Tempo  6 ore 3 minuti

Coordinate 196

Caricato 31 dicembre 2018

Recorded dicembre 2018

-
-
1.559 m
928 m
0
2,1
4,2
8,48 km

Visto 450 volte, scaricato 22 volte

vicino Arni, Toscana (Italia)

|
Mostra l'originale
LA PARTENZA E' DALLO SPIAZZO CHE SI TROVA ALL'IMBOCCO DELLA GALLERIA DEL PASSO DEL VESTITO LATO LUCCHESE.
SIAMO GIA' SUL CAI 42 - 150 ; IL PRIMO PORTEREBBE A RENARA IL SECONDO VERSO IL MACINA E SELLA.
SI PERCORRE UN TRATTO DI QUESTA MARMIFERA E DOPO UN TORNANTE SI ENTRA NELLA CAVA DEL MONTE PELATO CHE RAPPRESENTA LA NOSTRA PRIMA META.
ARRIVATI NEI PRESSI DI UNA CABINA ELETTRICA SI FANNO ANCORA UNA TRENTINA DI METRI E SI NOTA UN BEL PIRO IN MARMO BIANCO; PROPRIO QUI SI LASCIA LA MARMIFERA E SI INIZIA A SALIRE FUORI SENTIERO PUNTANDO ALLA SOPRASTANTE CRESTA NORD DEL MONTE PELATO.
LA SALITA E' ABBASTANZA RIPIDA MA SU FACILI ROCCETTE E NON VI E' UN PERCORSO OBBLIGATO, BASTA SALIRE IN ALTO.
ARRIVATI SULLA CRESTA IL PANORAMA SI APRE SU TUTTE LE APUANE MERIDIONALI E QUASI TUTTE QUELLE SETTENTRIONALI NON PERCHE' ESSA SIA CHISSA' QUANTO ALTA MA PERCHE' SI TROVA IN POSIZIONE CENTRALE ED E' COMPLETAMENTE LIBERA DA VEGETAZIONE (DA QUI IL NOME DI "PELATO").
SIAMO ESATTAMENTE SUL CONFINE FRA LE PROVINCIE DI LUCCA E MASSA E LA SI PERCORRE SENZA DIFFICOLTA' FINO AD ARRIVARE SULLA CIMA DEL MONTE PELATO, LA VISTA E' MOLTO BELLA E LA CRESTA ESTETICAMENTE MOLTO BELLA.
FRA SALI E SCENDI SI ARRIVA ALLA FOCE DEL FRATE E QUINDI AL SENTIERO CAI 143; QUESTA FOCE SI CHIAMA COSI' PER LA PRESENZA DI UN MASSO CHE SE OSSERVATO DA UNA CERTA ANGOLATURA SEMBRA DI VEDERCI UN FRATE INTENTO A PREGARE.
DALLA FOCE DEL FRATE SI PERCORRE IL CAI 143 FINO AD ARRIVARE IN BREVE AL PASSO DEGLI UNCINI.
A QUESTO PUNTO SI RISALE VERSO LA VETTA DEL MONTE ALTISSIMO SCEGLIENDO DI PERCORRERE LA CRESTA OVEST SENZA SEGUIRE IL SENTIERO CAI.
IN REALTA' PRECEDENTEMENTE ERA QUESTO IL PERCORSO CHE PORTAVA ALL' ALTISSIMO DAL PASSO DEGLI UNCINI E INFATTI SI NOTANO SALENDO DEI SEGNI CAI ORMAI MOLTO SBIADITI.
LA SALITA DELLA CRESTA E' BELLA PERCHE' CAMMINARE E GODERE DEI PANORAMI E' DIVERTENTE MA LO E' ANCHE ARRAMPICARE; SI TRATTA DI UN ARRAMPICATA SEMPLICE E SOLO LEGGERMENTE PIU' IMPEGNATIVA A CIRCA META' QUANDO CIOE' SI INCONTRA UN SALTO PIU' RIPIDO.
SI TRATTA COMUNQUE DI UNA DIFFICOLTA' CHE NON SUPERA IL II° GRADO IN QUANTO APPIGLI E APPOGGI SONO PRESENTI IN ABBONDANZA....IN ALTERNATIVA COMUNQUE SI PUO' AGGIRARE QUESTO RISALTO DI CIRCA 15 METRI DI ALTEZZA SALENDO DA SINISTRA.
SI ARRIVA SULLA VETTA DEL MONTE ALTISSIMO E DOPO AVER SCATTATO FOTO AL PANORAMA, AL TEAM IN DIVISA SI MANGIA UNA TORTA E SI BEVE UN PROSECCO PER FESTEGGIARE IL COMPLEANNO DI MARCO.
ESSENDO UNA GIORNATA LIMPIDA IL PANORAMA E' MOLTO BELLO... LE FOTO NON RENDONO ED E' MOLTO SUGGESTIVO L'EFFETTO SCENICO DELLE NUVOLE BASSE CHE A SUD COPRONO IL MARE CON LE CIME DEI MONTI MINORI CHE SPUNTANO AL DI SOPRA DI ESSE TANTO DA SEMBRARE PICCOLE ISOLE.
