagio

Tempo

3 ore 29 minuti

Coordinate

9691

Caricato

29 agosto 2021

Registrato

agosto 2021

Invia al tuo GPS

Scarica percorsi da Wikiloc direttamente sul tuo Garmin, Apple Watch o Suunto.

Passa a Wikiloc Premium Passa a Premium per rimuovere gli annunci
Invia al tuo GPS Invia al tuo GPS
Condividi
-
-
422 m
79 m
46,57 km

Visualizzato 304 volte, scaricato 33 volte

vicino a Molino-Bolsenda, Emilia-Romagna (Italia)

Casalecchio (San Biagio), Monte Capra, San Lorenzo, Monte Maggiore, Monte san Pietro, Calderino, Tignano, San Biagio.
Km 45 dislivello 1350 mt.
Si parte da San Biagio, percorrendo la ciclabile in direzione Casalecchio la percorriamo per circa 1700 metri poi, dopo aver attraversato la Porrettana, cominciamo a salire su via Leonardo da Vinci, il primo pezzo è strada chiusa al traffico, inoltre vi è una veduta su Bologna bellissima, ora giriamo a sinistra su via Belvedere continuando a salire, quando la strada diventa piana giriamo a sinistra su una sterrata, al chilometro 3 dalla partenza, lo sterrato con alcuni strappi, ci accompagna fino a ritrovare l’asfalto su via Tizzano. La chiesa dell’Eremo di Tizzano merita una visita, la sua costruzione iniziò nel 1655 a opera dei Monaci Camaldolesi, sorge su un colle alto 243 metri, da cui si gode uno splendido panorama sulla pianura bolognese.
Continuiamo a salire in direzione Monte Capra, attraversando il confine tra Casalecchio e Sasso Marconi, giunti in cima inizia la discesa, giriamo alla seconda a destra che troviamo, via Boschi, poche centinaia di metri, poi a destra inizia lo sterrato su un sentiero bellissimo, dove può succedere d’incontrare degli escursionisti, portare quindi rispetto e attenzione, (gira la voce sia un sentiero non consentito alle bici, ma non vi sono cartelli che lo vietino), si scende fino ad incontrare la provinciale SP26 Via Lavino, la si attraversa e girando a sinistra, ci immettiamo sul percorso vita di Zola Predosa fino a raggiungere San Lorenzo.
Terreno agricolo coltivato a vite quello che ci circonda salendo in via Pradalbino dopo aver lasciato alle spalle San Lorenzo, la strada diventa sterrata e in discesa occorre attenzione, si procede con attenzione anche perché dobbiamo trovare il sentiero a sinistra che ci porterà a Montemaggiore, passando per i “Calanchi” molto suggestivi.
Piccola frazione quella di Montemaggiore, su un crinale che separa la valle del Samoggia da quella del Lavino, vi sono poche abitazioni e una bellissima Chiesa: San Cristoforo di Montemaggiore, sedendosi sulla panchina che si trova davanti alla chiesa, si gode di un bellissimo panorama di colli e vigneti.
La pedalata continua su via Malvezzo, in direzione Monte San Pietro, che raggiungiamo in salita dopo aver percorso delle belle sterrate, la pedalata continua su strade sterrate, via Landa, poi un sentiero molto bello ci riporta in fondo alla valle su via Landa, qui ritroviamo l’asfalto, pedaliamo in leggera discesa, fino a Ponterivabella, dove ritroviamo il Percorso Vita lungo il fiume
Lavino, poi si continua su via Olivetta e via Tignano, quest’ultima veramente impegnativa tra fondo completamente irregolare e pendenze importanti, raggiungiamo l’ultima Chiesa Oratorio Santa Maria di Tignano del 1300 poi ricostruita nel 1800.
Si pedala in salita ancora per poco, e quando sulla nostra sinistra troviamo via Munarino, giriamo e diamo sfogo alla nostra voglia di discesa, fino al punto di partenza.
Qui puoi vedere il video: https://youtu.be/nmVFy7Ue96M

Commenti

    Puoi o a questo percorso