Tempo in movimento  un'ora 36 minuti

Tempo  2 ore 56 minuti

Coordinate 1011

Uploaded 19 maggio 2018

Recorded maggio 2018

-
-
1.171 m
909 m
0
1,4
2,8
5,62 km

Visto 183 volte, scaricato 8 volte

vicino Vallinfante, Marche (Italia)

Il punto di partenza che suggerisco non coincide con il punto di partenza della traccia (per errore ho attivato l'app un centinaio di metri dopo la partenza); è una area di sosta prima della barra e coincide con il punto di arrivo. Consiglio quindi di parcheggiare l'auto all'altezza del punto di arrivo, se disponibile.
Poco prima di arrivare, lungo la strada, incontrerete una fontana dove potrete rifornirvi di acqua, 3/4-1litro a testa dovrebbero essere sufficienti anche in piena estate.
Il percorso è in salita, facile (ho incontrato gente di ogni età), il sentiero è ampio e quasi sempre in ombra, senza grossi ostacoli, può essere sdrucciolevole al ritorno sia per il breccino che per il fango (in primavera si puo trovare fango profondo un palmo lungo il percorso).
Prima volta che ritorno dopo il terremoto. È diverso.
Attenzione: Google Maps riporta (giugno 2018) la cascata nel posto sbagliato. Ho già mandato correzione.

Da dove viene l'acqua?
Le sorgenti del Pisciatore sono altrettanto belle, ovviamente a monte, ma difficilmente raggiungibili dalla cascata. Pubblicherò a breve il percorso.
Se avete un foglio IGM del luogo trovate segnato un sentiero alla destra della cascata che permette di raggiungerle. Due problemi: si sono spostate da allora e il sentiero non esiste più da tempo o perlomeno io non l'ho mai trovato.

Dove va l'acqua?
L'acqua scompare in un inghiottito un centinaio di metri dopo la cascata per poi sgorgare nuovamente (e definitivamente) alla sorgente del Nera a Vallinfante.
In primavera invece l'acqua la si può trovare anche lungo il sentiero o salendo la si sente scorrere a tratti alla nostra destra in più punti.

Molti fiori e canti di uccelli in primavera.
Non è difficile intravedere i cervi lungo il percorso, passo leggero e silenzio assoluto. Molto più facile sentire i maschi bramire e sbuffare (normalmente sulla destra, salendo). Oggi per la prima volta ho sentito un cuculo, era all'inizio del percorso. Non infrequenti i cinghiali. Gufi e barbagianni di notte. Tre inverni fa ho trovato impronte di lupo sulla neve fresca; mostrate al responsabile del parco, ne ha confermato la presenza, lupo appenninico. "...Scappano in presenza dell'uomo, non rappresentano un pericolo…" aggiunse.
Come sicuramente sapete l'area e' un parco: proteggetelo e riportate ogni rifiuto indietro con voi, la cascata è l'unico punto d'acqua nella Maina, molti animali ne dipendono. Vi ricordo che le nostre feci contengono batteri dannosi per la fauna selvatica (e anche per l'uomo). Copritele bene con terra e foglie.

Commenti

    You can or this trail