Tempo  3 ore 36 minuti

Coordinate 1353

Caricato 24 febbraio 2018

Recorded febbraio 2018

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
406 m
212 m
0
3,5
7,0
14,04 km

Visto 493 volte, scaricato 20 volte

vicino Roddi, Piemonte (Italia)

TARTUFI,BAROLO E PELAVERGA(RODDI E VERDUNO).
(anello Roddi,Verduno,Castagni,Silo,Roddi)
------------------------------------------------------------------------------------------------------
INTRODUZIONE
Il nostro percorso odierno si snoda sulla dorsale spartiacque tra la grande valle del Tanaro,da un lato e il bacino del torrente Talloria(formato da molte valli e vallette),dall’altro.
Da Roddi si arriva alla frazione Castagni,passando per Verduno.
Si ritorna,poi,a Roddi,percorrendo il crinale dex della piccola valle del rio dell’Olmo.
Rio affluente del torrente Talloria.
RODDI:
A Roddi c’è una scuola di addestramento per cani da tartufo:”l’Università dei cani da tartufo”.
Già nel 1800,i cercatori di tartufo langaroli portavano i loro cani a Roddi alla famiglia Monchiero specializzata nell’insegnare ai cani ad annusare e a scovare nel terreno il pregiato tartufo.
Nel centro storico di Roddi si trovano sagome metalliche di trifolau con i loro cani,pannelli e bacheche con interessanti informazioni sul prezioso tubero e sulla modalità della sua ricerca nel sottosuolo.
Il tartufo si sviluppa tra i 5 e i 30 cm. di profondità nel terreno e solo l’olfatto particolarmente sviluppato di cani ben addestrati riesce a scovarlo.
VERDUNO:
Verduno è uno degli 11 comuni dove è possibile produrre e vinificare il vino barolo.
Il castello “attuale” di Verduno ,nell’800, divenne proprietà del re Carlo Alberto di Savoia che ne utilizzò i terreni e le cantine per la produzione di un pregiato barolo servendosi della consulenza di un famoso enologo del tempo.
Il castello di Verduno fu costruito dalla famiglia Caisotti nel ‘700 su disegno del Juvara.
All’inizio del ‘900 ,il castello passò dai Savoia alla famiglia Burlotto.
Oggi il castello è un hotel di prestigio.
Un castello,molto più antico,risalente all’epoca medioevale,esisteva,a Verduno,sulla spianata dove c’è l’attuale belvedere accanto alla chiesa parrocchiale di San Michele.
Il castello fu completamente distrutto nel ‘500 dalle truppe imperiali di Carlo V.
VINO VERDUNO PELAVERGA:
Oltre al barolo ,a Verduno, si produce il vino Pelaverga.
Il pelaverga è un vitigno presente fin dall’antichità nei territori di Verduno ed è ,oggi,una delle più piccole DOC d’Italia.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------------------------------------------
PERCORSO
Posteggiata l’auto a Roddi,si percorrono via Crosetti,via Roma,piazza Caduti in Guerra,piazza principe Amedeo e,infine,via Cavour(La Serra) da dove si prosegue su sterrata che si snoda lungo il largo crinale spartiacque tra la valle del tanaro (a dex) e il bacino del torrente Talloria(a six)formato da un gran numero di valli e vallette e di rii grandi e piccoli.
Arrivati in località Toetto, si attraversa una stradina asfaltata e si prosegue diritti su sterrata che attraversa aree coltivate a noccioleto.
Percorsi 250 metri,si svolta a six ,a salire, su un sentiero che attraversa una prima area boschiva.
Usciti dal bosco,si prosegue a lato di un vigneto,arrivando,in una decina di minuti,a Verduno
Si attraversa il centro storico e,arrivati a una rotonda, si prosegue in via Madonnina(posta alla six di una chiesetta campestre).
Tutto il tratto di percorso che si snoda lungo il crinale da Roddi a frazione Castagni è accompagnato dalla segnaletica bianco--rossa della Regione Piemonte(sent. N. 301).
Si raggiunge la frazione Castagni.
Qui si lascia il crinale e si svolta a six su sterrata che scende verso il versante del bacino Talloria.
Si giunge alle cascine Olmi.
Qui,si svolta a dex su stradina asfaltata.
Percorsi 150 metri, si raggiunge borgata Silo .
Si svolta a six e si prosegue su stradina asfaltata che si snoda lungo il crinale orografico dex della piccola valle del rio dell’Olmo.
Percorso 1 km. si prosegue su sterrata.
Percorsi,ancora,1,5 km., si svolta a six su sterrata che scende ad attraversare la valle del rio dell’Olmo per risalire,poi,il versante opposto e ritornare sul crinale orografico dex della valle Tanaro.
Ritroviamo qui il sentiero già percorso all’andata.
Si svolta a dex e si ritorna a Roddi.
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------
NOTE SULLE TRACCE GPS E SULLA PERCORRIBILITA’ DEI SENTIERI

Le tracce GPS(le nostre così come tutte quelle che si trovano nei vari siti web di trekking) hanno solamente il significato di affermare che,in quella particolare data,è stato possibile effettuare quel determinato percorso su sentieri in buone o sufficienti condizioni di agibilità.
Da quel momento in poi ,la percorribilità di quegli stessi sentieri può variare a causa di svariati e mutevoli eventi che si possono verificare nel tempo(posizionamento di nuove recinzioni per delimitare proprietà, vegetazione esuberante ,frane,etc..)Tutto questo deve essere tenuto sempre ben presente da chi si accinge a ripercorrere i tracciati escursionistici pubblicati e descritti nei vari siti web.
via Cavour
località Toetto
Tratto nel bosco(uno)
Tratto nel bosco (due)
Borgata Castagni
Borgata Silo
Crinale dex valle rio dell'Olmo
Rio dell'Olmo
Crinale dex valle Tanaro
Groppo foto(uno)
Gruppo foto(due)

1 comment

  • Foto di Nadinevo1967

    Nadinevo1967 7-set-2019

    I have followed this trail  verificato  View more

    Heel mooie wandeling met mooie vergezichten. Makkelijk te volgen. Reeds de 4de wandeling op 1 week van Mario en allemaal prachtig!

You can or this trail