Coordinate 296

Caricato 20 novembre 2019

Recorded novembre 2019

-
-
941 m
255 m
0
1,5
3,0
6,08 km

Visto 131 volte, scaricato 13 volte

vicino Urzulei, Sardegna (Italia)

Variante semplificata,ma non meno difficile e spettacolare,dell'escursione riportata da Aldo Nieddu sul suo libro Terre Selvagge.
Per realizzarla bisogna fare navetta lasciando un auto al parcheggio di Teletottes.
Partenza dallo spiazzo tra Genna Cuccureddu e Lovettecannas in territorio di Baunei (lo stesso di S'Istrada Manna/Cengia Ruvio/Ghirofai).
Una volta terminato l'avvicinamento su carrareccia (45 minuti) fate attenzione al wpoint INGRESSO 2 omini.
A quel punto dovrete deviare infilandovi in mezzo alla vegetazione.
Seguendo la traccia arriverete ad un canale pietroso in leggera discesa che successivamente diventerà un vero e proprio impluvio.
Scendete al suo interno e proseguite verso il bordo ma infilatevi nel pertugio a dx fra la vegetazione.
Sotto di voi avrete un salto impressionante.
Benvenuti nella serie di passaggi su cengia,in forte discesa,a volte su ledere e rocce con pendenze che vi metteranno in tensione. (Occhio all'umido in qualche punto).
Cadere in quei frangenti potrebbe portare a spiacevoli conseguenze.
I passaggi son quasi obbligati e marcati con omini,ma non sono molto visibili.
Ci vuole occhio sveglio e scelta degli appoggi.
Dopo una discesa su pietraia si arriva ad una cengia colorata di scuro.Non passateci sopra,è un falso passaggio (buono solo per le foto!!!)
La cengia non ha sbocco.
Allargatevi verso la vs sinistra e vedrete il sentierino scendere verso il basso seguendo l'andamento della falesia, con la vista di una scala 'e fustes nella parete di fronte.
Curiosamente il passaggio su questa scala è più semplice (anche se molto scenografico) che il suo raggiungimento!
Superata la scala,e transitati su un altro passaggio agevolato da tronchi,bisogna scendere nella testata del canale di Donneneittu.
Tenendosi più o meno al centro dell'impluvio bisogna cercare gli omini (un po radi in verità) per aiutarsi a trovare i passaggi più aperti perché salti di roccia,alberi abbattuti e frasche impediscono il passaggio.
Questa parte del trek è la meno bella e,soprattutto,poco spettacolare in quanto infrascata nel bosco con il bacu molto angusto.
Verso la codula Elune il canale perde inclinazione,il bosco si dirada un pochino ed inizia una traccia di sentiero più marcata ,che però necessita di molta attenzione per non esser persa.
In corrispondenza di un bivio col sentiero che conduce verso Marrosu-Su piggiu Longu bisogna deviare verso sx,passare di fianco un gruppo di roccette per poi riprendere a scendere nel bosco dove un ampio sentiero scalinato vi condurrà all'uscita sulla strada asfaltata.
Escursione spettacolare lungo cengie e falesie della riva dx della codula Elune sicuramente non adatta a neofiti o persone poco pratiche del "linguaggio sentieristico" del Supramonte.
Bisogna continuamente tenere gli occhi aperti per scovare i passaggi giusti e per scegliere dove metter i propri piedi.
Credetemi, non sto esagerando.😉
Se ve la sentite,provateci!👍
TEMPO di PERCORRENZA :4 ore nette senza soste.
Intersezione

sent a sx per genna Cuccureddu

Intersezione

bivio Ghirovai/S'Istrada Manna

Intersezione

bivio a sx

Waypoint

ingresso ( 2 omini )

Waypoint

scendere nell'impluvio

Intersezione

bivio - segui a sx infilarsi nella vegetazione

Waypoint

x spostarsi a dx

Waypoint

x scendere 1

Waypoint

x scendere 2 (vista su arcada di pietra su falesia)

Waypoint

omini su albero dopo svolta si apre vista su percorso/cengia

Waypoint

scala 'e fusti+cavo acciaio

Waypoint

fondo bacu

Waypoint

pietraia da scendere lato dx del bacu

Intersezione

bivio - segui a sx

Commenti

    You can or this trail