SI SCENDE DALL'ALTISSIMO IN DIREZIONE PASSO DEL VASO TONDO E DI NUOVO, PRENDENDO IL CAI 142, VERSO LA SOTTOSTANTE CAVA DEL FONDONE FAMOSA IN QUANTO E' UNA DELLE CAVE DEL MONTE ALTISSIMO CHE MICHELANGELO VISITO' FRA IL 1518 E IL 1520 PER POI ESTRARCI IL MARMO PER LA REALIZZAZIONE DELLE SUE OPERE .
LA CAVA COME TUTTE LE CAVE NON OFFRE COSE BELLE DA VEDERE A PARTE LO SCEMPIO CHE AVVIENE SULLE APUANE: PEZZI DI FERRO LASCIATI ARRUGGINIRE, RAVANETI INUTILIZZATI, GOMME DI CAMION ABBANDONATE....TUTTE COSE CHE ANDREBBERO SMALTITE PER RECUPERARE L'AREA ANCHE SE NON PIU' SFRUTTATA.
L'UNICA COSA INTERESSANTE DA VEDERE E' UNA ANTICA VIA DI LIZZA UTILIZZATA ANTICAMENTE PER FAR SCENDERE IL MARMO A VALLE QUANDO QUESTA ATTIVITA' ERA SEMPRE ECOSOSTENIBILE.
DAL CAI 142 SI ENTRA IN BREVE NEL CAI 31 CHE CI PORTA ALLA SP13 DOVE C'E' IL RISTORANTE CAMPO DELL'ORZO PROPRIO ALL'USCITA DELLA GALLERIA PROVENIENTE DA ARNI.
NON SI TOCCA ASFALTO CON I PIEDI MA SI COSTEGGIA LA STRADA, SI PRENDE IL SENTIERO CHE SALE ALLA DESTRA DELLA GALLERIA E SI ATTRAVERSA DA SOPRA E IN LEGGERA SALITA SI RAGGIUNGE IL COLLE SOPRA DOVE SI TROVA LA STATUA IN MARMO DELLA MADONNA DEL CAVATORE.
PUR ESSENDO A QUOTA 1050 METRI SI TROVA IN POSIZIONE MOLTO PANORAMICA VICINO AL RIFUGIO PULITI E DOMINA L'ABITATO DI ARNI.
E' STATA ERETTA NEL 1979 A PROTEZIONE DEI CAVATORI E UNA STELE CHE RICORDA LE VITTIME DELLE CAVE. POCO DISTANTE CI SONO TRE CROCI DI FERRO.
DA QUI SI GODE LA BELLA VISTA SUL PAESE DI ARNI E LA MARMIFERA PER IL PASSO SELLA E SUI MONTI CIRCOSTANTI.
A QUESTO PUNTO SI PRENDE IL CAI 33 IN DIREZIONE PER "LE GOBBIE" E IN BREVE PER PRATI PRIMA E BOSCO POI SI RAGGIUNGE IL RISTORANTE LE GOBBIE E DOPO SOLI 200 METRI DI ASFALTO (IL SOLO ASFALTO DI OGGI) SI TORNA FELICI E CONTENTI AL PUNTO DI PARTENZA.
Waypoint

Partenza - Arrivo

Waypoint

Cava del Monte Pelato

Waypoint

salita verso la cresta del Pelato

Waypoint

Sulla cresta del Pelato

Waypoint

Verso la vetta del Pelato

Waypoint

Cima Monte Pelato

Waypoint

Sulla cresta del Monte Pelato in direzione Foce del Frate

Waypoint

Cippo di confine

Waypoint

Foce del Frate

Waypoint

Vista altissimo

Waypoint

Passo degli Ùncini

Waypoint

Cresta ovest dell' Altissimo

Waypoint

Sulla cresta dell'Altissimo

Waypoint

Verso la vetta dell'Altissimo

Waypoint

Vetta Monte Altissimo

Waypoint

Foce dell' Onda

Waypoint

Passo del vaso tondo

Waypoint

Cava del Fondone

Waypoint

Ìizza del Fondone

Waypoint

Saggio di cava

Waypoint

Sul CAI 31

Waypoint

Il Monte Freddone

Waypoint

Madonna del cavatore

Waypoint

Sul CAI 33

Waypoint

Sul CAI 33

Waypoint

Ristorante Le Gobbie

Commenti

    You can or this trail