• Foto di Traversata delle Grigne: Can. Porta - Grignetta - Can. Federazione - Traversata Alta - Grignone - Pialeral - Traversata Bassa
  • Foto di Traversata delle Grigne: Can. Porta - Grignetta - Can. Federazione - Traversata Alta - Grignone - Pialeral - Traversata Bassa
  • Foto di Traversata delle Grigne: Can. Porta - Grignetta - Can. Federazione - Traversata Alta - Grignone - Pialeral - Traversata Bassa
  • Foto di Traversata delle Grigne: Can. Porta - Grignetta - Can. Federazione - Traversata Alta - Grignone - Pialeral - Traversata Bassa

Coordinate 845

Caricato 10 agosto 2020

Registrato agosto 2020

-
-
2.379 m
1.128 m
0
4,4
8,9
17,71 km

Visualizzato 181 volte, scaricato 7 volte

vicino a Pian Fontana, Lombardia (Italia)

Bella e lunga escursione sulle Grigne. Per chi ha voglia di camminare, fare dislivello e attraversare ambienti fantastici tra le Grigne, credo non ci possa essere di meglio. Partiamo dai Resinelli, per rendere la salita alla Grignetta più divertente scegliamo di percorrere il Canalone Porta, forse l'itinerario più alpinistico tra quelli classici che raggiungono la Grignetta. Arrivati alla Bocchetta dei Venti decidiamo di percorrere l'ultima parte della Cresta Sinigaglia e portiamo i nostri saluti alla Grignetta (due ore dalla partenza). Torniamo alla Bocchetta e scendiamo rapidamente il Canalino Federazione. Raggiunta la Bocchetta del Giardino il paesaggio cambia, dalla roccia passiamo ai pascoli d'alta quota. Incontriamo almeno una decina di camosci, soprattutto madri con i cuccioli al seguito. Tra mughi e qualche raro larice raggiungiamo la Bocchetta di Campione dove ri-indossiamo il casco e ci prepariamo ad affrontare le prime catene della Traversata Alta, per raggiungere lo Scudo Tremare. Percorriamo la cresta erbosa di quest'ultimo e raggiungiamo nuovamente il bianco calcare del Grignone. Saliamo rapidamente percorrendo le numerose catene che portano allo Zucco dei Chignoli. Il sentiero è sempre ben segnalato, ci sono i bolli, le catene e nei rarissimi tratti poco chiari basta seguire i graffi delle ramponate sulla roccia. Le difficoltà terminano al Bivacco Merlini, dove ci ricongiungiamo con il sentiero che sale dal Pialeral. Da qui seguiamo i tornanti del sentiero e in circa mezz'ora siamo in cima (due ore abbondanti dalla Cima della Grignetta). Dalla Cima torniamo sui nostri passi fino al menzionato Bivacco e da lì scendiamo verso la Foppa del Ger, tenendo a sinistra (viso a valle) l'evidente scarpata rocciosa. In poco più di un'ora siamo al Pialeral. Si potrebbe pensare che la gita sia quasi finita, ma manca ancora il ritorno ai Resinelli attraverso il sentiero della Traversata Bassa. Dal Pialeral le indicazioni danno 2 ore e venti minuti. Noi abbiamo impiegato un paio d'ore andando con passo svelto. Anche se molto lungo, questo tratto del percorso è molto bello, attraversa bellissimi boschi di faggio, pascoli e piccoli ruscelli (la sorgente del Pioverna). In ogni caso raggiungiamo i Resinelli belli stanchi. Quasi 20 km e 2000 metri di dislivello, per qualche giorno la voglia di camminare ce la siamo tolta!

2 commenti

  • Foto di Mountains_Walker

    Mountains_Walker 29-set-2020

    Serve imbracatura da ferrata?

  • Foto di Messer_Gio

    Messer_Gio 11-giu-2021

    Dipende molto dal livello di confidenza con questo tipo di percorsi. Noi non lo abbiamo usato, ma avevamo nello zaino imbrago e un paio di cordini per sicurezza. Sicuramente il casco è più che raccomandato, specialmente per la parte franosa che c'è subito dopo il Buco di Grigna.

Puoi o a questo percorso