Scarica

Distanza

11,51 km

Dislivello positivo

1 m

Difficoltà tecnica

Difficile

Dislivello negativo

1 m

Altitudine massima

-418 m

Trailrank

25

Altitudine minima

-418 m

Tipo di percorso

Anello

Tempo

4 ore 21 minuti

Coordinate

1569

Caricato

17 settembre 2016

Registrato

agosto 2016
Lascia il primo applauso
Condividi
-
-
-418 m
-418 m
11,51 km

Visualizzato 173 volte, scaricato 6 volte

vicino a Serradica, Marche (Italia)

Dopo aver raggiunto la bellissima località Valsorda, e dopo aver parcheggiato nell'ampio parcheggio ci dirigiamo alla nostra Dx verso il Rif. C.A.I. su carrareccia, costeggiando il Campin Valsorda, e salendo così verso il rifugio. Raggiunto il Rifugio la carrareccia diventa sentiero che piano piano si inoltra nella boscaia. Raggiungiamo salendo i prati Stiamo percorrendo il Sent. SI e Sent. 203, arrivati ad un evidente cancellata, o meglio due colonne in ferro cominciamo a salire i prati. Qui comincia la parte più dura, la conquista della prima cima del M. Maggio, va affrontata con passo lento costeggiando la boscaia. Arrivati in cima ridiscendiamo sempre su prato dall'altra parte fino a raggiungere una valletta, per poi risalire la seconda cima del M. Maggio. Non esiste purtroppo un sentiero vero e proprio tutto è affidato alla nostra esperienza e al nostro grado di preparazione. Arrivati in cima ci aspetta un meritato riposo per rifocillarci e riprendere fiato, il panorama e stupefacente siamo a cavallo tra Umbria e Marche.Ripartiamo dirigendoci dalla parte opposta percorrendo un sentiero in cresta molto bello fino a raggiungere le Senate, da dove velocemente scendiamo fino alla buca della neve che veniva usata come scorta di ghiaccio per l'ospedale. Ripartiamo attraversando i prati dell'Impero fino a raggiungere la Troscia di Valmare e il Vecchio Rif. in disuso ma provvidenziale in caso di pioggia. Scendiamo fino a raggiungere la carrareccia che sale alla nostra Sx , di fronte a noi ci sono le Pale Eoliche di Cima Mutali che val la pena andare a vedere da vicino. Salliamo ripidamente su sentiero poco marcato fino in cima oltrepassando le Pale e ridiscendendo dalla parte opposta fino alla carreggiata girando decisamente a Sx la percorriamo per un breve tratto fino ad incontrare un sentiero a Sx che scende e ci porta a raggiungere la carrareccia che percorriamo per un lungo tratto fino a raggiungere alla nostra Sx loc. Le Busche. Questo tracciato non lo abbandoniamo più hai vari incroci manteniamo sempre la Sx . Attraverseremo nella parte finale la parte alta del vecchio castageto. Continuando a salire raggiungiamo nuovamente i prati di Valsorda concludendo così la nostra escursione.

Commenti

    Puoi o a questo percorso