• Foto di Anello FS Stimigliano - Soratte
  • Foto di Anello FS Stimigliano - Soratte
  • Foto di Anello FS Stimigliano - Soratte
  • Foto di Anello FS Stimigliano - Soratte
  • Foto di Anello FS Stimigliano - Soratte
  • Foto di Anello FS Stimigliano - Soratte

Difficoltà tecnica   Impegnativo

Tempo  5 ore 5 minuti

Coordinate 1842

Uploaded 15 giugno 2015

Recorded giugno 2015

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
669 m
33 m
0
9,7
19
38,87 km

Visto 1018 volte, scaricato 22 volte

vicino Stimigliano Scalo, Lazio (Italia)

Questo giro e’ veramente molto bello; l’ambiente agricolo intorno al Soratte, in questo periodo (Giugno) e’ un susseguirsi di colori verdi e oro, ed i passaggi nelle sterrate immerse in campi di grano, col Soratte che incombe ovunque si guardi, rendono tutto molto suggestivo. Ma ancora non abbiamo affrontato la salita alla vetta (che, comunque, ci si rende subito conto che e’ molto piu’ in alto…); per questo credo che il giro, fatto nel verso di questa traccia, permetta di godere meglio delle bellezze della zona. Infatti la velocissima discesa, dalla vetta alla stazione FS di Stimigliano, costringera’ a tenere gli occhi sempre aperti sulla strada, con poche possibilita’ di distrazione. La salita che da S. Oreste porta in cima e’ molto, molto dura e la discesa e’ altrettanto ripida e, dalla vetta, termina solo pochi km prima della provinciale SP20A. E’ indispensabile raccomandare di controllare lo stato dei freni prima di partire ! Dalla stazione FS di Stimigliano (linea FR1 Fiumicino-Orte) si prende il lungo rettilineo che, passando sul Tevere, sbuca sulla SP20A (poco prima, si puo' seguire la traccia http://it.wikiloc.com/wikiloc/view.do?id=7954444 , che fa un bel giro per la Riserva Tevere - Farfa). La si segue a sx per circa 300 mt, per poi passare a dx sotto il ponticello dell’A1 e deviare subito dopo a sx. La strada dirige verso il PM S. Oreste (credo si intenda posto di manovra FS) e prosegue in leggera salita con i primi panorami sul monte. Dopo alcune piazzole si devia a dx in salita, per una sterrata un po’ sconnessa che inizia a costeggiare il Soratte, nel suo versante di NE. Si esce sulla SP30B, che si prende a dx per circa 300 mt per poi lasciarla in corrispondenza di una sterrata bellissima: si pedala tra sterminati campi di grano, con alture e alberi isolati che fanno da contorno alla mole del Soratte, sempre presente alla nostra sinistra. Si devia a sx per un’altra sterrata in corrispondenza di un viale d’ulivi al cui termine si trova una fattoria. La si oltrepassa e si inizia a percorrere una pista erbosa tra i campi, sempre pedalabile escluso un tratto in area boschiva, dove il fondo diventa dissestato e con alcuni punti dove profondi solchi costringono a procedere a spinta. In ambiente ombreggiato, si prosegue in salita fino ad uscire sulla strada asfaltata, a poca distanza dalla sbarra di inizio della strada militare. Oltrepassata la sbarra, si procede su fondo sterrato ma compatto ed in breve si arriva alla galleria. Non serve la luce, l’uscita e’ visibile e lateralmente ci sono delle aperture con l’esterno. Si continua sempre in lunga e costante salita, fino a passare lateralmente un cancello ed immetterci nella zona-museo dei bunker. L’ambiente e’ veramente unico, ricco di storia e con reperti di guerra imponenti. Giunti a S. Oreste inizia la salita, gia’ molto dura, che porta alla sbarra di ingresso dell’area naturale del Monte Soratte. La strada, cementata, e’ il sentiero CAI 201. La salita, di 1,5 km con una pendenza media del 14% (e tratti al 30%) conduce all’Eremo di S. M. delle Grazie. Da li, altri 350 mt al 10% e su fondo con pietre alte e spesso non pedalabile, conducono in vetta, dove si trova il santuario di S. Silvestro. La visuale e’ a 360°, spettacolare nelle giornate limpide. Al ritorno occorre prestare molta attenzione al tratto pietroso poi, dall’eremo, inizia una velocissima discesa che in pochi minuti riporta in paese. Come si lasciano i freni si toccano subito i 40 all’ora ! Giunti in paese, inizia la vera e propria discesa, per fortuna su strade non trafficate e con fondo buono. E’ quasi infinita ed entusiasmante, ma da percorrere sempre con i freni al lavoro. Si lascia la strada asfaltata in corrispondenza di una poco visibile deviazione con una sterrata a sx, che passa sopra l’alta velocita’ ed accanto al famoso PM S. Oreste, fino a ricongiungersi col primo bivio. Per le strade dell’andata, si ritorna alla stazione FS.

6 commenti

  • Foto di djalex

    djalex 10-set-2015

    innanzitutto grazie Maurizio. Ho percorso ieri questo intinerario ed oltre alla tua completa descrizione, il tracciato è perfetto e la vista mozzafiato in cima all'ermeo di san Sivestro è veramente unica.
    Sei stato un valido aiuto alle mie uscite in solitaria.
    grazie

  • Foto di mauriziogps

    mauriziogps 14-set-2015

    Figurati; e' sempre un piacere scoprire che le indicazioni che fornisco siano di utilita' a qualcuno che vuole conoscere posti nuovi. Credo che girare con le tracce caricate e un foglio con la descrizione possano essere complementari all'uscita. Tanti saluti e buon divertimento.

  • scipio62 18-dic-2017

    I have followed this trail  verificato  View more

    Ho pedalato la parte dalla riserva Tevere farfa al Soratte lungo il Tevere. Veramente ben fatto. Complimenti

  • Foto di mauriziogps

    mauriziogps 19-dic-2017

    Sono contento che il giro ti sia piaciuto. E' una zona molto bella e con tratti molto adatti alla MTB. Penso tu abbia utlizzato parte della mia traccia https://it.wikiloc.com/percorsi-mountain-bike/fs-stimigliano-anello-soratte-fs-poggio-mirteto-20147685 , in quel caso i passaggi nelle sterrate lungo il Tevere sono molto affascinanti. Ciao.

  • nmaggiore 27-gen-2018

    fatto ! ottima descrizione dettagliatissima, niente da aggiungere o correggere. Giro molto bello, credevo piu' impegnativo nella salita finale verso il Soratte.
    grazie Maurizio!

    ps (fatta in gennaio, niente fango)

  • Foto di mauriziogps

    mauriziogps 27-gen-2018

    Eh..la salita finale e' una di quelle che mi hanno lasciato il segno.. e pensare che ero due anni e mezzo piu' giovane ! Forse perché era una caldissima giornata di Giugno..(diciamo cosi'..).
    :-) Ciao !!

You can or this trail