-
-
605 m
190 m
0
3,9
7,9
15,78 km

Visto 644 volte, scaricato 38 volte

vicino Torre Alfina, Lazio (Italia)

Il Bosco Monumentale del Sasseto è esteso per una superficie di circa 61 ettari, ai piedi del castello di Torre Alfina, e deve il suo nome ad un singolare substrato geologico composto da un vasto ed eterogeneo accumulo di blocchi di roccia lavica (neri, grigi chiari, rossastri) formatosi in seguito a numerose esplosioni del vulcano Volsino oltre 300.000 anni fa. Intorno a questi grandi massi affondano le radici alberi secolari come faggio, olmo montano, rovere, cerro, frassino, carpino bianco, carpino nero, agrifoglio, castagno e leccio che contribuiscono a rendere questo bosco unico nel suo genere. Piante che per dimensione, 25 metri di altezza per circa 1 metro di diametro, sono considerate singoli monumenti.
Il microclima fresco-umido ed il terreno pietroso intervallato da ampie zone di humus, hanno favorito, col tempo, la crescita di un’insolita varietà di specie arboree, costituendo un habitat di assoluto pregio e interesse naturalistico. La flora, già particolarmente eterogenea, è arricchita da spettacolari fioriture primaverili: bucaneve, anemoni, cardamomi, oltre all'abbondanza di muschi, licheni e numerose specie di felci che ricoprono le rocce e i vecchi alberi caduti.
Non solo la flora: il Bosco Monumentale del Sasseto offre anche un quadro faunistico di notevole valore. Oltre a 35 specie di uccelli nidificanti (sparviero, picchio, falco pecchiaiolo, tortora, ghiandaia ecc.), sono presenti mammiferi (capriolo, ghiro istrice ecc.), rettili (colubro liscio d’Esculapio) e anfibi (salamandrina dagli occhiali).
Addentrandosi all'interno di questo piccolo paradiso terrestre, si può notare come la natura lasci spazio anche alla storia. Si erge, infatti, in tutta la sua maestosità, un mausoleo gotico dove riposano le spoglie del Marchese Edoardo Cahen proprietario del castello di Torre Alfina alla fine del 1800. Egli rese agibile questo bosco con la creazione di sentieri che, districandosi tra le rocce, lo attraversano in lungo e in largo.
L’escursione, facile e gradevole, si è protratta fino a raggiungere il greto del Fiume Paglia, confine naturale tra Lazio e Umbria, nei pressi del ponte diruto, dove è ubicata una attrezzata area di pic-nic.

6 commenti

  • Foto di orme

    orme 22-dic-2017

    ciao buongiorno hai foto ? ...mi interesserebbero piu' quelle dell'ambiente e vicino al fiume ...a parte la bellezza del mausoleo e del bosco intorno volevo valutare il fatto di fare una perlustrazione ....grazie

  • Foto di Natalone

    Natalone 22-dic-2017

    Vedi la pagina relativa all'escursione sul nostro sito:
    http://www.lupacchiotti2.it/lupacchiotti2/04_05_2017_-_Sasseto.html

    Oltre le foto ci sono anche i video.
    Ciao e buone escursioni
    Roberto Cavalensi (Natalone)

  • Foto di orme

    orme 22-dic-2017

    molte grazie

  • Foto di massi1982_1982

    massi1982_1982 23-gen-2019

    Ciao, è un percorso adatto da fare con il cane? Grazie

  • Foto di Natalone

    Natalone 23-gen-2019

    Ciao, dipende dal cane!!! comunque è preferibile portarlo al guinzaglio, perché il terreno è molto movimentato ed è facile perderlo di vista!

  • Foto di federica.duri.84

    federica.duri.84 31-mag-2019

    Buongiorno! Mi sa dire dove si trova esattamente l'area pic nic? Nella cartina accanto al fiume non riesco a visualizzarla ;)
    Grazie infinite! ;)

You can or this trail