Tempo  6 giorni 8 minuti

Coordinate 20131

Caricato 18 luglio 2018

Recorded giugno 2018

-
-
2.340 m
296 m
0
84
168
336,46 km

Visto 819 volte, scaricato 13 volte

vicino Grangie, Piemonte (Italia)

|
Mostra l'originale
Una settimana abbiamo preso il magnifico percorso segnalato a Manosque dalla Federazione francese di Cycling Grande Traverse VTT nelle Alpi-Provenza
e che abbiamo esteso a Rustrel visitando il singolare "Colorado provenzale"

Abbiamo apportato alcune modifiche, costrette dalle intense piogge che hanno fatto percorsi pericolosi e in altre a causa della difficoltà tecnica dell'area. Il "tour" è lungo e vogliamo raggiungere l'obiettivo.

Abbiamo apprezzato molto il percorso poiché ci ha permesso di scoprire una varietà di paesaggi dalle alte montagne delle Alpi alle calme e dolci pendenze della Provenza.

L'intero percorso è "ciclabile" e la maggior parte per buone piste, piccole strade e sentieri (un po 'tecnici).
Non abbiamo trovato un lungo tratto impossibile da percorrere in bicicletta, abbiamo fatto un piccolo pezzo a piedi nella valle dell'Ubaye, salendo al Col de Bas.

Andiamo sempre con un furgone di supporto, che ci permette di andare senza bunker e in caso di fallimento è molto utile per noi.
Partiamo presto per avere serate libere e viaggiare in un furgone per i luoghi più emblematici della zona circostante.


Abbiamo fatto 7 tappe (1 ° giorno di viaggio, approfittando del pomeriggio per scappare):

1.- Col de Larche all'Auberge Saint Ours ..... 15 km + 440m. -500m.
2.- Saint Our a Le Lauzet .......................... 50 Km + 930m. -1425m. (Problemi GPS)
3.- Le Lauzet in Seyne ................................. 30 km. + 1300m. -1250m. (abbreviato.)
4.- Seyne a Digne les Bains ........................ 56 km. + 1480m. -2050m.
5.- Digne les Bains a Cruis ......................... 67 km. + 1440m. -1320m.
6.- Crociere a Manosque ................................. 61 km. + 1340m. - 1750 m.
7.- Hose to Rustrel ... .......................... 57 km. + 1200m. - 1100 m.

e se si desidera estenderlo al mare, connettersi con la Provenza (Luberon-Verdon) Camarge 480 km

È essenziale adattarsi al tempo della Francia. Buona cucina e con villaggi con una grande varietà di alloggi: hotel, camere d'albergo e gîte d'étape altamente raccomandato


Oltre a questo percorso abbiamo effettuato altri lunghi weekend:

Percorso di lana attraverso il Cañón del Río Lobos 437 km
Girona Volta 624km
Da Etxabarri Vuelta a Navarra e Euskadi 388 km
CAT 700 510km liscia
Teruel a Logroño attraverso le terre di Guadalajara, Saragozza, Soria e La Rioja 517 km
Via Podiense 485 km

PERCORSO:
1.- Col de Larche all'Auberge Saint Ours.

Siamo appena usciti presto per poter fare questa sezione nel pomeriggio dello stesso giorno.
Pomeriggio soleggiato con viste spettacolari.
Iniziamo a pedalare al Col de Larche (2000 m), una piccola strada in discesa, e poco dopo prendiamo la pista sulla destra che sale a circa 400 m. Tra prati e piccoli gelati su entrambi i lati.
Siamo circondati da una bellezza alpina che ricorderemo.

Alla fine del sentiero, scendiamo lungo un sentiero più tecnico, ruscelli (terre scalze), rigogliosi prati dove il sentiero non è conosciuto e sempre circondato da maestose vette.
Fermate costanti e forzate alle Batterie Viraysse, dove possiamo vedere la valle dell'Ubaye con il piccolo fiume Ubayette sullo sfondo.

Dalla batteria di discesa per traccia e presto abbiamo già St. Orus in vista, dove siamo stati all'ostello (trattamento eccellente e buona cucina).
Stage che ricorderemo

2.- Saint Ours a Le Lauzet.

Piove, piove ... dobbiamo aspettare e partire tardi. Saltiamo la fase ufficiale, non facciamo la pista della riva destra (La Condamine a Jaunsiers) e prendiamo la strada principale per Barcelonnette, dove la giornata si apre con il sole, ma molto bagnata.
Andiamo per l'asfalto e la riva sinistra dell'Ubaye fino al ponte dei Thuiles, collegandoci con la pista ufficiale.

Bellissimo tratto di pista e sentieri tra foresta, con il fiume sullo sfondo. Proseguiamo poi attraverso una sezione di greenway della ferrovia con un percorso divertente sopra il tunnel (coltivazione di funghi) fino a una fattoria.
Il seguente percorso è molto pericoloso (radici e ciottoli) dopo la pioggia e decidiamo di continuare sulla strada per Le Lauzet

3.- Le Lauzet in Seyne.

