Tempo in movimento  2 ore 55 minuti

Tempo  5 ore 9 minuti

Coordinate 2848

Caricato 31 agosto 2019

Recorded agosto 2019

-
-
983 m
279 m
0
4,4
8,9
17,77 km

Visto 4 volte, scaricato 0 volte

vicino Serrantona, Toscana (Italia)

- Premessa:

Oggi sono stato invitato a pranzo da mia nonna, che risiede nell'antico borgo di Tobbiana, sulle colline montalesi. Siccome i pasti a casa sua si dimostrano sempre particolarmente impegnativi (per non dire pantagruelici), ho deciso di predisporre lo spirito ed in special modo il corpo con questa lunga camminata. D'altro canto, ho potuto poi rinfrancarmi con una scorpacciata di maccheroni al cignale e coniglio in umido che mi hanno mandato a letto in tempo record.

- Il percorso:

Il percorso, che si svolge (quasi) interamente su sentieri segnati CAI, comincia da Valdibure, pochi chilometri sopra Pistoia. Se si volesse partire direttamente da Pistoia è possibile imboccare il sentiero 204 direttamente in Candeglia. Per arrivare a Le Pozze/Valdibure sarà necessaria una trentina minuti di buon passo.

Tramite il sentiero 204 in un paio d'ore o poco più si raggiunge l'innesto con lo 00. Poco prima di arrivare, grazie ad una piccola deviazione dal sentiero segnato, è possibile godere di un bellissimo punto panoramico. L'intera città di Pistoia è visibile dall'alto. Raggiunta la strada asfaltata, nel giro di pochi minuti si arriva alla Cascina di Spedaletto, dove è possibile ristorarsi con cibarie prelibate & prodotti locali nonché rilassarsi sui bei prati godendo della fresca brezzolina.

Proseguendo lungo la strada presto si incontra, sulla destra, l'imbocco del sentiero 30. Personalmente, questo è il tratto del percorso che ho apprezzato di più. Il sentiero è stretto ma ben tenuto e si snoda nella pace del bosco fra ruscelli e pini. Rapidamente si incontra l'intersezione col sentiero 32, segnalata dalla denominazione 30-32 di un breve tratto. Giunti ad un bivio, come segnalato puntualmente su un albero, si prosegue verso sinistra sul sentiero 32.

Il sentiero 32, dopo un buon tratto di discesa, sfocia nuovamente sulla strada asfaltata. Dopo un paio di tornanti, si ritorna sul sentiero imboccando una stradina ben visibile e segnalata. Su questo tratto si incontra il "Sasso del Diavolo", un vecchio tabernacolo attorno al quale è nata una curiosa leggenda popolare. Qui è anche possibile fare sosta presso un tavolino con sedie di legno.

Tornati di nuovo sull'asfalto, si prende un sentierino sulla destra. In fondo alla discesa, superata un'area recintata, si svolta di nuovo verso destra. Qui inizia l'ultima parte del percorso, che non segue più sentieri segnati. Grazie a questa strada alternativa è però possibile raggiungere Tobbiana, nel giro di una quarantina di minuti, rimanendo sempre nel bosco, grazie ad un ampio sentiero che è stato recentemente ripulito e rimesso in sesto. Camminando, lungo la strada, sarà possibile osservare tronchi di antichi castagni.

Seguendo questo sentiero e poi la strada si raggiunge infine il Poggio di Tobbiana, da dove, in pochi minuti, si discende fino al paese.

Commenti

    You can or this trail