• Foto di Bassano Romano-La faggeta-Calandrina Profonda-Monte Rocca Romana
  • Foto di Bassano Romano-La faggeta-Calandrina Profonda-Monte Rocca Romana
  • Foto di Bassano Romano-La faggeta-Calandrina Profonda-Monte Rocca Romana
  • Foto di Bassano Romano-La faggeta-Calandrina Profonda-Monte Rocca Romana
  • Foto di Bassano Romano-La faggeta-Calandrina Profonda-Monte Rocca Romana
  • Foto di Bassano Romano-La faggeta-Calandrina Profonda-Monte Rocca Romana

Tempo  5 ore 24 minuti

Coordinate 2087

Caricato 5 gennaio 2015

Recorded gennaio 2015

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
566 m
256 m
0
10
21
41,23 km

Visto 1710 volte, scaricato 52 volte

vicino San Martino, Lazio (Italia)

Un bel giro by Baffogrigio, che ci ha scorrazzato dal Fontanile San Martino per Bassano Romano, la Faggeta, Calandrina Profonda, la ciclovia dei boschi, Monte Rocca Romana e dintorni.

Insomma un percorso impegnativo per fatica, ma pedalando in posti bellissimi.

Lunghezza: 41km
Ascesa totale: 1012m
Quota massima: 566m
Raggiungibilità in treno: No
Livello difficolta': MC
Dislivello: 256m/566m

Partenza dal Fontanile San martino dove lasciare l'auto, per arrivare al fontanile San Martino percorre la Cassia da Roma in direzione Viterbo; al km 44.3 girare a sinistra in via di monte Topino; 500/600m e si arriva.

N42° 12.570
E12° 16.791

1 comment

  • Roby1975 24-gen-2016

    I have followed this trail  View more

    Giro con paesaggi e panorami gradevoli, attraversa bei posti e non si fa mancare tratti avventurosi ed impegnativi dal punto di vista dell'orientamento. Il fondo è quasi sempre buono, anche se non mancano tratti in cui si è costretti a spingere. Bisogna fare attenzione nei periodi piovosi perché c'è molto fango, specie nel tratto di via Fonte Inguattata il fango è molto fastidioso.
    Un discorso a parte merita il tratto intorno al chilometro 23, dove dei lavori di taglio di un bosco hanno rovinato gravemente il sentiero che risulta fangosissimo e solcato dal passaggio dei macchinari da lavoro, come se non bastasse tutti i tronchi ed i rami tagliati sono stati lasciati nella posizione in cui sono caduti. Morale della favola, bisogna percorre un lungo tratto di sentiero nel fango alto 30 centimetri scavalcando una miriade di tronchi e rami, cercando il passaggio migliore e puntando a due nastri biancorossi posti alla fine del tratto interessato dai lavori che saranno l'unico riferimento per andare nella giusta direzione (a parte il GPS), poiché il sentiero in questo tratto è poco visibile. Spero che i lavori vengano ultimati al più presto e che il sentiero venga risistemato, perché al momento il passaggio è molto difficoltoso. Non ho mai visto dei lavori forestali fatti in maniera così disordinata, tanto da cancellare il sentiero rischiando di far perdere chi ci passa.
    Anche il tratto successivo a questo è abbastanza avventuroso, tra alberi caduti, un piccolo torrente da guadare tre volte, una salita ripida e due cancelletti bassi da superare, uno con passina, l'altro da scavalcare, ma il tratto più difficile rimane quello rovinato dai lavori di taglio del bosco.
    In ogni caso gran bel giro!

You can or this trail