-
-
1.226 m
494 m
0
2,2
4,3
8,64 km

Visto 87 volte, scaricato 8 volte

vicino San Daniele, Veneto (Italia)

Pont de le Levine - sentiero 1036A - Zeuda - Bivacco Nino Lot - sentiero 1036A - Pigotera - sentiero 1036A - Cadolten - S. Floriano - S. Antonio - Pian de Tieda - Pont de le Levine

Itinerario ad anello che si sviluppa interamente su sentiero 1036A. Da Fregona si supera l’abitato di Osigo percorrendo la strada che porta al Cansiglio. Dopo un paio di tornanti si giunge al Pont de le Levine, possibilità di parcheggio nei pressi. Attraversato il ponte si incontra sulla sx una tabella in legno che indica la partenza del sentiero Nino Lot. Dopo un primo passaggio nel bosco si attraversa una piccola area prativa con alcuni ruderi in località Bar. Qui si gira a sx giungendo ai piedi di una stalla abbandonata posta in località Zeuda. La traccia prosegue a dx rientrando nel bel bosco di frassini e carpini. Si sale a tornanti lungo un sentiero ben segnalato. Oltrepassati i resti di una vecchia teleferica (fune metallica) il sentiero si snoda tra affioramenti rocciosi fino al bivio con Sentiero dei Balot (quota 800 m, piccola targa metallica fissata su una pietra). Si trascura la deviazione proseguendo a dx sulla traccia più evidente del sentiero 1036A. Aggirata la parete rocciosa si arriva al bivacco Nino Lot (1010 m.s.l.m., 50 minuti). Dal bivacco si continua a salire verso est lungo i passamani metallici. La pendenza da qui si riduce sensibilmente e dopo aver attraversato un canalone roccioso si entra in una comoda carrareccia che affianca due vecchie casere in località Pigotera. Un centinaio di metri dall’ingresso del bosco, il sentiero prosegue ripido sulla sx (piccola freccia rossa) a margine di un lungo vallone, fino a sbucare sui prati ai piedi del monte dei Foresti. Tra vecchie lame e ruderi di casere il sentiero porta alla conca di Caldoten ed al Capitello
di S. Floriano, storico crocevia di strade e sentieri. Si prosegue a sx in discesa sulla Strada del Santo (asfaltata) fino a raggiungere il capitello di S. Antonio, dove si apre uno splendido panorama sulla pianura sottostante, il Col Visentin, il Grappa, i Colli Asolani. Poco prima del capitello si identifica sulla sx una traccia di sentiero in direzione sud. E’ la continuazione del sentiero Nino Lot che scende a valle lungo i ripidi pendii del Crep della Scala. A quota 700 m si attraversa una strada forestale (piccola deviazione verso dx) per rientrare nell’ultimo tratto di bosco che riporta al Pont de le Levine.

Commenti

    You can or this trail