-
-
67 m
11 m
0
11
22
43,28 km

Visto 791 volte, scaricato 16 volte

vicino Sant' Angelo, Lazio (Italia)

Percorso ad anello che concatena una serie di ciclabili, ma purtroppo con alcune interruzione da percorrere su strada.

La parte ciclabile più lunga è quella che unisce la ciclabile del tevere da Porta Portese a Ponte Milvio (o al ponte della Musica come in questo tracciato)alla ciclabile che passando dall'auditorium costeggia Villa Glori, Villa Ada e poi seguendo l'aniene arriva a Piazza Sempione.
Da qui passato il Ponte Tazio, si prende subito a destra oltrepassando un cancello arrugginito e si segue la sterrata lungo l'argine dell'Aniene.

Nella prima parte il percorso è meno agevole e non molto pulito. All'altezza di via Monte Nevoso si deve risalire per un brevissimo tratto sulla strada asfaltata per poi scendere di nuovo sul sentiero che segue l'argine.
Si prosegue quindi sullo sterrato fino ad incontrare una canale che si immette sull'Aniene. Si supera e si continua tenendosi sempre sulla destra fino a che dopo aver superato un campetto di calcio si arriva alla fine del parco su via Attilio Benigni.

Qui si prende la strada in basso (dove sono le attività artigianali Marmista etc.) e si prosegue nei canneti fino a sbucare sullo svincolo della Tiburtina.

Da qui è inevitabile uscire sulla strada, per sccendere su via Palmiro Togliatti, dove dopo qualche centinaio di metri ricomincia la ciclabile.
Si segue la stessa in uno slalom di semafori fino all'altezza del cavalcavia sulla A24, qui è inevitabile tornare sulla strada. E' il punto peggiore del percorso con le auto che arrivano a rande velocità e ci si trova sul lato sinistro nella corsia degli autobus. Solo dopo il ponte la strada si allarga di nuovo.
Qualche centinaio di metri dopo il semaforo della Casilina riprende la pista ciclabile che, anche se in modo non proprio lineare nella corsia centrale, arriva fino all'altezza di Via di San Romano (poco prima di Don Bosco). Qui la corsia centrale viene occupata dagli autobus, e quindi tocca tornare su strada.

Si supera la Tuscolana, proseguendo sulla circonvallazione fino ad arrivare all'ingresso dl Parco degli Acquedotti. Qui si può prendere la ciclabile su via Lemonia oppure passare nel parco, in ogni caso in direzione del centro.

Da qui dopo aver superato l'acquedotto si imbocca il nuovissimo (a settembre 2012) passaggio di collegamento con il Parco di Tor Fiscale. Non l'avremmo mai trovato senz la presenza di un nutrito gruppo di ciclisti di tutte le età. Si passa vicinissimo alla ferrovia (attenzione!), sotto al ponte di Via del Quadraro. Si arriva in qualche modo alla sede del parco dove si passa sotto all'acquedotto romano e all'altezza di una piccola area giochi si prende Via di Tor Fiscale fino all'Appia Nuova.
Si prosegue sull'Appia fino all'incrocio con Via Cipolla, Via Mondragone dove si gira a sinistra per andare a prendere il Parco della Caffarela da cui si esce in all'altezza del "Quo Vadis". Si prosegue su strada per l'Appia Antica fino a Porta San Sebastiano, da qui lungo le mura ardeatine fino alla Piramide e poi vi Marmorata fino a Porta POrtese.

Commenti

    You can or this trail