-
-
1.562 m
729 m
0
1,9
3,9
7,78 km

Visualizzato 92 volte, scaricato 5 volte

vicino a Campicino, Marche (Italia)

Non molto conosciuta, ingiustamente, la Valle del Rio Sacro permette di immergerci in un ambiente veramente piacevole, con percorso lungo e quasi sempre in compagnia delle acque del torrente omonimo, oltre che passare per gole e strettoie rocciose alte e suggestive. Piu’ frequentata come escursione alle gole, in pochi si incamminano per il ripido sentierino che, inoltrandosi nel bosco, ne esce all’altezza dei pratoni de I Merigghi, dove prosegue (senza segni, nell’erba alta e con percorso non evidente) fino al Casale Gasparri e, da lì, sale ed incrocia la sterrata del Fargno (vedi mia traccia https://it.wikiloc.com/percorsi-escursionismo/anello-fargno-monti-pietralata-e-rotondo-39796832 che, dal Rifugio del Fargno, scende al casale e risale ripidamente sul Monte Pietralata e, per cresta, tocca il Monte Rotondo e rientra al Fargno).
Si parte poco oltre Bolognola, presso una stradina chiusa da una sbarra ed indicata con un cartello per la Valle del Rio Sacro. Ci si incammina in discesa, fino a passare sopra un ponte sul Fiastrone e proseguendo nella valle, piu’ in alto rispetto al letto del torrente. Da notare, sulla dx, le pieghe rocciose testimoni dei mutamenti tettonici del territorio. Lo stesso si puo’ ammirare a sx, nelle pareti che scendono dal Puntone Piema’ (visibile cima solcata dalle tubature della centrale idroelettrica). Continuando nella valle, l’ambiente si fa ancor piu’ suggestivo, ed il sentiero (una pista sterrata) arriva a livello delle acque del torrente. Qui si incontrano un paio di alte strettoie rocciose, si supera un facile (almeno, a Luglio) guado, fino a giungere al termine della pista che segue il corso del Rio Sacro. Un ometto a sx identifica il sentiero 321 (anche la pista era il 321) che, in salita e tra la folta vegetazione, si inoltra nel ripido bosco. Dopo aver incontrato un complicato tratto di alberi caduti per le intemperie, dove occorre scegliersi il passaggio meno difficoltoso per superarli, si esce all’aperto poco prima delle alture de I Merigghi. E' un ambiente molto ampio con, a sx, la cresta che congiunge il Monte Pietralata con il Monte Rotondo. Si supera questo punto tra l’erba alta e con difficolta’ a trovare un passaggio che somigli ad un sentierino, fino ad incontrare il seguito del sentiero che conduce al visibile casale Gasparri, in bella posizione. Nelle mappe vi e’ indicata una fonte nei pressi... in verita’, c’e’ solo un cassone di plastica pieno di acqua piovana, con un rubinetto. Sicuramente, meglio l’acqua del Rio Sacro ! Percorso a/r, i dati GPS si riferiscono alla sola andata. E' un percorso discretamente lungo ed impegnativo, di circa 900 mt dsl.
Waypoint

Alberi caduti

rifugio non gestito

Casale Gasparri

fontana

Fonte secca con cisterna

Waypoint

Guado Rio Sacro

Waypoint

Immissione sul 321

Waypoint

Ometto a sx x 321

Informazione

Park sbarra Rio Sacro

Ponte

Ponte sul Fiastrone

Waypoint

Prima strettoia

Waypoint

Roccione/Riparo

Waypoint

Seconda strettoia

Commenti

    Puoi o a questo percorso