Difficoltà tecnica   Impegnativo

Tempo  6 ore 57 minuti

Coordinate 599

Uploaded 26 gennaio 2018

Recorded gennaio 2018

-
-
1.756 m
762 m
0
3,1
6,1
12,3 km

Visto 51 volte, scaricato 3 volte

vicino Ludizzo, Lombardia (Italia)

Sono salito diverse volte sul M. Ario, ma mai partendo da Ludizzo, oggi, giornata ben soleggiata, proviamo a dare un occhiata a questo angolo di Val Trompia.

Lasciamo l’auto nella piccola piazzetta di Ludizzo e dopo aver scambiato due parole con un local saliamo la sterrata posta all’ingresso di questa piccola frazione, si sale in maniera costante con la neve caduta in nottata che guasta un po il cammino e i nostri piani, che continueremo a modificare cammin facendo.

Dopo 10 minuti di cammino intercettiamo il sentiero che si stacca dalla sterrata, è molto stretto e scivoloso e la pendenza non è affatto da prendere sotto gamba, prima di noi è passato qualcuno e ne seguiamo le orme, il sole sta facendo sciogliere la neve dai rami, tanto che ci preoccupiamo di non prendere una lavata.

Evitata la deviazione per il Dosso dell’Apice, il sentiero prosegue superando una serie di roccoli che assomigliano più a baite, per poi sbucare successivamente alla Malga Garotta. Qua ci incartiamo un attimo, nonostante ci sia una palina indicativa il sentiero non è visibile, la neve ha cancellato tutto, noi per non sapere ne leggere ne scrivere puntiamo dritti e ripidamente verso la breve dorsale che ci porta al Monte Visigno. 2h.

Il Monte Visigno era l’obiettivo minimo, poi si pensava di andare verso la trattoria Marilisa, che si trova ad un ora di cammino, ma essendo solo le 11:15 comincia a frullarci in testa una malsana idea. Scesi al Passo Croce, decidiamo di abbandonare l’idea di andare in trattoria per tentare la salita al M. Ario, anche se oggi non sembra la giornata ideale visto che… tira un vento mostruoso!
Nonostante camminiamo nel bosco, il vento si fa sentire, e la neve fresca caduta nella notte proprio non è di aiuto, ma arriviamo al Goletto di Nasso e qua valutiamo il da farsi; vediamo una coppia che prende la direzione del M. Ario , camminando con altre persone si prende coraggio, ma dopo poco i due spariscono, scendendo vendo il Campo di Nasso. Non arretriamo comunque dalla nostra decisione e in assetto da “combattimento” cominciamo ad affrontare la parte più dura della salita.

La pendenza sarà intorno ai 45°/50° e si cammina su una sorta di cornice di neve che spesso tende a sfaldarsi, bisogna fare attenzione, intanto il vento fortissimo fa perdere l’equilibrio e la neve è sparata come proiettili. Teniamo duro, quando si va in “fissa” la testa può superare qualsiasi ostacolo. Ci portiamo nella parte alta e con un ultimo sforzo arriviamo alla croce di vetta immersi in una vera bufera, la missione è compiuta, ma ora bisogna scendere, e velocemente. 3h30. Calziamo i ramponi e con passo spedito ci portiamo fuori dalla cornice nevosa, oltrepassiamo una breve zona ghiacciata, e con gioia infinita ritorniamo al Goletto. E ora abbiamo fame.

Ritorniamo nei pressi del Passo Croce, lì nei pressi c’è il Roccolo Fetta che offre riparo dal vento e comodità di seduta. Dopo aver consumato un pasto piuttosto frugale prendiamo la direzione per la Malga Confine, camminando ai piedi del M.Visigno, in questo tratto siamo riparati dal vento. Passiamo la malga e prendiamo la sterrata per Ludizzo, dopo aver perso un po di quota la sterrata comincia a risalire con decisione sino alla Malga Garotta, dove ora riprendiamo il sentiero fatto all’andata.
Passiamo la zona dei roccoli, poi una volta arrivati alla deviazione per il M. Croce decidiamo per una sua veloce salita; in 3 minuti siamo alla croce e in altri 5 siamo sull’impercettibile Dosso dell’Apice. Ora si scende senza altre deviazioni, e quando arriviamo a Ludizzo la neve è sparita e i gradi sono 8. Il vento l’abbiamo lasciato alle nostre spalle.

Nota 1): Bella salita al M. Ario partendo dalla zona di Bovegno, in altre condizioni meteo si potrebbe allungare a piacere l’escursione, ma oggi era davvero proibitivo azzardare oltre. L’escursione di per sè classificata E alla fine si è trasformata in EE.

Nota 2): Cazzeggi vari…

Lercio politica: “Vogliono costringermi a candidarmi”. Berlusconi denuncia Forza Italia per circonvenzione di incapace.

Hacker Lercio: Attacco hacker al Barcellona: partita mail con un’ offerta di 50 milioni all’Inter per Nagatomo.

Totocalcio: Inter-Roma 1:1. E chissenefrega!




A la prochaine! Menek,Rosa
  • Foto di Ludizzo
  • Foto di Ludizzo
  • Foto di Ludizzo
  • Foto di Ludizzo
  • Foto di Ludizzo
  • Foto di Ludizzo
  • Foto di Roccolo del Cuchet
  • Foto di Roccolo del Cuchet
  • Foto di Roccolo del Cuchet
  • Foto di Roccolo del Cuchet

Commenti

    You can or this trail