peppejamo
78 3 15

Coordinate 53

Caricato 4 agosto 2015

-
-
537 m
476 m
0
0,3
0,6
1,23 km

Visto 625 volte, scaricato 0 volte

vicino Frainili, Lazio (Italia)

Camminando nella storia
Locale accogliente delicato e tradizionale dove gustare i sapori di una volta
Palazzo Barberini La chiesa di Santa Rosalia è un luogo di culto cattolico di Palestrina, situato nei pressi del palazzo Colonna Barberini. La chiesa venne fatta erigere da Maffeo Barberini tra il 1656 e il 1660, su disegno di Francesco Contini. L'interno ospita quattro grandi monumenti funebri dei Barberini, tra i quali spiccano quello del cardinale Antonio Barberini e quello di Taddeo Barberini, prefetto di Roma morto nel 1704. Quest'ultimo è decorato da busti di Bernardino Cametti. Nella sagrestia della chiesa era custodito il gruppo scultoreo già attribuito a Michelangelo Buonarroti, conosciuto come "Pietà di Palestrina". La Pietà è oggi custodita presso la Galleria dell'Accademia di Firenze.
Sito Archeologico del Borgo
La Chiesa di Sant’Antonio Abate sorge nei pressi del meraviglioso tempio pagano dedicato alla dea Fortuna e situato a Palestrina. Eretta dal padre carmelitano Sebastiano Fantoni è uno dei luoghi religiosi e culturali più importanti della città, infatti forma, insieme al convento e alla biblioteca, una triade del sapere e della storia.
Situata nel centro storico di Palestrina, la Casa Natale di Giovanni Pierluigi da Palestrina, sede della Fondazione omonima, è stata organizzata nel 1994 come casa-museo per valorizzare la figura e l’opera di uno dei più grandi rappresentanti della polifonia europea cinquecentesca. Concessa alla Fondazione dopo adeguato restauro, nell’edificio sono state ricavate strutture bibliografiche, archivistiche, scientifiche ed espositive aperte al pubblico, che consentono di approfondire tutti gli aspetti della tradizione musicale italiana ed europea del passato. Il pianterreno ospita una mostra biografica ed iconografica che, attraverso le immagini, delinea la vita e il percorso editoriale ed artistico del compositore dal 1525 al 1594, mentre nell'attiguo auditorium all'aperto vengono tenuti periodicamente concerti, mostre e conferenze. Il materiale di studio della Fondazione, costituito da una biblioteca di oltre ottomila volumi (cospicuo il fondo antico cinque-ottocentesco), da una raccolta di microfilms delle fonti musicali delle opere del Palestrina e da uno schedario analitico dei manoscritti dello stesso musicista con incipit musicali, è conservato al primo e al secondo piano dell’edificio che risulta organizzato in sale studio e di rappresentanza.

Commenti

    You can or this trail