-
-
1.028 m
611 m
0
5,2
10
20,84 km

Visto 489 volte, scaricato 16 volte

vicino Groppallo, Emilia-Romagna (Italia)

VIA DEGLI ABATI da Bobbio a Pontremoli in 6 tappe
Tappa 3-gv 27 apr = Groppallo (PC)-Bardi (PR)
Dati percorso: ore 6,00 km 21 disl. salita m 565 discesa m 835
Logistica a BARDI: B&B La Casa di Irene, via Kennedy 15; - 100 m dal percorso; tf. 0525/71.796 Cell. 333-135.26.55 Sito: www.lacasadiirene.it; e.mail: silvana.lampredi@gmail.com € 30,00 a persona con prima colazione; cena nei pressi

Descrizione
(liberamente tratta, con adattamenti, dal sito : http://www.viadegliabati.com/prodotti/)

Dal paese si va verso Croce. Nei suoi pressi, in località Tornara (fuori percorso), si trova la torre omonima, di guardia alla strada che collegava il piacentino al parmense. Inizialmente a quattro piani, la torre è oggi ridotta a tre. Citato in un atto del 1576, l'edificio era abitato da messer Bernardo Cavanna, proprietario di terre e di ben 925 capi di bestiame.
Scendendo da Croce verso Selva Sotto, in mezzo a due rivi, troviamo la torre medievale di Sant’Antonino. Attraversata la strada provinciale, si sale a Selva Sopra e si prosegue per Bruzzi e il passo di Linguadà, si scende verso Le Chiastre e, superata una curva, si prende a sinistra per Boccolo dei Tassi.
Circa 500 metri prima del passo di Linguadà, è possibile immettersi a sinistra sulla variante panoramica e impegnativa del Monte Lama. Il monte Lama, la più grande placca di diaspro dell’Emilia-Romagna, dove numerosi sono i ritrovamenti di età Paleolitica, raggiunge un’altezza di 1347 m. Dalla cima, tra faggi contorti dal vento, serpentini e diaspri, si gode una vista stupenda sulle Alpi e sugli Appennini. Lungo i crinali, nascondiglio sicuro di numerosi partigiani nell’ultimo conflitto, oggi si raccolgono funghi e frutti del sottobosco, accompagnati dallo sguardo dei cavalli di razza bardigiana al pascolo.
A Boccolo dei Tassi esisteva, infra vallem, una chiesa con hospitale per accogliere pellegrini, viandanti, malati e poveri. La chiesa, di cui l’abate di Bobbio aveva il diritto di nominare il cappellano, era dedicata a S. Pietro, venerato anche dai Longobardi come portinaio del cielo. Essa era al centro di alcuni ricchi poderi, come si può dedurre dall’ammontare del canone, pari a circa un quarto dei ricavi, che questi pagavano all’abbazia: 93 moggia di cereali, oltre a fieno, giornate lavorative, ecc. I resti dell’ospizio, recentemente ritrovati, sono situati in sponda sinistra del torrente Dorbora, presso l’antico tracciato Linguadà – Bardi. Della chiesa precedente, più volte riedificata e infine abbandonata definitivamente, rimane una statua di S. Pietro, conservata nell’attuale edificio di culto .
Dalla frazione si prosegue in direzione Cerreto. Poco dopo Cerreto la traccia scaricata dal sito della Via degli Abati manda sulla Provinciale, mentre i segni la seguono parallela su sentieri e stradelle nel bosco in diversi tratti, fino a che si ritrovano.
Il sentiero continua per Cogno di Grezzo, si attraversa l’abitato di Grezzo per poi raggiungere, dopo circa 3 chilometri, la chiesa romanica di S. Siro , da cui si gode una bella vista della valle del Ceno e della fortezza di Bardi . Questa, documentata già nell’898, ed edificata - probabilmente contro l’avanzata degli Ungari -, in posizione strategica, domina ancor oggi il torrente e gli affluenti Noveglia e Toncina.
L’attuale struttura si deve a numerosi ampliamenti, voluti soprattutto tra ‘400 e ‘500 da Manfredo, Agostino, Claudio Landi, e, tra ‘500 e ‘600, dal principe Federico, che trasforma la fortezza medievale in fastosa residenza signorile. Con l’estinguersi della dinastia (1679) - l’ultima Landi sposerà un Doria di Genova -, il castello sarà ceduto ai Farnese e, divenuto presidio militare, seguirà le sorti del Ducato di Parma e Piacenza sino all’unità d’Italia, quando diventerà proprietà del Comune.
Attualmente la rocca è sede dei Musei della Civiltà Contadina e del Bracconaggio, ed è inoltre inserita nel circuito dei “Castelli del Ducato”. Interessanti le sale affrescate con le rappresentazioni dei domini delle famiglie Landi e Grimaldi di Monaco: Maria Landi sposò infatti, nel 1595, Ercole Grimaldi; il loro figlio, Onorato, ereditando il titolo dalla madre, sarà il primo principe di Monaco. Ai piedi del castello sorge la chiesa sconsacrata di S. Francesco, fatta erigere negli anni 1571-1579 da Giovanna di Cordova e Aragona, moglie di Claudio Landi, quale Pantheon di famiglia. Sotto Federico la cura dell’edificio, riedificato nell’aspetto odierno, passò ai frati Francescani di Genova e vi fu annesso un convento soppresso in età napoleonica. L’attuale auditorium, di proprietà comunale e gestito dal Centro Studi della Valle del Ceno, è sede di mostre, conferenze, concerti.
La sosta a Bardi consente di visitare le chiese di S. Giovanni (1500-1700) e dell’Addolorata (ca. 1930), che conserva un’importante pala del Parmigianino, il centro storico con i suoi vicoli, l’ex palazzo Maria Luigia, forse sede della comunità in epoca Landi e riadattato in seguito dalla contessa, che lo dotò anche di un teatro, oggi trasformato in sala conferenze.
Al km 1 il settecentesco oratorio di S. Maria delle Grazie, al km 6 la pieve di Casanova (fuori cartografia), con all’interno strutture di X-XII secolo e un’importante “Assunzione” del manierista Malosso.
Attorno a Bardi si alzano le cime dei monti Ragola e Nero (dove sopravvive l’unica enclave di Pinus Uncinata Miller), Pelpi, Barigazzo (su di un pianoro a 977 m.s.l.m. sorgono i resti del castelliere altomedievale di Città d’Umbria), Carameto, Lama, ecc., mete raggiungibili attraverso sentieri immersi in una natura che merita di essere riscoperta.
Waypoint

A DX

Waypoint

A DX

Waypoint

A SX

Waypoint

B AND B IRENE-BARDI

Waypoint

BOCCOLO DEI TASSI 875

Waypoint

BRUZZI 930

Waypoint

CERRETO 840

Waypoint

COGNO DI GREZZO 800

Waypoint

GREZZO 725

Waypoint

GROPPALLO 950

Waypoint

LINGUADA'

Waypoint

POMETO 988

Waypoint

RIO DE' NAIONI

Waypoint

RIO VALLE 950

Waypoint

RIO VISCHETO

Waypoint

SELVA 900

Waypoint

TORRE S ANTONINO

Waypoint

VAR M LAMA A SX

Commenti

    You can or this trail