Iniziamo con un buon tempo con l'aumento più forte di tutti i giorni, in 13 km saliamo a circa 1050 metri, attraversando diversi burroni (con acqua, ma passano bene).
Prima per una buona pista mentre contempliamo l'intera valle dell'Ubaye con Lac Lauzet ogni volta più piccola e poi all'altezza del Lac de l'Euve, la cosa è complicata e facciamo 2 sezioni a piedi.
Arrivammo ai Laghi Prati sotto la Dormillouse dove trovammo un gruppo di tranquilli escursionisti con burros e alforges.

Fermati a pranzo e presto lasciamo la valle dell'Ubaye.
Attraversiamo il Col de Bas dove una tempesta ci sorprende nell'area delle piste di St. Jean, il nostro destino, in modo che modifichiamo il percorso scendendo a tutta velocità lungo la pista fino a Seyne.
Bella città, ma non smette di piovere e abbaiare fino a notte.

4.- Seyne a Digne les Bains

Il palcoscenico più vario di tutti, territorio poco popolato, strade divertenti e paesaggi per la memoria.
Abbiamo realizzato una variante su Terres Noires (Draix a Digne) poiché a Seyne ci hanno avvertito che le piogge hanno reso il tratto molto pericoloso.
Da Seyne a Verdache, il primo tratto è in pista, guadagnando quota, poi goditi la discesa lungo sentieri che spesso attraversano i calanchi (oggi con acqua). Molto sicuro e tecnicamente moderato.

Siamo andati su una pista parallela al fiume, molto bene, ma c'è sempre più acqua da attraversare (un'occasione che abbiamo dovuto decollare).
A Verdache cambiamo la valle e la strada forestale arriviamo a Boullard (piccola città, non c'è nessuno ...), discesa per un sentiero che è gravemente danneggiato, ma dopo è uno spettacolo puro tra boschi e finiamo in una bella lista di "terra noires" ... !!!! che contrasto !!

Attraversiamo La Javie e pedaliamo sulla pista in direzione di Draix, ma evitiamo una zona tecnica per entrare nella città seguendo la traccia.
Smetti di fare un morso in questo bellissimo villaggio e vai via per poi girare a sinistra e continuare lungo una buona pista che si affaccia sul Terres Noires, ad un certo punto sembra un altro mondo.

Picchi ad est circondati da alberi e terra nera ai nostri piedi.
Lasciamo questo posto entrando in fattorie e presto una zona "Fontaine des 5 sols", da cui abbiamo asfalto fino a Digne, da una strada singolare.
Attenzione: all'ufficio turistico (lungo il fiume La Bléone) i jeton vengono acquistati a 0,50 cts per poter lavare la bici.

5.- Digne les Bains a Cruis

Il palcoscenico più lungo, prima da una pista sulla riva sinistra del Bléone e abbandonato seguendo un sentiero che attraversa il bel posto di Gaubert, lasciando la pista che percorre il campo da golf.
Attraversiamo il Bléone e proseguiamo lungo le rive della foresta lungo il fiume sulla riva destra fino al piccolo villaggio di Malllemoisson e senza molta promozione raggiungiamo Mirabeau.

Senza lasciare il sentiero una piccola salita e una ripida discesa fino a Escale dove ci siamo fermati a fare un boccone.
Proseguiamo lungo il sentiero tra le rive della riva sinistra del fiume Durance, che attraversiamo a Volonne e iniziamo la parte più difficile della giornata con sentieri e sentieri in buone condizioni sotto una foresta di pini e querce.

Più piccoli si allungano più tecnici fino ad arrivare a Chapelle S. Given e qui, a causa dello stato del percorso, prendiamo un'alternativa con un forte "push" di circa 200 m. Quindi pedaliamo lungo la pista per alcuni chilometri fino a quando non iniziamo l'ascesa della giornata con un infinito percorso a zig-zag che ci porta in cima (Col de Bas).

Fun downhill trail e vicino a Mallefougasse seguiamo la pista per questo bellissimo villaggio.
Ultimo tratto di pista con bella vista sulla valle alla nostra sinistra e poco dopo entriamo in crociera.


6.- Crociere a Manosque

Lasciamo Cruis su binario in costante ascesa e con vista sulla Durance Valley fino ad entrare in una lussureggiante foresta dove inizia il percorso del percorso ufficiale e che non siamo d'accordo, scendendo lungo la pista e il sentiero fino a St. Etienne les Orgues.
Continuiamo ad alternare buoni sentieri e sentieri, attraversiamo la Fontienne e arriviamo a Les Mourres dove viaggiamo attraverso queste formazioni rocciose uniche.

Rapida discesa in pista per poi seguire il sentiero del GR, molto bello e con una vegetazione lussureggiante, fino a Forcalquier. Fermati e rifornisci.
Attraversiamo Mane e seguiamo il GR passando per il monastero di Salagon fino a raggiungere una pista che dopo diversi km e in costante salita ci porta a St. Michel l'Observatoires. Bellissimo villaggio provenzale in un ambiente unico e sosta per fare un boccone.

Camminiamo lungo un tratto tranquillo fino a Dauphin, dove iniziamo l'ultima salita (+300 m) e una volta guardiamo la vista panoramica del luogo e dove già vediamo la nostra destinazione.
Veloce discesa a Coll de la Mort d'Imbert dove! Attenzione! Basta inserire l'asfalto, prendere una traccia a sinistra che una discesa ripida e divertente porta a Manosque.

Commenti

    You can or this trail